Ragazza adescata su Instagram e poi stuprata: un fermo
Top

Ragazza adescata su Instagram e poi stuprata: un fermo

A Roma, la polizia ha arrestato un individuo accusato dello stupro segnalato da una donna di 20 anni nei giorni precedenti. L'uomo è un cittadino tunisino di 30 anni.

Ragazza adescata su Instagram e poi stuprata: un fermo
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Aprile 2024 - 23.28


ATF

A Roma, la polizia ha arrestato un individuo accusato dello stupro segnalato da una donna di 20 anni nei giorni precedenti. L’uomo è un cittadino tunisino di 30 anni.

Le violenze sarebbero avvenute in un appartamento a Tor Bella Monaca, nella periferia della città. Il trentenne avrebbe condotto la giovane lì per poi abusarne insieme a un complice, il quale non è ancora stato identificato. Secondo quanto riferito dalla vittima, i due aggressori si erano conosciuti su Instagram.

A incastrare il fermato le immagini delle telecamere di sorveglianza del locale in cui si era recato con la 20enne. Al vaglio degli investigatori anche i social dove la ragazza ha raccontato di aver conosciuto i due responsabili della violenza. Intanto proseguono le indagini per dare un nome e un volto al complice.

Lo stupro si sarebbe consumato il 17 aprile, ma l’allarme è arrivato il giorno dopo quando il fidanzato, preoccupato perché non riusciva a rintracciarla, l’ha localizzata attraverso il cellulare. L’ha rintracciata davanti a un bar in zona Torre Angela, alla periferia est di Roma. Quando l’ha raggiunta la giovane era sconvolta, in stato di shock. È stata visitata in ospedale e dimessa dai medici con una prognosi di 40 giorni.

Leggi anche:  Violenta una donna a cui aveva offerto soldi, arrestato un 25enne tunisino: era passato per l'hotspot di Porto Empedocle


 
La 20enne ha denunciato l’accaduto alla polizia che ha avviato le indagini. Ha raccontato agli investigatori di aver conosciuto i due ragazzi su Instagram e di aver accettato di incontrarli per un aperitivo. Dopo aver bevuto qualcosa insieme in un locale quei due ragazzi si sarebbero offerti di darle un passaggio fino alla fermata della metropolitana che doveva prendere per tornare a casa. Ma le cose sono andate diversamente e l’hanno portata in un appartamento dove avrebbero abusando di lei.

Native

Articoli correlati