Usa-Israele, sanzionare il battaglione ultraortodosso non basta: vanno colpiti i mandanti politici
Top

Usa-Israele, sanzionare il battaglione ultraortodosso non basta: vanno colpiti i mandanti politici

Globalist ha documentato, con il prezioso contributo delle voci libere del giornalismo israeliano, la pericolosa infiltrazione dell'estrema destra dentro l'unica istituzione che nella storia dello Stato ebraico ha rappresentato l'unione nazionale: l'eser

Usa-Israele, sanzionare il battaglione ultraortodosso non basta: vanno colpiti i mandanti politici
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

25 Aprile 2024 - 16.19


ATF

In tempi in cui la Palestina non faceva notizia, come non lo faceva la deriva etnocratica d’Israele, Globalist, fuori dal coro dei falsi “smemorati”,  ha documentato, con il prezioso contributo delle voci libere del giornalismo israeliano, la pericolosa infiltrazione dell’estrema destra dentro l’unica istituzione che nella storia dello Stato ebraico ha rappresentato l’unione nazionale: l’esercito.  Per questo i nostri lettori non sono rimasti sorpresi dalla notizia, sparata anche dalla stampa mainstream, delle possibili sanzioni americane ad un battaglione ultraortodosso dell’Idf.

Sanzionare i mandanti

Vedremo se alle intenzioni dichiarate seguiranno i fatti, cosa di cui ci permettiamo di dubitare. Ma il punto cruciale non è neanche questo. È che la vera svolta si avrà quando gli Stati Uniti sanzioneranno i responsabili politici di questa deriva: Netanyahu e i suoi ministri dell’ultradestra.

Molto chiaro in proposito, su Haaretz, è Alon Pinkas, tra i più autorevoli analisti israeliani, con un passato di responsabilità nella diplomazia di Tel Aviv. Annota Pinkas: “ Il fatto che gli Stati Uniti stiano valutando di applicare la “Legge Leahy” a un’unità militare israeliana, il battaglione ultraortodosso Netzah Yehuda, è un grosso problema. Non perché si tratti di una mossa senza precedenti, ma per l’inequivocabile messaggio politico che invia.

Sebbene l’impatto delle sanzioni previste dalla legge possa essere molto limitato, gli Stati Uniti stanno essenzialmente riconoscendo una verità scomoda: un’unità da combattimento dell’esercito israeliano si comporta come una milizia.

Ciò significa che alcune delle sue operazioni in Cisgiordania sono illegali, al di fuori dei confini della legge. Ciò significa che l’unità non esegue gli ordini, disobbedisce alla catena di comando o ha una catena di comando politica parallela composta da rabbini – ultraortodossi o religiosi-sionisti – negli insediamenti israeliani. Qualsiasi altra interpretazione è come mettere il rossetto su un maiale.

In secondo luogo, gli Stati Uniti stanno tracciando un chiaro contrasto tra Israele e la Cisgiordania. Questo non dovrebbe essere preso alla leggera o liquidato come un tecnicismo ad hoc. È degno di nota il fatto che l’annuncio degli Stati Uniti, che dovrebbe essere ufficializzato nei prossimi giorni, sia coinciso, per quanto non scritto, con l’autorizzazione da parte della Camera dei Rappresentanti della richiesta dell’amministrazione Biden di fornire a Israele da 14,5 a 16,5 miliardi di dollari in sistemi d’arma e munizioni (26 miliardi di dollari per l’intero pacchetto nel tempo).

Questo si aggiunge alla sovvenzione militare annuale di 3,8 miliardi di dollari e agli oltre 300 milioni di dollari di munizioni trasferiti a Israele dall’inizio della guerra in ottobre.

Tutto ciò è particolarmente pertinente alla luce delle prevedibili, ma comunque comiche, reazioni dei politici israeliani. Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, anch’egli un faro mondiale della moralità, un uomo che ancora rifiuta di assumersi la responsabilità per la disfatta del 7 ottobre, ha dichiarato che le sanzioni al Battaglione Netzah Yehuda sono “il massimo dell’assurdità e una bassezza morale”.

Il deputato del Likud Tally Gotliv alla Knesset questo mese. “Sono stanca del controllo degli Stati Uniti su Israele”, ha detto riferendosi alla questione del Battaglione Netzah Yehuda.

Il Ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, che non ha ancora commentato l’abbassamento del rating a lungo termine di Israele da parte di S&P la scorsa settimana – in un contesto di peggioramento delle prospettive di crescita economica e del deficit di bilancio – ha trovato il tempo per qualche lamento sacrosanto. Ha annunciato che la decisione degli Stati Uniti è “una follia assoluta mentre Israele sta lottando per la sua sopravvivenza”. Sì, la sopravvivenza. “Abbiamo avvertito”, ha ricordato al mondo senza specificare chi sia “noi”, “che le sanzioni dell’amministrazione Biden saranno estese all’intero Idf e allo Stato di Israele”.

Leggi anche:  Israele distrugge con i bulldozer parti del campo profughi di Jabalia e uccide altri sei bambini

Secondo Smotrich, Israele è ora nell’ospitale compagnia di Vladimir Putin, Ali Khamenei e Kim Jong Un, altre vittime innocenti dell’indescrivibile crudeltà americana. Per quanto riguarda i 14,5 miliardi di dollari, Smotrich è meno impressionato e naturalmente presume che si tratti di un dono di Dio a Israele, non del contribuente americano.

Un’altra scienziata missilistica che lavora per Netanyahu, Tally Gotliv, un ibrido di Marjorie Taylor-Greene e Lauren Boebert ma senza il loro fascino naturale, ha battuto Smotrich con il suo solito stile e la sua grazia. Prenditi un momento per leggere attentamente questa frase: “Chi siete voi, Stati Uniti d’America, per osare imporre sanzioni al battaglione ultraortodosso Netzah Yehuda? Questo è antisemitismo contemporaneo!”.

Gotliv ha poi offerto un doloroso lamento: “Sono stanco del controllo degli Stati Uniti su Israele e di queste chiare minacce nei nostri confronti. … Gli Stati Uniti stanno calpestando Israele in modo sofisticato, dando una pacca e poi uno schiaffo sulla guancia”. La frase drammatica e straziante è stata lasciata per ultima: “Mi rifiuto di essere un paese maltrattato!”, ha detto la donna che ha fatto carriera come avvocato per difendere gli stupratori accusati.

Il ministro dell’Agricoltura Avi Dichter ha mantenuto un tono laconico e tagliente: “Abbassatevi”, ha detto agli Stati Uniti. Il membro del gabinetto di guerra Benny Gantz, che era ministro della difesa quando gli americani hanno iniziato a indagare sulla questione, ha sicuramente pensato di rassicurare la nazione dicendo che “parlerò con Tony [Blinken] e lo convincerò”.

È fantastico. “Parlerò con Tony” è una battuta dei “Soprano”, non una politica estera.

La Legge Leahy del 1997 prende il nome dal suo principale autore, il senatore Patrick Leahy, un democratico del Vermont che ha lavorato al Senato per quasi quarant’anni fino all’anno scorso. Si riferisce a due disposizioni di legge che vietano al governo degli Stati Uniti di “utilizzare fondi per l’assistenza a unità di forze di sicurezza straniere in presenza di informazioni credibili che implicano l’unità in questione nella commissione di gravi violazioni dei diritti umani”. Una disposizione si applica al Dipartimento di Stato e la seconda al Dipartimento della Difesa.

Il processo di indagine e controllo viene condotto per mesi o anni dai dipartimenti e dalle agenzie competenti presso l’ambasciata statunitense nel paese in questione.

La legge è stata originariamente concepita per combattere il traffico di droga ed è stata applicata alle unità militari, paramilitari e di polizia in Colombia, Bolivia e Messico, oltre che in Turchia, un membro della Nato. In seguito, la legge è stata ampliata e integrata nel Foreign Assistance Act del 2008.

Il ministro della Difesa Yoav Gallant in visita al nord la scorsa settimana. “Un colpo a un battaglione è un colpo a tutto l’establishment della difesa israeliana”, ha dichiarato il ministro.

Leggi anche:  L'estremista di destra Ben-Gvir vuole la Striscia di Gaza: via i palestinesi sì a insediamenti ebraici

Il Battaglione Netzah Yehuda, o 97° Battaglione della brigata di fanteria Kfir, è stato sottoposto a controlli da parte degli Stati Uniti per mezzo decennio e più da vicino dal 2022. Questo solleva la questione principale: Anche se le accuse si rivelassero esatte e le sanzioni fossero giustificate, non si tratterebbe di una comoda scappatoia?

Tre gradi sopra il battaglione c’è un maggiore generale, il capo del Comando Centrale. Sopra di lui c’è il capo di stato maggiore dell’Idf, un tenente generale. Sopra di lui c’è un funzionario civile, il ministro della difesa, e sopra di lui il primo ministro. Se la Legge Leahy riguarda le violazioni dei diritti umani, allora l’intero livello politico deve essere chiamato a rispondere per decenni o almeno fino al momento in cui è iniziata l’indagine. Se si tratta degli ultimi anni, in particolare del mandato del governo estremista di destra messianico-religioso di Netanyahu, allora ditelo in modo inequivocabile. Se queste violazioni possono essere dimostrate come uno schema ricorrente che non è stato affrontato dal sistema giudiziario israeliano, dillo. Se la difesa di Israele è “il nostro sistema giudiziario”, lo stesso che Netanyahu si è prefissato di distruggere lo scorso anno, e non ti fidi, dillo.

Sanzionare un battaglione, con poche implicazioni pratiche, non è una politica. È un’applicazione della legge statunitense. Ma è anche un duro avvertimento, perché ciò che fanno gli Stati Uniti viene rapidamente emulato dall’UE. Quando il Ministro della Difesa Yoav Gallant ha osservato che “un colpo a un battaglione è un colpo all’intero establishment della difesa israeliana”, forse non si è reso conto che è esattamente così”, conclude Pinkas.

Una metastasi che si sta espandendo

Così descrive questo processo in stato avanzato, Sami Peretz, che sul quotidiano progressista di Tel Aviv scrive: “L’amministrazione statunitense sta valutando la possibilità di imporre sanzioni al battaglione Netzah Yehuda dell’Idf, a causa di quelle che considera violazioni dei diritti umani da parte dei suoi soldati negli scontri con i palestinesi.

Da alcuni mesi l’amministrazione sta agendo contro i coloni violenti e altri elementi di destra attraverso l’imposizione di sanzioni, ma finora queste sono state dirette contro civili o enti civili.

Il significato delle sanzioni contro i civili è che gli Stati Uniti non hanno fiducia nelle forze dell’ordine israeliane quando si tratta di vittime palestinesi. Ma una sanzione contro un’unità militare dimostra che nemmeno gli americani si fidano delle forze armate, ritenendo che l’esercito sia troppo indulgente nei confronti dei soldati che hanno commesso reati.

L’intenzione degli Stati Uniti ha messo in agitazione l’intero sistema politico, dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu e il Ministro della Difesa Yoav Gallant, ai membri del gabinetto Benny Gantz e Gadi Eisenkot e al leader dell’opposizione Yair Lapid, tutti intervenuti in difesa del battaglione, dicendo agli americani che non c’è alcuna giustificazione per imporre sanzioni a un’unità militare.

Accettano sommessamente le richieste degli Stati Uniti di inviare aiuti umanitari a Gaza, di stabilire un molo a Gaza per lo scarico delle spedizioni di aiuti e la richiesta di posticipare una campagna a Rafah, ma quando gli Stati Uniti iniziano a marcare le unità militari e a imporre sanzioni contro di loro, questo viene percepito come un intervento intrusivo nella gestione dei vertici militari tattici.

Leggi anche:  Quel video dell'orrore e il più grande criminale nella storia d'Israele

Questa mossa mina la gerarchia di comando dell’Idf e getta un’ombra pesante sul sistema giudiziario dell’Idf, dipingendo gli alti comandanti come se stessero chiudendo un occhio sui soldati disonesti. Di fatto, presenta il battaglione Netzah Yehuda come una sorta di milizia o un braccio militare del partito Otzma Yehudit.

Più che colpire l’unità in sé, mette in cattiva luce i vertici dell’Idf, presentando i vertici come persone che hanno ceduto alle pressioni politiche. Queste pressioni sono aumentate negli ultimi anni e si sono particolarmente accentuate dopo l’insediamento dell’attuale governo di destra, in cui estremisti come Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir giocano un ruolo importante.

Il fatto che gli americani sospettino che l’Idf stia cedendo alle pressioni e non agisca con determinazione contro i soldati disonesti obbliga i vertici politici a riordinare i rapporti con l’esercito per quanto riguarda l’applicazione della disciplina militare.

In effetti, l’establishment politico israeliano sta facendo i conti con il frutto marcio della vicenda di Elor Azaria. Azaria era un soldato che nel 2016 ha sparato e ucciso un terrorista ferito, anche se il terrorista non rappresentava più un pericolo per nessuno.

Azaria stava violando le regole di ingaggio e i valori dell’Idf. Invece di permettere ai militari di indagare e processare Azaria, l’incidente è stato tolto dalle mani dell’esercito, diventando un affare politico pubblico. Da una parte c’erano l’allora Capo di Stato Maggiore Gadi Eisenkot e il Ministro della Difesa Moshe Ya’alon, dall’altra molti politici, tra cui Avigdor Lieberman, Naftali Bennett e Itamar Ben-Gvir (prima di essere eletto alla Knesset).

I primi ritengono che si tratti di un grave incidente che non riflette i valori dell’Idf. Hanno espresso il timore che potesse infiammare l’arena palestinese. I secondi hanno cercato di sfruttare politicamente la vicenda tra gli elettori di destra. A loro si è unito il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, che in un primo momento ha condannato la sparatoria ma poi si è allineato alla sua base elettorale.

Trasformare un incidente militare in una questione politica in cui i politici incoraggiano un soldato che ha sbagliato, invece di lasciare che l’esercito si occupi del caso, ora torna come un boomerang a colpire i politici. Sono infastiditi dall’intervento americano nei meccanismi interni dell’Idf, ma hanno fatto proprio questo nel caso Azaria, esercitando pressioni politiche e cercando di sottrarre ai militari la decisione sul da farsi.

Chiunque ficchi il naso negli affari militari professionali e legati ai valori anche se non è il suo ruolo, solo per raccogliere il sostegno dell’opinione pubblica, non dovrebbe sorprendersi se gli Stati Uniti fanno la stessa cosa. Per evitare le sanzioni americane contro un’unità dell’Idf è necessario innanzitutto desistere dall’esercitare pressioni politiche locali sull’esercito, rafforzando al contempo la sua indipendenza in relazione alla struttura di comando, alla giustizia e alla disciplina”, conclude Peretz.

Ma per procedere su questa retta via, nostra chiosa finale, occorre liquidare il governo più razzista e colonizzatore nella storia d’Israele. 

Native

Articoli correlati