Covid-19, Pregliasco: "Dati sottostimati, baci e abbracci di fine anno porteranno un effetto rimbalzo dei contagi"
Top

Covid-19, Pregliasco: "Dati sottostimati, baci e abbracci di fine anno porteranno un effetto rimbalzo dei contagi"

Covid-19, Fabrizio Pregliasco: «E' possibile un effetto rimbalzo legato ai viaggi, baci e abbracci dell'ultimo dell'anno».

Covid-19, Pregliasco: "Dati sottostimati, baci e abbracci di fine anno porteranno un effetto rimbalzo dei contagi"
Fabrizio Pregliasco
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Dicembre 2023 - 10.40


ATF

Secondo Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano, il rischio Covid è ancora alto In Italia. «E’ possibile un effetto rimbalzo legato ai viaggi, baci e abbracci dell’ultimo dell’anno». Intervistato dall’AdnKronos, Pregliasco ha commentato il monitoraggio settimanale: «I dati di incidenza sono sicuramente sottostimati», sottolinea. «Non siamo ancora in una fase di picco, anche se il raggiungimento del picco lo si vede solo una volta che la curva dei contagi inizia ad abbassarsi».

Se è vero che il report Iss-ministero indica per la settimana 21-27 dicembre un’incidenza pari a 70 casi ogni 100mila abitanti, in discesa rispetto ai 103/100mila del periodo 14-20 dicembre, «tale calo – avvertono gli esperti nel monitoraggio – potrebbe, in parte, essere attribuibile a una ridotta frequenza di diagnosi effettuate durante i giorni festivi». Pregliasco concorda su una sottostima, «come vedremo anche dal rapporto RespiVirNet che monitora tutte le forme virali e sicuramente evidenzia ancora una salita complessiva – anticipa l’esperto – con un impatto notevole dell’influenza, che in Lombardia rappresenta oltre il 60% dei casi, e con una quota di Covid».

Leggi anche:  Inchiesta mascherine, la Procura chiede 1 anno e 4 mesi di carcere per Domenico Arcuri: le accuse dei Pm

Il direttore sanitario dell’Irccs ospedale Galeazzi-Sant’Ambrogio di Milano fa notare che «l’indice di trasmissibilità Covid è sempre al pelo della soglia epidemica di 1, poco sotto, quindi rimane il rischio di una fase espansiva». Quanto ai ricoveri, «i parametri della terapia intensiva sono in leggero aumento o comunque stabili – rimarca – con una lieve riduzione in area medica»

Native

Articoli correlati