Covid-19, Liguori non si arrende alle smentite e rilancia il complottismo anti-scientifico

A Stasera Italia su Rete4 non contento che la bufala sia stata smascherata aggiunge: "Non hanno smentito l'esistenza del lavoratorio in Cina". Bastava chiedere al professor Bucci prima di parlare

Paolo Liguori

Paolo Liguori

globalist 25 marzo 2020
La fascinazione del complottismo arriva fin dento a Mediaset con il direttore di Tgcom24 protagonista di un imbarazzante intervento a stasera Italia pieno di considerazioni anti-scientifiche e che qualsiasi esperto sarebbe stato facilmente in grado di smentire.
Così dopo che è diventato virale sui social un vecchio servizio del Tgr Leonardo del 2015 dove veniva lanciata la notizia di scienziati cinesi al lavoro su un “supervirus polmonare da pipistrelli e topi".
A “Stasera Italia” il direttore di Tgcom24 Paolo Liguori ha commentato la inesistente correlazione tra quel particolare approfondimento giornalistico e l’emergenza coronavirus in atto: “La Rai smentisce che quella trasmissione parlasse del Covid-19, ma non l’esistenza di quel laboratorio o che quel laboratorio lavori sui virus”.
Il direttore ha poi continuato sottolineando come ora spetti agli esperti fornire le risposte alle tante domande sollevate: “I virologi devono saper dire che tipo di virus naturale sia e da dove venga”.
Peccato che mentre il giornalista berlusconiano alimentava i sospetti, non solo i maggiori esperti avevano già parlato e spiegato (Preglisco e Burioni) ma perfino il professor Enrico Bucci docente alla Templey University aveva spiegato che creare virus in laboratorio è un metodo scientifico comune per poter individuare in anticipo nemici da combattere e essere pronti per eventuali nuovi fronti.
Bastava ascoltare l’intervista mandata in onda da RaiNews24.
Quindi nessun dottor Stranamore, nessun complotto. Ma ancora una volta chiacchiere da bar da sapore anti-scientifico e complottasti.
Che deve smentire la Rai? Fate parlare gli esperti, per favore…