Giulio Regeni, il medico legale: in Egitto ha subito torture con calci, pugni, bruciature e bastonate sui piedi
Top

Giulio Regeni, il medico legale: in Egitto ha subito torture con calci, pugni, bruciature e bastonate sui piedi

Il medico ha dato la sua versione durante l’audizione nel processo a carico di quattro 007 egiziani. Il 6 febbraio 2016 Fineschi ha effettuato l'autopsia sul corpo del ricercatore italiano trovato morto il 3 febbraio di 8 anni fa.

Giulio Regeni, il medico legale: in Egitto ha subito torture con calci, pugni, bruciature e bastonate sui piedi
Verità per Giulio Regeni
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Aprile 2024 - 14.35


ATF

Secondo Vittorio Fineschi, medico legale consulente della Procura di Roma, Giulio Regeni ha subito diverse torture tra cui pugni, calci, bruciature, bastonate sui piedi e ammanettamento di polsi e caviglie. 

Il medico ha dato la sua versione durante l’audizione nel processo a carico di quattro 007 egiziani. Il 6 febbraio 2016 Fineschi ha effettuato l’autopsia sul corpo del ricercatore italiano trovato morto il 3 febbraio di 8 anni fa sulla strada che collega Il Cairo con Alessandria.

In aula ha parlato anche il tossicologo forense, Marcello Chiarotti, consulente della Procura. Dai dati emersi, la morte di Giulio Regeni va «stimata tra le 22 del 31 gennaio e le 22 del 2 febbraio del 2016. Il nostro lavoro ha portato ad una stima della morte a 124 ore prima del prelievo quindi risalirebbe al periodo compreso tra le 22 del 31 gennaio e le 22 del 2 febbraio. Tutti gli accertamenti tossicologici hanno dato esito negativo sia sull’uso da parte di Giulio di droghe e farmaci sia sulla somministrazione di sostanze tossiche e velenose».  

Leggi anche:  Omicidio Regeni, i consulenti della Scientifica: "I video di sorveglianza della metro del Cairo furono cancellati"
Native

Articoli correlati