Pregliasco risponde a Salvini: "Il vaccino serve a tutti, rischi anche tra i giovani"

Il virologo: "L'1% nei giovani ha comunque delle complicanze. E poi c’è l’esigenza di garantire la scuola in continuità".

Fabrizio Pregliasco

Fabrizio Pregliasco

globalist 19 luglio 2021

Ormai non si possono commentare tutte le castronerie espresse dal Bolsonaro italiano in tema Covid: ogni volta che apre bocca viene puntualmente smentito dagli esperti nonostante pensi che lui sia al di sopra di tutti.

Fortunatamente nel governo in pochi lo ascoltano e non ha dovuto gestire questa pandemia fin dall’inizio.

“Nella battaglia contro Covid-19 è davvero importante la copertura vaccinale per tutte le fasce d’età, alla luce di un rischio che c’è per tutti. Anche nei giovani e nei giovanissimi, considerato che l′1% di loro ha comunque delle complicanze. Non sarà tantissimo, ma qualcuno soffre”.

Così il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all’università Statale di Milano, commenta le parole del leader della Lega Matteo Salvini, secondo il quale “l’obiettivo è garantire il vaccino a chi ha più di 70 anni, senza inseguire, multare e punire chi ha 20 e 30 anni, che ha diritto a tornare alla vita”.

Il medico ribadisce che “l’utilità del vaccino c’è, trasversale ad ogni età”, e che la copertura dovrà essere “la più ampia possibile”.”È vero che esiste un link diretto tra infezione da Sars-CoV-2 e una probabilità di malattia molto pesante via via che l’età avanza - premette l’esperto - però la vaccinazione è utile per tutti in un’ottica di “ridurre la diffusione di questo virus”.

“E poi c’è l’esigenza di garantire la scuola in continuità. Perché in autunno, se le cose si mettono un po’ male - avverte il virologo - potrebbe succedere com’è successo alla fine dello scorso anno scolastico, con la scuola aperta, ma classi bloccate da focolai”.