Top

Israele, Netanyahu prova a fare il moderato ma la parte non gli si addice

Benjamin Netanyahu ha messo da parte, almeno per una volta, il suo ego ipertrofico, cercando di dare l’immagine del leader dell’opposizione che in un momento di particolare tensione tende la mano a chi è al governo.

Israele, Netanyahu prova a fare il moderato ma la parte non gli si addice
Benjamin Netanyahu

globalist

15 Agosto 2022 - 12.23


Preroll

Di Umberto De Giovannangeli

OutStream Desktop
Top right Mobile

Per provare a dare una immagine da leader non troppo ancorato all’estrema destra, Benjamin Netanyahu ha messo da parte, almeno per una volta, il suo ego ipertrofico, cercando di dare l’immagine del leader dell’opposizione che in un momento di particolare tensione, mentre era in corso l’ennesima operazione militare nella Striscia di Gaza e i razzi del Jihad islamico piovevano su Israele, tende la mano a chi è al governo.

Middle placement Mobile

Prove di “moderazione”

Dynamic 1

E’ sempre Yossi Verter a raccontarne su Haaretz: “Domenica, per la prima volta in 14 mesi, il leader dell’opposizione si è preoccupato di notare che Israele ha un altro primo ministro. Voleva un briefing sulla sicurezza da parte del segretario militare del primo ministro. Lapid gli ha negato questa fantasia, così Bibi è stato costretto a trascinarsi nell’ufficio di Lapid.

Nel pomeriggio, dopo il briefing sulla sicurezza con il primo ministro e il suo segretario militare, il Brig. Gen. Avi Gil, gli uffici hanno rilasciato ciascuno una dichiarazione sull’incontro. La dichiarazione di Netanyahu, ovviamente, non parlava del briefing, ma dei saggi consigli dati a Lapid. Non dimentichiamo che l’operazione era già ampiamente conclusa. In un modo o nell’altro, entrambe le dichiarazioni sono state educate e laconiche, relativamente parlando.

Dynamic 2

Ma ogni dichiarazione è stata pubblicata con una foto diversa. La foto dell’ufficio di Netanyahu mostrava lui e Lapid sorridenti come se avessero appena raccontato una barzelletta. (Yossi Sarid una volta mi ha raccontato che quando, da leader dell’opposizione, andava a fare riunioni con Ariel Sharon, i due spettegolavano sui membri del gabinetto e scoppiavano a ridere. Sharon, ha detto, era molto più velenoso di lui, cosa non da poco).

Nella foto rilasciata dall’Ufficio del Primo Ministro, i due sembrano molto seri. Entrambe le immagini sono state scattate dall’Ufficio stampa del governo. Ciò ha sollevato la domanda: come ha fatto Netanyahu a entrare in possesso della foto sorridente?

Dynamic 3

Ho indagato sulla questione. È emerso che, in un atto di buona fede, i portavoce di Lapid hanno inviato alcune foto a quelli di Netanyahu, in modo che i due team potessero decidere quale immagine pubblicare. C’è stato un dibattito. Lapid ha preferito la foto seria, sostenendo che i civili israeliani minacciati dal lancio di razzi si trovavano in rifugi antiatomici e stanze sicure.

Netanyahu ha preferito l’immagine più spensierata, forse per inviare il messaggio che “l’ex primo ministro” non ha davvero bisogno di briefing sulla sicurezza; dopo tutto, è il signor Sicurezza. La foto che ha scelto mostrava un incontro sociale, non un briefing da parte di qualcuno di più alto livello.

Dynamic 4

Il team di Lapid ha suggerito di continuare il dialogo fino al raggiungimento di un accordo, ma poi il team di Netanyahu ha twittato la sua foto preferita. “Abbiamo finito per sembrare piuttosto stupidi”, ha detto un membro del team di Lapid al primo ministro. “Lascia perdere”, ha risposto lui. “I delinquenti saranno sempre delinquenti”.

Kahana, angolo di Eisenkot

Dynamic 5

Mercoledì pomeriggio, Matan Kahana e Ayelet Shaked si sono incontrati ancora una volta. Lei gli ha dato un ultimatum: il terzo posto nel nuovo biglietto dello Spirito Sionista, riservato a chi porta la kippa, gli sarà riservato al massimo fino alla fine della prossima settimana. Lascia che sia lui a decidere dove andare.

Kahana è esitante. Se il partito di Shaked supererà la soglia elettorale del 3,25%, probabilmente Netanyahu otterrà i 61 seggi necessari per formare una coalizione. Non è questo il governo di cui Kahana vuole far parte, certamente non sotto l’uomo che lo guida. Kahana propende chiaramente per il Kahol Lavan di Gantz. Ha parlato con Chili Tropper, il responsabile politico di Gantz.

Kahana si trova in una posizione unica: Se va con la Shaked, aumenta le sue possibilità di superare la soglia. Se si unisse a Kahol Lavan, potrebbe eliminare le possibilità dello Spirito Sionista e impedire a Netanyahu di formare un governo.

Kahol Lavan ammette che Kahana può conquistare almeno mezzo seggio di elettori di maglia-kippa che disdegnano il partito di estrema destra di Ben-Gvir e Bezalel Smotrich. Nel frattempo, Kahol Lavan lo lascia aspettare. Nella prossima settimana, un mese prima che le liste del partito siano sigillate, il partito di Gantz deciderà se portarlo a bordo.

Una persona che Kahana ha incontrato di recente, molto probabilmente per discutere della possibilità di unire le forze, è Gadi Eisenkot. L’ex capo di stato maggiore dell’IDF, una persona incredibilmente seria e orientata ai valori, è il biglietto più caldo nella stagione elettorale del 2022. Ha promesso di rivelare la sua decisione entro il 15 agosto, lunedì. Nelle ultime settimane, Eisenkot ha tenuto incontri con i suoi due pretendenti, Lapid e Gantz, e con Sa’ar. Qualche settimana fa ha incontrato il capo dei laburisti Merav Michaeli su richiesta di quest’ultima, ma solo perché non voleva rifiutarla. Dal suo punto di vista, i laburisti non sono un’opzione, cosa che non ha impedito a Michaeli di organizzare l’incontro a modo suo.

Kahol Lavan ritiene che alla fine Eisenkot rinuncerà alla campagna. Altri lo hanno sentito parlare di come Kahol Lavan sia troppo piccolo per formare un governo, mentre Yesh Atid può essere abbastanza grande ma non ha ancora un governo, nemmeno in teoria.

Non bisogna trarre conclusioni affrettate, mi ha detto un confidente di Eisenkot. Il quadro è molto complesso. Ma non preoccupatevi, ha promesso, Eisenkot farà un annuncio domenica o lunedì. Il periodo di attesa è finito e i leader dei partiti saranno liberi di completare le loro liste”.

Fin qui Vertel.

Il “fenomeno” Levin incombe su Israele

Ne scrive, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Ravit Hecht: “L’unica cosa che si sapeva e si concordava in anticipo nelle vivaci e tumultuose primarie del Likud era il risultato di Yariv Levin, che ha conquistato il primo posto. Questa persona pacata, che spesso sembra una persona che si è appena scrollata di dosso il sonnellino pomeridiano, è riuscita a superare le divisioni e le controversie tra i diversi schieramenti che erano al centro di queste primarie.

Era popolare tra i “liberi elettori” che Netanyahu incoraggiava a votare, in un atto quasi disperato di ritardare la chiusura delle urne, nel tentativo di promuovere i candidati che desiderava (come il giornalista Boaz Bismuth). Levin era anche popolare tra i dealmaker, che in molti casi hanno fatto avanzare candidati che Netanyahu avrebbe preferito lasciare indietro (come David Bitan).

Levin è attualmente l’operatore più sofisticato della politica israeliana e ha contribuito più di chiunque altro a minare il “governo del cambiamento” guidato da Bennett e Lapid. La sua lunga vicinanza a Netanyahu non è andata a suo discapito, ovviamente, ma la fonte del suo successo è molto più profonda della sua fedeltà a un leader.

Levin è la figura più importante e più veterana tra i nemici del sistema giudiziario che stanno complottando per distruggerlo o, secondo le loro parole, “per trasformarlo dalle fondamenta”. Era lì molto prima che questo diventasse di moda a destra, un emblema della propria identità e affiliazione. Era lì quando Netanyahu era ancora orgoglioso dei suoi rapporti cordiali con i giudici della Corte Suprema, senza immaginare che un giorno avrebbe usato l’espressione carica di significato “processo Dreyfus” riferendosi a se stesso. Come gli artisti che perseverano per anni lavorando in una nicchia ristretta, finché all’improvviso qualcosa nel clima culturale si aggancia alla loro visione del mondo e le masse si rivolgono a loro, questo è il caso di Levin, del sistema giudiziario e degli elettori del Likud.

Più di ogni altra cosa, l’elezione di Levin attesta il fatto che il più grande partito in Israele, il partito al potere per la maggior parte degli ultimi decenni, rappresenta attualmente un’agenda radicale e rivoluzionaria che nega la legittimità del sistema giudiziario in particolare e dello Stato di diritto in generale. Questo suona chiaramente pericoloso e confuso, un triste sviluppo dai tempi in cui Menachem Begin, tanto desiderato dalla sinistra, parlava così favorevolmente dei “giudici di Gerusalemme”.

L’attuale atteggiamento può essere attribuito alla follia del processo a Netanyahu. In realtà, si tratta di una logica evoluzione della destra israeliana e il processo, con tutte le feroci emozioni che evoca, è un veicolo perfetto per l’accelerazione di un processo molto più ampio.

In un’intervista rilasciata ad Haaretz nel settembre 2017, Bitan, allora forte leader della coalizione di governo e buon amico di Netanyahu, affermò che il più grande errore commesso da Begin dopo lo sconvolgimento elettorale del 1977 fu quello di lasciare intatta la vecchia funzione pubblica professionale. Dopo 40 anni di governo, si può dire che il Likud sia ansioso di completare la rivoluzione: demolendo ogni traccia di statalismo, che viene visto come una costruzione imposta dal vecchio partito Mapai, e rimodellando le istituzioni statali secondo lo stampo dell’attuale maggioranza.

La destra statalista, i cui aderenti sono ora indicati come l’elettorato di riferimento, è una piccola appendice che si rifiuta di crescere, poiché il suo credo, soprattutto ora, implica una contraddizione intrinseca piuttosto che l’abbraccio di un programma unificato ed entusiasta (uno sforzo che ricorda il conflitto nella sinistra sionista, divisa tra le aspirazioni alla giustizia umanista e la conservazione della nazione ebraica).

Una fonte governativa di alto livello ha dichiarato prima delle elezioni di non temere il ritorno al potere di Netanyahu o la crescente forza di Itamar Ben-Gvir. Al contrario, vedeva nel fatto che Yariv Levin sarebbe diventato ministro della Giustizia la più grande minaccia che incombeva sulla democrazia israeliana.

Non è lo stile abrasivo di David Amsalem o il populismo di Miri Regev, e nemmeno lo stile aggressivo di Amir Ohana al Ministero della Giustizia che deve preoccupare quando si pensa a una maggioranza alla Knesset nel blocco di Netanyahu. Il trasferimento dell'”educato e colto” Levin al Ministero della Giustizia, che ha preso slancio questa settimana, è il vero pericolo”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile