Top

Da Buffalo a Jenin: quel "cigno nero" e la scia di sangue che porta con sé

La polizia israeliana aggredisce brutalmente i partecipanti al funerale della giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh. E il suprematista che ha ucciso a Buffalo: qual è il legame?

Da Buffalo a Jenin: quel "cigno nero" e la scia di sangue che porta con sé
Shireen Abu Akleh.

Umberto De Giovannangeli

18 Maggio 2022 - 16.22


Preroll

Da Buffalo a Gerusalemme: il cigno nero e quella scia di sangue che unisce fatti all’apparenza distanti e non solo chilometricamente.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Quel cigno nero

Middle placement Mobile

A mettere in evidenza un legame all’apparenza “incredibile” è un interessante articolo per Haaretz di David Rothkopf . Giornalista e scrittore, il suo ultimo libro s’intitola Traitor: A History of Betraying America from Benedict Arnold to Donald Trump“. È anche conduttore di podcast e amministratore delegato del Rothkopf Group. 

Dynamic 1

“Un diciottenne – scrive Rothkopf – entra in un negozio di alimentari di Buffalo, New York, e apre il fuoco, uccidendone dieci. Sulla canna della sua pistola è scritto un epiteto razzista così offensivo che la maggior parte dei media lo chiama semplicemente “n-word”.

La polizia israeliana aggredisce brutalmente i partecipanti al funerale della giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh. Strappano la bandiera palestinese dal carro funebre che trasporta la bara di Abu Akleh. 

Dynamic 2

Due eventi lontani tra loro. Cosa potrebbero mai avere in comune?

Dopo tutto, l’assassino di Buffalo, Payton S. Gendron, era un antisemita dichiarato che temeva che gli ebrei, i neri e le persone di colore stessero cercando di “sostituire” i bianchi. Un altro simbolo sulla sua pistola, il numero 14, evocava un credo della supremazia bianca: “Dobbiamo garantire l’esistenza del nostro popolo e un futuro per i bambini bianchi”. Era un criminale. Secondo la polizia israeliana, stavano cercando di “facilitare un funerale calmo e dignitoso”. Cosa potrebbe mai avere a che fare il loro comportamento con quello di un razzista squilibrato che percepisce coloro che sono diversi da lui come una minaccia mortale e, di conseguenza, si sente giustificato a ricorrere alla violenza contro di loro?

Dynamic 3

Gendron è stato collegato a un manifesto di 180 pagine in cui elogiava altri pistoleri razzisti, tra cui Robert Gregory Bowers, l’uomo che ha attaccato la sinagoga Tree of Life di Pittsburgh in cui sono morte 11 persone e altre sei sono rimaste ferite. Come potrebbe mai avere qualcosa in comune con una forza di polizia incaricata di proteggere un popolo che lui deplora?

Eppure: l’impulso alla base di entrambe le aggressioni era l’odio alimentato dalla paura dell'”altro”. Sì, sia Gendron che la polizia israeliana hanno agito con sconsiderato disprezzo per la vita o la decenza umana. Sì, sia la polizia che Gendron stavano attivamente proteggendo una visione del mondo in cui le persone di razza e credo diversi sono viste come inferiori, in cui negare loro le libertà fondamentali, persino privarle della vita, è diventato un luogo comune.

Dynamic 4

Sì, la teoria della sostituzione dei bianchi sostenuta da Gendron è stata promossa dai media di destra come Fox News di Rupert Murdoch. E sì, quando la star della Fox Tucker Carlson è stato attaccato per aver sposato la “teoria della sostituzione dei bianchi”, la sua difesa è stata quella di citare il caso di Israele: “È irrealistico e inaccettabile aspettarsi che lo Stato di Israele sovverta volontariamente la propria esistenza sovrana e la propria identità nazionalista e diventi una minoranza vulnerabile all’interno di quello che una volta era il suo territorio”.

In effetti, questi potenti movimenti politici e i loro benefattori, accoliti e amplificatori dei media hanno lavorato per istituzionalizzare la loro intolleranza. Questo è il caso sia che si manifesti negli Stati Uniti con gli sforzi per non riconoscere gli elettori di colore, con un muro di confine o con la messa in gabbia dei bambini, sia che si manifesti in Israele con un sistema che è stato accuratamente condannato per aver imposto un sistema di apartheid, di cittadinanza di seconda classe, di diritti limitati e di violenza seriale contro i palestinesi.

Dynamic 5

No, Gendron non lavorava per lo Stato quando ha commesso il suo crimine, come la polizia israeliana quando ha brutalmente e ingiustificatamente attaccato dei lutti. Ma il suo razzismo era direttamente collegato a un potente movimento politico negli Stati Uniti – lo stesso movimento che gli ha messo una pistola in mano – proprio come nel caso della polizia israeliana che ha preso a bastonate i portatori della bara e ha negato un funerale decente a un cittadino palestinese-americano ampiamente rispettato che meritava molto di più.

Naturalmente, è facile collegare questi due atti perché entrambi erano indecenti, ripugnanti, offensivi per qualsiasi standard di moralità. E c’è il pericolo di confondere gli eventi solo perché sono vicini nel tempo. Sarebbe un errore farlo se tale analogia minimizzasse un crimine o ne travisasse un altro.

Per quanto ripugnanti siano stati i commenti di Carlson, è facilmente comprensibile la logica che lo ha portato a citare il punto di vista di Israele nei confronti dei palestinesi come quello dei suprematisti bianchi americani nei confronti dei non cristiani e dei non bianchi.

Il razzismo e l’odio dei media di destra in entrambi i Paesi sono direttamente collegati ai partiti politici negli Stati Uniti e in Israele che hanno attinto all’odio razziale e alle paure per alimentare la loro popolarità: nel caso degli Stati Uniti, il GOP, e in particolare il movimento MAGA di Donald Trump, e nel caso di Israele, le coalizioni di destra che hanno sostenuto Bibi Netanyahu e ora sostengono il primo ministro Naftali Bennett.

Detto questo, sarebbe anche un errore non vedere le somiglianze quando i due atti sono di fatto associati a movimenti tossici che rappresentano una profonda minaccia per i Paesi in questione, specialmente quando questi due Paesi sono strettamente associati come gli Stati Uniti e Israele.

Entrambi gli atti sono scaturiti da un odio irrazionale alimentato da politici etno-nazionalisti che hanno reso crimini come questi sempre più probabili, hanno offerto i presupposti per gli attacchi (anche se il comportamento mostruoso era di natura molto diversa) e, in un modo o nell’altro, hanno reso disponibili le armi utilizzate nei crimini. 

(E prima di dire che nessuno è morto nell’attacco israeliano, quanti palestinesi innocenti sono morti senza giustificazione per mano della polizia o dell’esercito israeliano? Non sappiamo ancora esattamente di chi sia il proiettile che ha ucciso Shireen Abu Akleh, ma è troppo facile citare altri casi. Sappiamo anche che le indagini sulla sua morte saranno probabilmente inconcludenti e che tali crimini continueranno, spesso come risultato di un calcolo istituzionale israeliano che valuta regolarmente le vite dei palestinesi a una frazione del valore attribuito a quelle degli israeliani).

Sono ben consapevole che alcuni non considereranno questa analisi come il tipo di dichiarazione ebraica americana critica nei confronti di Israele o del sionismo, spesso equiparata all’antisemitismo da coloro che appartengono alla destra israeliana. Questi, come quelli della destra americana, sono allergici al dissenso e inclini a mettere in dubbio il carattere dei loro avversari.

Ma se il sionismo significa sostenere il tipo di razzismo di Stato da cui è stato creato per sfuggire, allora sostenerlo e chiudere gli occhi sugli abusi e sui valori corrotti che li sottendono è in realtà il vero atto di antisemitismo.

Proprio come nel Partito Repubblicano negli Stati Uniti, molti membri dell’ala destra del governo israeliano hanno perso la strada e stanno danneggiando il Paese più di quanto potrebbero fare i loro nemici. E proprio come negli Stati Uniti, la cura consiste nel mettere da parte gli eufemismi, l’ambiguità e le scuse e nel riconoscere che entrambi i nostri Paesi stanno subendo l’istituzionalizzazione di forme di razzismo che sono contrarie ai nostri valori dichiarati, anche se difficilmente sono contrarie alla verità effettiva della storia di entrambe le nazioni”, conclude l’autore

Il pessimismo dell’intelligenza

A dispensarlo, sul quotidiano progressista di Tel Aviv, è Roger Alpher.

Scrive Alpher:” La morte e il funerale di Shireen Abu Akleh dovrebbero scoraggiare tutti gli oppositori dell’occupazione israeliana. Dopo tutto, l’occupazione avrebbe dovuto subire un danno reale dopo che una famosa giornalista palestinese, conosciuta e ammirata in tutto il mondo, è stata uccisa mentre la copriva, e i brutali soldati israeliani hanno poi disonorato il suo corteo funebre. La vista della polizia israeliana che colpiva selvaggiamente i portatori del pallone con i manganelli mentre la bara quasi cadeva, e che strappava le bandiere palestinesi nella sua furia, ha mostrato al mondo quanto siano profonde le radici dell’apartheid violento nella società israeliana.

Ma nonostante i timori dei media e dell’opinione pubblica, entrambi completamente indifferenti alle ingiustizie dell’occupazione e preoccupati solo della loro immagine all’estero, non un capello dell’occupazione sarà danneggiato da questo “attacco all’opinione pubblica” e dalla perdita della “battaglia sulla narrazione”. L’impotente teatro narrativo non cambia i fatti sul campo. Il mondo non punirà Israele come dovrebbe; gli interessi hanno la meglio sulle considerazioni morali. La posizione internazionale di Israele è incomparabilmente più forte di quella del Sudafrica ai suoi tempi. Né le sanzioni né i boicottaggi porranno fine all’occupazione. Stati Uniti, Germania, Francia e Gran Bretagna, senza i quali è impossibile costringere Israele ad abbandonare l’occupazione, ne sostengono di fatto la continuazione, a parte un sottile strato di opposizione dichiarativa. La preoccupazione per il buon nome di Israele deriva dal nostro ego nazionale, assetato di prestigio e di 12 punti al concorso di Eurovisione per il desiderio di ricevere la conferma che “noi” abbiamo ragione e “noi” siamo i buoni. La “battaglia sulla narrativa” è un diversivo fuorviante che non costituisce un vero problema strategico. In questo momento, nulla minaccia l’occupazione – né la pressione esterna né l’opposizione interna. È più forte che mai. Israele continua a costruire negli insediamenti e a legalizzare gli avamposti. C’è una solida maggioranza politica a favore di questa politica tra gli ebrei israeliani.

Ma è impossibile che l’occupazione crolli improvvisamente sotto il suo stesso peso, proprio come è successo all’impero sovietico e al Muro di Berlino, come è successo alla borsa nel 2008, come è successo alle routine globali durante la pandemia di coronavirus? È impossibile che possa crollare all’improvviso, senza preavviso, sorprendendoci tutti, come è caduto il regime dell’apartheid in Sudafrica?

Gli ottimisti prevedono che Israele diventerà uno Stato per due popoli, sulla base di sviluppi demografici che possono essere calcolati, e che alla fine di un processo lungo, sanguinoso e infernale, lo “Stato ebraico” e l’occupazione che ha creato saranno distrutti.

Ma un cigno nero – un evento drammatico e imprevisto i cui effetti cambiano la storia – è per definizione qualcosa che non può essere previsto. Se si fosse previsto l’Olocausto, non sarebbe stato un cigno nero. Se avessero previsto quello che sta accadendo ora in Ucraina, senza una fine in vista, non sarebbe stato un cigno nero. Lo stesso vale per l’attacco che ha fatto crollare il World Trade Center nel 2001 o per i risultati della Guerra dei Sei Giorni del 1967.

Sì, Israele sta stupidamente marciando verso una realtà a uno Stato. Ma proprio perché è possibile prevedere, ad esempio, le difficoltà di mantenere l’occupazione anche dopo l’annessione della Cisgiordania, Israele conserva il grande potere di prendere le misure necessarie per garantire la continuità dell’occupazione.

È impossibile pregare per un cigno nero. È impossibile affrettare il suo arrivo. Sì, un cigno nero è l’unica opzione realistica per porre fine all’occupazione, ma per ora il cigno nero non sta arrivando e non ha nemmeno telefonato. E poiché si tratta di un evento casuale, non c’è alcuna garanzia che arriverà mai.

Ma se qualcosa può porre fine all’occupazione, non può essere altro che un cigno nero. Tutti gli altri modelli, quelli che prevedono uno “tsunami diplomatico” o una soluzione negoziata del conflitto, si sono finora dimostrati falsi e la logica che li sottende è stata smascherata come un depistaggio. Ora non possiamo fare altro che fissare l’orizzonte e aspettare il cigno nero, che potrebbe arrivare nel corso della nostra vita, o in un futuro molto lontano, o forse non arriverà mai”.

Così Alpher.

Quel cigno nero minaccia tutti. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage