Top

Torino verso il G7: scontri al corteo di protesta, fermato un manifestante

La polizia in assetto antisommossa ha risposto con alcune manganellate e una carica di alleggerimento.

<picture> Scontri Torino per il G7 </picture>
Scontri Torino per il G7

globalist

29 Settembre 2017


Preroll

Un copione che si ripete a ogni G7: gli studenti questa mattina hanno manifestato per le vie della città e hanno occupato l’università Palazzo Nuovo di Torino. La facoltà – hanno annunciato – diventerà la base per le prossime iniziative di protesta. I dimostranti hanno srotolato anche lo striscione “Palazzo Nuovo occupato. Torino ResetG7”. 
“Dall’università contro il vertice! Una generazione vi accusa” è lo striscione firmato Reset G7 esposto in cima alla scalinata di ingresso di Palazzo Nuovo, negli anni ’70 terreno di scontri tra studenti di diverse tendenze politiche e polizia, nonché di occupazioni e assemblee studentesche.
Durante le proteste e gli scontri sono stati fermati due manifestanti, uno sarebbe un minorenne.
Momenti di tensione a Torino durante il corteo anti G7. I dimostranti hanno tentato di aggirare i cordoni di polizia per raggiungere piazza Carlina, dove si trova l’albergo delle delegazioni che partecipano al summit, ma in una traversa di piazza Vittorio sono stati intercettati e bloccati. Dopo un accenno di carica delle forze ordine i manifestanti sono indietreggiati. 
In precedenza c’erano stati degli scontri tra forze dell’ordine e corteo degli studenti. I dimostranti hanno tentato di svoltare da corso Vittorio Emanuele verso via Carlo Alberto, in direzione di piazza Carlina. La polizia in assetto antisommossa ha risposto con alcune manganellate e una carica di alleggerimento. 

OutStream Desktop
Top right Mobile


‘Noi giganti voi sette nani’  – “Noi giganti, voi sette nani”: si apre con questo striscione il corteo degli studenti. La manifestazione è partita intorno alle 10 dalla stazione di Porta Susa. “Della vostra zona rossa non me ne frega niente”. “Voi nelle regge, noi nelle piazze”, “Torino è la mia città, voi ministri che ci state a fà?”, sono alcuni dei cartelli esposti dagli studenti. Slogan in particolare contro il ministro Poletti, che proprio oggi presiede alla Reggia di Venaria il summit sul lavoro, ultimo appuntamento della Innovation Week Italian.
Uova e cassonetti rovesciati, sfila protesta nella notte È proseguito oltre la mezzanotte la Street Parade, il primo dei cortei di protesta contro il G7 organizzati a Torino. I partecipanti, alcune centinaia, hanno sfilato per il quartiere San Salvario e sul lungo Po dei Murazzi, per poi raggiungere zona Vanchiglia.
Durante il percorso, i dimostranti hanno deviato in via San Massimo per tentare di raggiungere piazza Carlina, dove soggiornano le delegazioni internazionali che partecipano al summit. Dopo una lunga trattativa con la polizia, che ha schierato il reparto mobile in assetto antisommossa, sono tornati indietro.
Durante il corteo sono stati numerosi gli slogan contro le forze dell’ordine e due cassonetti dell’immondizia sono stati rovesciati. Uova sono state lanciate contro la sede della Fondazione Agnelli e contro gli uffici della Cisl. Momenti di tensione in via Madama Cristina, dove un supermercato Carrefour è stato simbolicamente chiuso con del nastro adesivo per protestare contro lo sfruttamento dei lavoratori da parte delle multinazionali.

Middle placement Mobile

Dynamic 1

Dynamic 2

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage