Israele, dalle armi a Pinochet e Videla allo spyware planetario: che bella democrazia

Che democrazia è quella che nel corso di decenni ha venduto armi al Sudafrica dell’apartheid, violando l’embargo Onu. Che ha armato il Cile di Pinochet, l’Argentina di Videla, le peggiori dittature al mondo? 

Armi in Israele

Armi in Israele

Umberto De Giovannangeli 5 agosto 2021

Lasciamo per una volta da parte la colonizzazione dei Territori, l’assedio pluridecennale di Gaza, il muro dell’apartheid in Cisgiordania, la pulizia etnica a Gerusalemme Est. Per una volta, non guardiamo alla Palestina. Ma la domanda resta la stessa, declinata su scala mondiale.

Pecunia non olet

Che democrazia è quella che nel corso di decenni ha venduto armi al Sudafrica dell’apartheid, violando l’embargo Onu. Che ha armato il Cile di Pinochet, l’Argentina di Videla, le peggiori dittature al mondo?  Che democrazia è quella che, per venire al presente, usa lo spyware per sviluppare la “diplomazia del controllo” e del ricatto informatico...E’ la democrazia made in Israel.

 

A darne conto sono giornalisti coraggiosi, d’inchiesta, quella vera, Giornalisti israeliani: Yossi Melman e Amitai Ziv.

Viaggi pericolosi

Scrive Yossi Melman su Haaretz: “Il viaggio del ministro della Difesa Benny Gantz a Parigi la scorsa settimana per gestire la crisi della NSO, e le visite dei rappresentanti del governo agli uffici della società a Herzliya, avevano lo scopo di tranquillizzare l'opinione pubblica mondiale, respingere le critiche internazionali e creare l'immagine che l'establishment della difesa si preoccupa dei diritti umani all'estero. È un'illusione, una farsa. I successivi governi israeliani, laburisti e Likud, hanno sempre preferito, nel nome mercuriale degli "interessi nazionali", la vendita di armi - comprese le armi offensive particolarmente letali - alle considerazioni etiche. I legislatori e i tribunali, che hanno ripetutamente respinto le petizioni che cercavano di cambiare la politica di esportazione militare di Israele, sono partner di questo approccio cinico. L'industria delle armi di Israele è stata fondata per soddisfare un bisogno vitale: la costruzione di un forte esercito per difendere il paese. Questa necessità riacquistò importanza quando la fornitura di armi sovietiche fu interrotta dopo la guerra d'indipendenza del 1948 e l'esercito lottò per ottenere armi dagli Stati Uniti negli anni '50 e '60. Quando la Francia, allora un partner strategico, impose un embargo sulle armi - poco prima della Guerra dei Sei Giorni del 1967 - contro Israele, il governo capì che doveva stabilire un'industria di armi moderna e indipendente che avrebbe ridotto la sua dipendenza dai fornitori esterni. Questo passo si combinava con lo sforzo di essere all'avanguardia della scienza e della tecnologia, aiutando Israele a preservare il suo vantaggio militare su tutti i nemici. Ad un certo punto, le cose si sono invertite. Israele passò dal produrre armi per sé all'esportare armi. Ha giustificato le esportazioni come un contributo all'occupazione, al PIL e agli interessi esteri di Israele. Come risultato, Israele è diventato uno dei primi 10 esportatori di armi al mondo. In questo sforzo, non ha mai detestato alcun metodo, non si è posto limiti, non ha avuto inibizioni e ha messo la sua coscienza in deposito. Israele ha venduto armi ai peggiori regimi. Negli anni 70, le sue industrie militari hanno venduto navi, missili, aerei, artiglieria e munizioni al regime dell'apartheid in Sudafrica. Israele ha collaborato con esso nella tecnologia nucleare e ha addestrato i suoi servizi di sicurezza. La disgustosa cooperazione tra lo stato sorto dalle ceneri dell'Olocausto e il regime razzista bianco, che si schierò con i nazisti nella seconda guerra mondiale, vivrà per sempre nell'infamia.

Israele a quel tempo forniva anche armi a brutali dittatori in Sud e Centro America come il generale   Augusto Pinochet del Cile, la giunta militare dell'Argentina, l'Honduras e il Guatemala, noti per le loro atrocità e massacri. Israele ha spesso ignorato le risoluzioni delle Nazioni Unite che proibiscono la vendita di armi e gli aiuti militari da usare nelle guerre civili in Africa e in Asia. La barra qui per le esportazioni militari è stata certamente incommensurabilmente più bassa di quanto lo sia stata nell'Unione Europea e in altre democrazie occidentali. Negli ultimi 15 anni, sulla scia della ricerca e sviluppo tecnologico avanzato di Israele, l'enfasi nelle esportazioni militari è passata dai sistemi di armi a strumenti sofisticati basati sull'alta tecnologia, come droni, robot, controllo del fuoco militare, avionica e cyber-armi. Come dimostra il caso Pegasus, questi strumenti non possono essere meno letali.

Eppure, le spiegazioni e le scuse rimangono invariate. Rispettiamo la legge; se non vendessimo noi, lo farebbero altri; le esportazioni stimolano l'economia; è importante per l'esercito e per le relazioni estere. Quindi è difficile credere che la decisione del governo di istituire un comitato per rivedere le vendite di armi della NSO e il loro abuso da parte della polizia e dei servizi di sicurezza di regimi dubbi in Africa, Asia e America centrale, o anche in regimi semidemocratici come l'Ungheria e l'India, porterà a un cambiamento sostanziale.

 

L'NSO ha essenzialmente creato un equilibrio di deterrenza con l'establishment della difesa. Il Ministero della Difesa e il Mossad hanno incoraggiato le vendite di Pegasus e di armi cibernetiche di altre aziende come Cellebrite, Verint Systems e Candiru a paesi come l'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e l'Azerbaigian - stati che Israele vede come asset strategici, soprattutto nella lotta contro l'Iran, e dai quali vuole ritorni diplomatici, di intelligence e militari. NSO e gli altri conoscono troppi segreti dell'establishment della difesa, e non sono disposti a fare da capro espiatorio per soddisfare l'opinione pubblica.

Ciò di cui Israele ha veramente bisogno non è un'indagine superficiale e indifferente sul comportamento di un'azienda di cybersecurity o di un'altra. Invece, ciò di cui c'è bisogno è una revisione approfondita della politica di esportazione militare, che fissi criteri che delineino chiaramente cosa e a chi sono vietate le vendite. La nuova politica deve essere in linea con le democrazie occidentali, combinando gli interessi nazionali e di sicurezza con considerazioni di etica e diritti umani - non solo quelli di ebrei e israeliani.

Per questo compito, ciò che serve è un comitato che includa esperti indipendenti, non solo figure dell'establishment della sicurezza, che è come lasciare il gatto a guardia della crema. Un tale comitato dovrebbe includere non solo funzionari del Ministero della Difesa, del Ministero degli Esteri e del Mossad, ma anche rappresentanti di organizzazioni per i diritti umani, giuristi, etici e storici.

E non accadrà” 

Fin qui Melman. Il”testimone” passa ora ad Amitai Ziv.

 All'inizio della scorsa settimana Haaretz - insieme ai giornali di tutto il mondo - ha pubblicato una serie di articoli che hanno dettagliato il ruolo svolto dalla società informatica israeliana NSO nel sorvegliare i giornalisti, come parte di un'indagine internazionale condotta da Forbidden Stories e Amnesty International. Ha rivelato circa 180 casi in tutto il mondo in cui i clienti di NSO intendevano sorvegliare i giornalisti, e alcuni di questi piani sono stati effettivamente eseguiti, mettendo in pericolo i giornalisti e le loro fonti. 

I paesi in cui i giornalisti sono stati presi di mira attraverso la tecnologia di NSO che sono stati rivelati nel Progetto Pegasus includono Arabia Saudita, Ungheria, Azerbaijan, Emirati Arabi Uniti, Ruanda, Marocco, India e Messico. Questa lista potrebbe suonare un campanello con chiunque segua le notizie in Israele, poiché rispecchia la lista dei paesi con cui Israele ha migliorato le sue relazioni diplomatiche negli ultimi anni, sotto l'ex primo ministro Benjamin Netanyahu. 

Nell'estate 2016, Netanyahu ha intrapreso un viaggio in diversi paesi africani, tra cui il Ruanda, "dopo decenni in cui nessun primo ministro israeliano ha visitato l'Africa", ha detto un comunicato stampa del ministero degli Esteri. Nel dicembre 2016, ha visitato il Kazakistan e l'Azerbaigian.

Nel luglio 2017, è diventato il primo primo ministro israeliano a visitare l'Ungheria. Nel settembre 2017, ha visitato il Messico, dicendo: "Mi imbarco oggi in una storica visita in America Latina. Questa è la prima volta da quando Israele è stato fondato che un primo ministro seduto ha visitato l'America meridionale e centrale."

Nel gennaio 2018, ha fatto una "visita storica" in India, mesi dopo che il primo ministro indiano Narendra Modi ha visitato Israele per la prima volta. Né questa è stata l'unica visita reciproca. Per esempio, il primo ministro ungherese Viktor Orban è venuto in Israele un anno dopo la visita di Netanyahu in Ungheria. Con i paesi arabi della lista, il processo è stato un po' diverso. Con il Marocco, non ci sono state visite ufficiali a livello di capi di governo, ma ci sono state visite di livello inferiore, e i paesi hanno migliorato le loro relazioni bilaterali, concordando nel dicembre 2020 di "riprendere le relazioni". 

Un mese prima, Netanyahu ha fatto una visita semisegreta in Arabia Saudita; apparentemente questa non è stata la sua prima visita lì. E non c'è bisogno di approfondire la sua ben pubblicizzata visita in Oman. In ognuno di questi viaggi, Netanyahu ha annunciato lo "sviluppo di relazioni reciproche", ed è stato accompagnato sull'aereo da delegazioni di uomini d'affari. Secondo le dichiarazioni della stampa ufficiale, essi provenivano da settori come l'acqua e l'agricoltura. Ma in realtà, a queste visite hanno partecipato anche imprese della difesa.

Un interesse acquisito

La maggior parte dei paesi citati non sono pienamente democratici. I loro regimi vanno dalle dittature a ciò che viene chiamato "autocrazie elettorali", uno stato o una nazione quasi democratica che finge di tenere libere elezioni, ma con gravi tendenze autoritarie. L'altro denominatore comune dei paesi nominati come parte del Progetto Pegasus è che Israele ha un interesse geopolitico acquisito in essi. L'Azerbaigian confina con l'Iran e i legami con la sua dittatura danno a Israele accesso diretto al suo acerrimo rivale. Il Ruanda è stato scelto come potenziale "paese terzo" per accogliere i rifugiati africani che cercano asilo in Israele. L'Ungheria di Viktor Orban potrebbe dare a Israele i voti e la voce che vuole nelle istituzioni europee. Infatti solo questo maggio, l'Ungheria è stata l'unica nazione europea ad opporsi ad una dichiarazione congiunta degli stati dell'UE che chiedeva la fine delle ostilità tra Hamas e Israele - e la loro obiezione alla fine ha impedito la pubblicazione della dichiarazione. 

Informazioni venute alla luce di recente come parte del Progetto Pegasus supportano ulteriormente questa correlazione: Un'indagine congiunta di giornalisti di tutto il mondo che hanno avuto accesso a un database di circa 50.000 registrazioni telefoniche di potenziali obiettivi selezionati dai clienti di NSO per il suo software Pegasus aiuta a far luce su come Israele gioca un ruolo nello spingere questa tecnologia. Ogni numero di telefono inserito nel sistema può essere la prova di una vendita a un paese, e certamente può provare che il cliente - cioè il paese - era interessato a una particolare persona come obiettivo della sorveglianza. Tuttavia, il fatto che il numero esista all'interno del database non è la prova di un hacking NSO riuscito. Notate la linea temporale: In India, i primi numeri appaiono nel database NSO nel luglio 2017, esattamente quando Modi immergeva i piedi nel Mar Mediterraneo. In Ungheria, il primo numero appare lo stesso giorno in cui Netanyahu ha fatto la sua prima visita in Ungheria. Quel numero era apparentemente una demo, ma il primo obiettivo operativo in Ungheria è apparso nel febbraio 2018 - proprio quando Netanyahu ha incontrato Jozsef Czukor, consigliere per la politica di sicurezza e la politica estera dell'Ungheria, e pochi mesi dopo che l'ex leader israeliano ha visitato il paese.

Sulla base delle conversazioni con una lunga lista di alti dirigenti dell'industria informatica offensiva israeliana, sembra che lo stato israeliano abbia lavorato in modo proattivo per far sì che le aziende israeliane di armi informatiche, prima fra tutte NSO, operassero in questi paesi, nonostante i loro record problematici in materia di democrazia e diritti umani.

Mettere in mostra NSO

Uno dei clienti di NSO è l'Arabia Saudita. Nel giugno 2017, a Cipro, si è tenuta una demo in cui NSO ha mostrato le sue capacità ad alti funzionari sauditi in un evento che da allora è diventato tristemente famoso nei circoli informatici israeliani. 

Secondo la storia, NSO ha presentato per la prima volta le sue capacità "zero-click" - la loro capacità di penetrare in un telefono senza che la vittima abbia bisogno di fare nulla o aprire qualsiasi link o messaggio. Un rappresentante di NSO ha chiesto a uno dei presenti di andare in un centro commerciale vicino, comprare un iPhone nuovo di zecca e fornire loro solo il numero del telefono. Questo è stato tutto ciò che è stato necessario per infettare il dispositivo e ottenere il controllo completo su di esso - compresa la capacità di operare a distanza la sua fotocamera e il microfono, oltre a fornire accesso illimitato al suo contenuto. 

Una persona che era presente all'evento ha detto che dopo che i sauditi hanno visto la demo, "sono andati a discuterne tra di loro. Non c'è bisogno di conoscere l'arabo per capire che erano in soggezione e super eccitati da ciò che hanno visto - era chiaro che questo era ciò che stavano cercando". 

Non molto tempo dopo, l'Arabia Saudita divenne un cliente di NSO, presumibilmente siglando un accordo di 50 milioni di dollari per un anno. Tuttavia, NSO non è sola a vendere i suoi spyware ai sauditi. Haaretz ha rivelato recentemente che dal 2019 i sauditi hanno acquistato anche i servizi di Quadream, un'altra società israeliana di cyber-spionaggio che è un concorrente di NSO e fondata da alcuni dei suoi ex dipendenti. 

Nello stesso anno, anche Cellebrite, che costruisce un dispositivo hardware chiamato UEFD che può penetrare in qualsiasi telefono in possesso fisico, ha iniziato a condurre affari in Arabia Saudita, permettendo loro di spazzare qualsiasi dispositivo su cui le loro forze di polizia potrebbero mettere le mani.

Valuta diplomatica

Come si sono conclusi questi accordi? I cittadini israeliani non sono nemmeno autorizzati a viaggiare liberamente in Arabia Saudita, figuriamoci fare affari nel paese che non ha legami ufficiali con Israele. 

Le persone che lavorano nell'industria informatica amano vivere nell'ombra. Raramente parlano con i media, e quando lo fanno è sempre in modo anonimo. Tuttavia, nei colloqui con un certo numero di queste persone, esse rivelano un modello: Israele non solo ha permesso a queste imprese informatiche di vendere la loro merce ai sauditi (la vendita di tali armi informatiche è regolata dal Ministero della Difesa di Israele), ma in molti sensi li ha incoraggiati e persino promossi a farlo.

Nel 2017, un alto funzionario di una società informatica ricorda: "Israele ha segnato l'Arabia Saudita come obiettivo strategico" a questo proposito. Il regno sunnita è stato selezionato a causa del suo status di forza moderata nel mondo arabo e il principale nemico regionale dell'Iran e delle sue milizie e proxy sciite. Israele voleva che le tensioni tra i sauditi e l'Iran si riscaldassero.

"Questo è un progetto in cui il ministero della Difesa era coinvolto, il desiderio era quello di coccolare e assecondare i sauditi con le nostre capacità", dice il funzionario. "È così che Cellebrite e NSO sono arrivati a firmare accordi così grandi con i sauditi".

Un altro alto funzionario di un'altra società informatica ha presentato una narrazione simile, gettando il cybertech come un precursore degli accordi di normalizzazione raggiunti tra Israele e gli stati del Golfo Bahrain e gli Emirati Arabi Uniti, gli accordi di Abraham: "Il rapporto con i sauditi nel periodo precedente agli accordi era uno in cui l'interesse era quello di armare i sauditi con la tecnologia. Uno di questi strumenti con cui Israele 'commerciava' con loro era Pegasus e quindi aiutava NSO".

Un terzo funzionario, che è considerato favorevole a NSO, aggiunge che "il conflitto israelo-palestinese non è l'unico conflitto nel mondo. Ci sono altre questioni geopolitiche più grandi che sono più pressanti per gli altri paesi e non sempre hanno i mezzi per affrontare le minacce che hanno di fronte", hanno detto.

Non c'è dubbio che l'Arabia Saudita affronta serie minacce dall'Iran e dalle sue diverse cellule terroristiche e proxy. Dovrebbero subire un attacco solo perché mancano di informazioni? Non meritano di prendere l'aiuto che viene esteso verso di loro in pace?"

In altre parole, Israele sta usando le sue imprese informatiche offensive come "moneta diplomatica" - e l'accordo sembra funzionare bene per tutte le parti. Perché? La risposta, dice uno dei funzionari, è: "L'industria informatica di Israele non è proporzionale al sito del paese. Abbiamo un vantaggio relativo, questo è qualcosa che possiamo scambiare con altre comunità intel, per esempio".

Netanyahu è noto per lodare l'industria informatica di Israele. Già nel 2014, per esempio, l'ex leader ha detto che Israele ha le capacità informatiche di uno stato molto più grande. Molti degli stati clienti di NSO sono nazioni che hanno poca o nessuna industria informatica locale o stati i cui apparati di intelligence mancano di questo tipo di competenze...

Questo è un accordo che funziona per tutte le parti. Il dittatore o il leader autoritario riceve strumenti e abilità informatiche che potrebbero solo sognare; NSO riceve un accordo massiccio con un paese ricco e l'accordo è legittimato da Israele come utile alla sicurezza nazionale o internazionale; e Israele riceve valuta diplomatica per aver dato il via libera all'accordo, se non anche altri benefici dai servizi segreti del paese cliente. L'accordo funziona per tutti, tranne che per le vittime di NSO, naturalmente”, conclude Ziv. 

E questa sarebbe l’”unica democrazia” del Medio Oriente.