Top

I suprematisti bianchi alzano il tiro: "Kill Biden", il presidente "usurpatore"

L’America che continua a pensare di essere stata scippata della vittoria e che quello che si è insediato oggi non sarà mai il loro presidente: questa America si prepara a combattere.

Suprematisti bianchi in America
Suprematisti bianchi in America

Umberto De Giovannangeli

20 Gennaio 2021 - 18.31


Preroll

Nel giorno del giuramento di Joe Biden come 46mo presidente degli Stati Uniti d’America, in una Washington trasformata in una città militarizzata; nel giorno in cui il settantottenne dem (il presidente più anziano nella storia degli Usa), s’insedia alla Casa Bianca per cercare di dare corpo messaggio lanciato al Paese “America United”, l’America che unità non vuol essere, l’America degli sciamani, cospirazionisti, suprematisti, antisemiti, neonazisti, fondamentalisti cristiani, l’America che considera gli invasori di Capitol Hill dei “patrioti”), l’America che continua a pensare di essere stata scippata della vittoria e che quello che s’insedia oggi non sarà mai il loro presidente, questa America si prepara a combattere. E a trovato la sua “Giovanna d’Arco”: Ivanka Trump.

OutStream Desktop
Top right Mobile

America disunita

Middle placement Mobile

Nella nuova tappa del viaggio di Globalist dentro l’America del white power, ad accompagnarci è Mia Bloom, docente di Comunicazione e Studi sul Medio Oriente presso la Georgia State University, autrice di quattro libri sul terrorismo e l’estremismo violento, e ricercatrice del Programma di sicurezza ad Atlanta, Georgia. 

Dynamic 1

“Gli insurrezionalisti che hanno invaso il Campidoglio – annota la professoressa Bloom – sono arrivati così vicini al raggiungimento del loro obiettivo di linciare il vicepresidente Mike Pence e di uccidere la presidente della Camera, Nancy Pelosi. E alcuni degli elementi più visibili di quella folla sfoggiavano abiti e cartelli marchiati con la lettera Q. 

Q, che sta per QAnon, è un culto irrazionale di credenti che vivono in una cospirazione da sogno febbrile in cui combattono contro i pedofili adoratori di Satana che lavorano sotto copertura nella burocrazia dello ‘stato profondo’ del governo. QAnon prende molti dei suoi spunti dall’antisemitismo storico, come i Protocolli degli Anziani di Sion o le calunnie di sangue,   tra cui l’accusa alla cabala segreta di bere il sangue dei bambini per rimanere giovani o come cura per Covid-19.

Dynamic 2

Tra la folla c’erano neo-nazisti e antisemiti di vario tipo, tra cui i Proud Boys dell’estrema destra, il Nationalist Social Club, i “groypers” del nazionalista bianco Nick Fuentes, e un uomo, Robert Keith Packer, che indossava una felpa del “Camp Auschwitz”. Un’immagine particolarmente inquietante è stata quella di Kevin Seefried che ha marciato nella rotonda del Campidoglio brandendo una bandiera confederata: durante quattro anni di guerra civile, i traditori confederati non sono mai arrivati così vicini ad occupare la sede del governo degli Stati Uniti. Questo marciume non si limita solo alla folla insurrezionalista che canta ‘Hang Mike Pence’ e ‘Dov’è Nancy?”.  Il 2020 ha visto anche l’elezione al Congresso di due sostenitori del QAnon, Lauren Boebert del Colorado e Marjorie Taylor Greene della Georgia. Entrambe le donne non sono assolutamente qualificate per servire come legislatori, con Boebert che ha una fedina penale lunga quasi due pagine, mentre la pretesa di fama di Greene stava contribuendo con ‘articoli’ al sito web di cospirazione American Truth Seekers che collega il Partito democratico a ‘Sesso Infantile, Satanismo e Occulto’. 

I suoi oppositori politici in Colorado hanno criticato le azioni di Boebert durante l’assedio come ‘ignoranza intenzionale o insurrezione intenzionale’ lei ha twittato in diretta la posizione del Presidente nonostante ai legislatori sia stato detto di non rivelare la loro posizione. La settimana dopo il fallito colpo di stato, l’hashtag di Twitter #ResignBoebert è diventato virale. E’ stata anche accusata da un collega del Congresso di aver fatto fare a persone sconosciute un giro di  ‘ricognizione’ in Campidoglio nei giorni precedenti la rivolta, accusa che lei nega.

Dynamic 3

L’esistenza di ideologie razziste nella politica americana e nei suoi  palazzi del potere non è una novità. Il rappresentante Steve King dell’Iowa era un noto razzista e antisemita, che tuttavia ha mantenuto il suo seggio al Congresso per otto anni. Ma il contagio delle vili ideologie durante l’era di Trump sembra essere andato in metastasi. Non solo il caucus repubblicano al Congresso ha più teorici della cospirazione QAnon che membri di colore, ma sta emergendo una nuova aggressiva generazione di razzisti. La più giovane rappresentante del North Carolina, Madison Cawthorn, che ha inventato una storia sull’ammissione all’accademia navale (falsa, millantando di essere stata nell’esercito) e ha raccomandato di ‘minacciare leggermente’ i congressisti che hanno respinto le affermazioni di Donald Trump sulla frode elettorale, hanno inviato a Instagram la sua vacanza dei sogni nel 2017: visitare la casa di vacanza di quello che ha chiamato ‘Il Fuhrer’, Adolf Hitler (“[O]n la mia lista di cose da fare per anni. E non ha deluso”), mentre denunciava formalmente il razzismo.

Uno degli atti a sostegno della supremazia bianca da parte della Casa Bianca di Trump è stata la pubblicazione della ‘Commissione del 1776’, che offre un’apologia della schiavitù e mette in relazione i fascisti con i progressisti americani. Il Partito repubblicano si trova di fronte a una resa dei conti: ben 140 rappresentanti della Camera hanno sostenuto la sedizione anche dopo che l’edificio del Campidoglio era stato occupato per quattro ore.

Dynamic 4

I repubblicani ebrei, in particolare, devono fare i conti con la misura in cui il partito è stato infiltrato e conquistato dai nazionalisti bianchi, nonostante le prove crescenti dopo il raduno neonazista di Charlottesville ‘Unite the Right’, che Trump singolarmente non ha denunciato, e i successivi attacchi contro obiettivi ebrei a Pittsburgh (il più micidiale attacco antisemita della storia americana), in California, nel New Jersey e a New York.

In realtà, gli ebrei sono stati presi di mira più negli attacchi antisemiti nei quattro anni di Trump che nei quarant’anni in cui la Anti Defamation League ha tracciato i dati. La dissonanza cognitiva che gli ebrei conservatori e molti israeliani che sostenevano le politiche estere e fiscali del presidente Trump, ignorando i fischietti dei cani ai vari estremisti di destra, è profonda. Ma in futuro potrebbero dover affrontare una sfida di integrità ancora più profonda. La nuova generazione di repubblicani è meno cauta sulla loro ostilità nei confronti degli ebrei, e ancor più avvolta in teorie cospirative infondate che si tingono di storici tropi antisemiti. Il successo di questi individui può anche incoraggiare un numero maggiore di giovani repubblicani non qualificati, che ospitano pericolose ideologie di destra, a cercare una carica superiore. La probabilità maggiore, tuttavia, è che una nuova generazione di repubblicani che si candidano per una carica elettiva abbia un cognome che sia ‘Trump’. Lara Trump, moglie del figlio Eric, ha espresso il suo interesse a candidarsi per una carica in North Carolina, mentre Ivanka ha rivendicato un diritto nel cortile di casa di Marco Rubio, pensando di sfidarlo per il seggio al Senato della Florida.  

Dynamic 5

Come Greene, Boebert e Cawthorn, nessuno dei rampolli di Trump ha alcuna qualifica per le cariche elettive, a parte i grandi seguaci di Twitter. Purtroppo, l’attuale stato di cose del Gop è che una storia di servizio, competenza o conoscenza ha meno a che fare con le elezioni che con la celebrità, anche se questa unica ‘qualifica’ è macchiata da scandali e razzismo.

Al di là della mancanza di qualifiche, il marchio Trump continuerà a risuonare con gli elementi più antisemitici dello spettro politico.  Mentre gli estremisti di destra inizialmente consideravano Trump in modo sospetto, dopo la sua approvazione da parte di David Duke e la marcia neonazista a Charlottesville nel 2017 si sono resi conto che la famiglia Trump era la migliore possibilità che avevano di plasmare la retorica politica americana per essere più in linea con la loro.

Tra gli insurrezionalisti capitolini, annidati tra i teppisti nazisti in camicia, c’era Aaron Mostofsky, figlio di un giudice ortodosso (ed ex presidente del Consiglio nazionale del Giovane Israele) di Brooklyn, NY. Mostofsky è stato uno dei numerosi ebrei ortodossi che hanno manifestato in Campidoglio contro la certificazione delle elezioni del 2020. Anche suo fratello Nachman, direttore esecutivo del Chovevei Zion (Lovers of Zion), era lì, anche se non ha preso d’assalto l’edificio.

Ma far parte di questo movimento non proteggerà gli ebrei dagli attacchi, come non lo è stato negli ultimi quattro anni. Trump e i suoi amici si sono sempre rifiutati di condannare gli atti di antisemitismo, preferendo ritirarsi dietro l’equivoco ‘da entrambe le parti’. Il fatto che Ivanka Trump sia una convertita all’ebraismo avrà scarso impatto sul crescente razzismo e sulle teorie cospirazioniste della politica americana. Ivanka continua ad essere il volto plausibilmente ‘spendibile’ dell’oscura eredità di Trump, sia che si candidi o meno. Sappiamo dalla storia che il ‘passato è prologo’ quando si tratta di vigilare contro il flagello dell’antisemitismo , e sappiamo che placare, coccolare o anche far leva sull’estrema destra razzista e antisemita non è mai una strategia che possa offrire sicurezza agli ebrei, alle minoranze o alla democrazia”.

Neonazisti crescono

Molto interessante è il report per The Vision di Barbara Ciolli: 

“Il 6 ottobre scorso, a meno di un mese dalle elezioni presidenziali statunitensi del 3 novembre 2020, nel rapporto annuale sulle minacce alla nazione il Dipartimento della Sicurezza interna ha espresso “particolare preoccupazione” sulla realtà dei ‘suprematisti estremisti violenti’, ‘eccezionalmente letali’ negli attacchi degli ultimi anni: ‘terroristi interni’, stando alla prefazione del report, che ‘cercano di forzare il Paese a un cambiamento ideologico attraverso la violenza, la morte e la distruzione’. L’allarme dell’antiterrorismo è arrivato due giorni prima dell’arresto di 13 estremisti dell’alt-right accusati di pianificare attacchi nel Michigan che prevedevano anche il rapimento della governatrice dello Stato, la democratica Gretchen Whitmer. Dalle dichiarazioni di un agente dell’Fbi è emerso che a giugno un gruppo paramilitare, monitorato dall’intelligence e nel quale militava parte dei fermati, discuteva anche la possibilità di rapire il governatore democratico della Virginia Ralph Northam. Sia Northam che Whitmer nei loro Stati avevano imposto lockdown che gli estremisti contestano abitualmente nei loro raduni .Nel mirino dei suprematisti sono finiti due governatori che hanno rifiutato la linea morbida sulla pandemia di Donald Trump, che già in primavera via tweet incitava i suoi supporter a “LIberare La VIrginia”, il Michigan e altri Stati che avevano ordinato chiusure. Elogiata per il rigore contro la pandemia, la governatrice del Michigan Whitmer è stata anche in lizza per essere selezionata come candidata alla vicepresidenza al fianco di Joe Biden, e di conseguenza è tra i principali bersagli degli attacchi repubblicani. Nel gioco della politica i temi dell’emergenza sanitaria e della sicurezza possono essere strumentalizzati, ma i dati del Dipartimento della sicurezza interna sugli attacchi tra il 2019 e il 2020 non mentono, e danno ragione ai democratici: nel 2019 negli Stati Uniti si è registrato un record di violenze dei gruppi dell’estrema destra suprematista come non accadeva dagli anni Novanta. Già a febbraio il direttore dell’Fbi Christopher Wray ha denunciato al Congresso come gli ‘estremisti violenti motivati da ragioni etniche e razziali’ fossero tornati la ‘fonte primaria di incidenti mortali ideologicamente motivati’, superando la minaccia jihadista. 

L’anno passato ai suprematisti bianchi sono state ricondotte 39 delle 48 morti implicate ad atti di estremisti sul suolo statunitense. Per un dato peggiore occorre andare indietro nel tempo all’attacco di Oklahoma City del 1995, a oggi il più grave attentato terroristico negli Stati Uniti prima delle stragi dell’11 settembre 2001: 25 anni fa l’ex veterano di guerra Timothy James McVeigh, dopo essersi radicalizzato negli ambienti suprematisti bianchi delle reti Liberty Lobby e Christian Identity, azionò un camion bomba contro un edificio governativo nel centro della città, uccidendo 168 persone e ferendone diverse centinaia. Tra il 2017 e il 2019, l’organizzazione Southern Poverty Law Center(Splc), che dal 1990 mappa i crimini dell’odio nel territorio statunitense, ha stimato una crescita del 55% dei gruppi di estremisti nazionalisti bianchi. L’episodio più cruento di violenze razziali dell’alt-right nell’ultimo biennio sono i 23 morti nella sparatoria in un supermarket di El Paso, in Texas, del 3 agosto 2019: una strage annunciata con un proclama suprematista su 4chan dal 21enne Patrick Crusius, che ha poi confessato di avere avuto come target “messicani e immigrati latinos” ed è stato incriminato dall’Fbi anche per atti di terrorismo interno…”.

Questo universo terroristico non smobilita. Non depone le armi. Da Capitol Hill alla Casa Bianca: gli “sciamani” di Trump alzano il tiro. E inquadrano nel loro mirino Biden l’”usurpatore”. E il “mirino” non è una metafora.

 

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile