Top

Fornaro: "La Russa inaccettabile sul 25 aprile, ancora non riconosce la Liberazione dal nazi-fascismo"

Federico Fornaro (Articolo uno), deputato del gruppo Pd-Italia democratica e progressista contro La Russa che ha detto che il 25 aprile non sfilerà perché è la festa di una 'certa sinistra'

Fornaro: "La Russa inaccettabile sul 25 aprile, ancora non riconosce la Liberazione dal nazi-fascismo"

globalist Modifica articolo

30 Ottobre 2022 - 11.26


Preroll

Il revisionismo storico della destra non è mai cessato. Ma ha ripreso impeto dal 1994 con l’avvento di Berlusconi e dei suoi alleati post-fascisti che hanno cominciato a martellare contro la Resistenza, a riabilitare Salà mentre il campo anti-fascista, in piena sindrome di Stoccolma, arretrava fino a considerare (in alcuni casi) l’antifascismo una sorte di orpello di cui liberarsi.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Ora che un nostalgico del fascismo come La Russa è vice-presidente del Senato possiamo capire dove ci ha portati la parabola degli ultimi 30 anni.

Middle placement Mobile

 «Le affermazioni del presidente del Senato, Ignazio La Russa, sul 25 aprile sono inaccettabili e confermano la difficoltà della destra italiana a riconoscersi nella storia del nostro paese. Il 25 aprile è festa nazionale perché la Repubblica e la Costituzione senza la lotta di Liberazione contro il nazifascismo non ci sarebbero stati. Il presidente del Senato quindi ripassi la storia e non segua, oggi che è la seconda carica dello stato, la lettura di chi vive quel passaggio della storia nazionale ancora come una sconfitta e una vittoria della sinistra. Il 25 aprile fu la vittoria della libertà e della democrazia contro il regime fascista e la conclusione di un guerra patriottica per liberare l’Italia dall’esercito nazista occupante».

Dynamic 1

Lo scrive in una nota Federico Fornaro (Articolo uno), deputato del gruppo Pd-Italia democratica e progressista.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile