Israele, il racconto del "matrimonio dell'odio" preludio del governo dei coloni
Top

Israele, il racconto del "matrimonio dell'odio" preludio del governo dei coloni

La “straordinarietà” sta nel fatto che la fonte di Peled è uno che quel mondo ha vissuto dall’interno per poi uscirne fuori scegliendo un impegno sul fronte opposto.

Israele, il racconto del "matrimonio dell'odio" preludio del governo dei coloni
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

13 Agosto 2023 - 14.30


ATF

“I coloni radicali ora controllano il governo israeliano”.

E’ la prima parte del titolo di uno straordinario articolo-reportage su Haaretz a firma di Anat Peled.

La “straordinarietà” sta nel fatto che la fonte di Peled è uno che quel mondo ha vissuto dall’interno per poi uscirne fuori scegliendo un impegno sul fronte opposto.

Il “matrimonio dell’odio”

Scrive Peled: “Nel 2015, Dov Morell ha partecipato al famigerato “matrimonio dell’odio” a Gerusalemme, dove giovani coloni sono stati filmati mentre ballavano con pistole e coltelli, deridendo i tre membri della famiglia Dawabsheh, uccisi in un recente attacco terroristico ebraico in Cisgiordania.

Sette dei partecipanti al matrimonio, tra cui Morell, sono stati condannati per incitamento alla violenza e al terrorismo. Tuttavia, quando le sentenze sono state pronunciate questa primavera presso il tribunale distrettuale di Gerusalemme, Morell aveva subito una drastica trasformazione.

Ex membro della “gioventù delle colline” – giovani coloni radicali e spesso violenti provenienti da avamposti illegali – Morell non era stato estraneo alle celle della polizia in gioventù. Un mese prima della pubblicazione del video del “matrimonio dell’odio”, la polizia israeliana gli aveva vietato l’ingresso a Gerusalemme per sei mesi. All’epoca era uno dei principali attivisti del movimento “Ritorno al Monte del Tempio”, i cui membri erano identificati con il movimento di estrema destra Kach, fondato dal defunto rabbino razzista Meir Kahane.

Ora, però, è un sostenitore del Meretz di sinistra e dice che, dopo molti anni, è giunto alla conclusione di non credere in Dio abbastanza da fare del male ad altre persone. Anche i giudici del processo sono apparsi stupiti dalla metamorfosi: alla fine gli sono state inflitte 200 ore di servizi sociali, una pena più lieve rispetto alla maggior parte dei suoi coimputati.


Questa trasformazione, afferma in un’intervista, è dovuta al fatto di aver trascorso del tempo negli Stati Uniti e di essere stato gradualmente esposto a punti di vista diversi, soprattutto attraverso i social media.

“Sono molto radicale. Se credo in qualcosa, la seguo fino alla fine. È così anche oggi”, dice il 29enne studente di master in legge, spiegando che anche oggi si sente molto più a suo agio a parlare con gli estremisti di destra o di sinistra che con i centristi.
Pur sostenendo le proteste a favore della democrazia che si stanno svolgendo in Israele, ammette di sentirsi a disagio quando i manifestanti presentano la Corte Suprema come un campione dei diritti umani, alla luce delle ingiustizie verso i palestinesi ma anche del trattamento riservato ai coloni durante il disimpegno da Gaza del 2005.

La sua fedina penale ha influito anche sulla sua vita professionale. A suo dire, gli ha impedito di trovare lavoro come studente e non gli è stato permesso di completare il tirocinio in legge (parte obbligatoria della laurea triennale) fino a dopo l’annuncio del verdetto.

Radicalizzazione
Le opinioni di Morell possono essersi spostate drasticamente a sinistra, ma il numero di coloni israeliani estremisti è in aumento. L’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite Ocha ha registrato 591 attacchi di coloni contro persone e proprietà palestinesi solo nei primi sei mesi del 2023. Questo dato arriva dopo che il numero di attacchi nel 2022 era già il più alto da quando l’agenzia ha iniziato a tenere i registri nel 2006. Questi dati includono solo informazioni sugli attacchi che hanno provocato danni fisici o alla proprietà.

Leggi anche:  Israele-Yemen, cui prodest?


Spesso solo i casi più drammatici fanno notizia, come gli scontri tra coloni nel villaggio palestinese di Hawara all’inizio di quest’anno, che hanno causato la morte di un palestinese e il ferimento di circa 100 altri. Lo scorso fine settimana, un gruppo di giovani delle colline è entrato nel villaggio palestinese di Burqa e ha ucciso un uomo palestinese di 19 anni, Qosai Jammal Mi’tan. Uno dei due sospetti arrestati dalla polizia, Elisha Yered, è un ex portavoce di un legislatore di estrema destra del partito estremista Otzma Yehudit del ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir.

Morell afferma che è “surreale a livello personale” vedere amici d’infanzia in posizioni di potere nel governo. Yered, ad esempio, era un amico intimo. “Mi diverte quando il telegiornale del fine settimana si apre con Chanamel Dorfman [capo dello staff di Itamar Ben-Gvir], il ragazzo che ho conosciuto quando aveva 13 anni. O Elisha Yered, che ho conosciuto a 9 anni e che mi spiegava come raddrizzare le unghie con una pietra. Ma dopo avermi divertito, mi spaventa. Soprattutto Ben-Gvir”. Morell dice che se Ben-Gvir non appoggiava la violenza della polizia contro gli ebrei di sinistra, ora la situazione è cambiata.
Una combinazione di ribellione adolescenziale e un sistema di educazione religiosa radicalizzante hanno spinto Morell verso le colline da giovane.

È cresciuto nell’insediamento di Talmon, a ovest di Ramallah, da genitori immigrati dagli Stati Uniti per motivi sionisti. I suoi genitori, però, non sostenevano le sue idee radicalizzate e nessuno dei suoi fratelli minori ha fatto la sua stessa fine. Infatti, ogni volta che da minorenne veniva fermato dalla polizia e gli veniva chiesto di chiamare un genitore, lui telefonava a un amico che fingeva di essere suo padre.

Secondo Ami Pedahzur, professore dell’Università di Haifa e studioso dell’estrema destra, la storia di Morell corrisponde al profilo generale di coloro che diventano giovani di collina. La maggior parte dei giovani uomini che si uniscono al movimento rappresentano un “mix di coloro che sono altamente ideologici e di coloro che non riescono a trovare il loro posto in un ambiente più convenzionale”, afferma. Alcuni di loro hanno abbandonato la scuola yeshiva.

Per Morell, la sua ideologia religiosa di estrema destra è iniziata in una scuola elementare nota come Talmud Torah. Lì ha ricevuto lezioni da rabbini estremisti e ha imparato canzoni che inneggiavano a Baruch Goldstein e all’uccisione degli arabi. Goldstein, un colono ebreo, massacrò 29 palestinesi alla Tomba dei Patriarchi di Hebron nel 1994.
Il disimpegno da Gaza nel 2005, quando i coloni furono evacuati dall’esercito israeliano, fu un momento formativo per lui, come per molti coloni. Ha seguito da vicino le notizie e ha cercato di impedire con la forza lo sgombero di avamposti illegali in Cisgiordania come Amona. Per essere più vicino all'”azione”, ha poi scelto di studiare in una yeshiva nell’avamposto illegale di Yitzhar. È qui che si è definito per la prima volta “antisionista”.
Potere radicale

Leggi anche:  Smotrich chiede a Netanyahu di annettere la Cisgiordania se l'Aia dichiarerà illegali le colonie israeliane

Da lì, il percorso verso le colline fu chiaro. Iniziò con brevi visite all’avamposto di Ramat Migron (dove Yered vive) e poi con soggiorni più lunghi. Gli scontri con la legge erano frequenti. Yered è stato condannato da minorenne per aver spruzzato del pepe su un palestinese e ha subito numerose detenzioni amministrative.
La violenza contro i palestinesi era diffusa, con un intervento limitato dell’esercito. “Ogni volta che c’era un attacco terroristico o lo sgombero di un avamposto, tutti a Yitzhar si riunivano davanti al cancello, scendevano all’incrocio, tiravano sassi sulle auto palestinesi e a volte scendevano in una casa lontana a Burin, vicino a Yitzhar, abbattevano alberi, incendiavano campi, tiravano sassi”, racconta. “Era una cosa regolare, e anche l’esercito lo sapeva”.


I giovani prendevano anche ampie precauzioni di sicurezza per evitare di essere scoperti dal servizio di sicurezza Shin Bet, dice Morell. Poiché pensavano che i loro cellulari fossero intercettati, se volevano coordinare un attacco, scrivevano i dettagli su un biglietto e poi lo bruciavano. Erano anche attenti a non lasciare prove forensi nei villaggi arabi (non urinare, non sputare) e si rifiutavano di parlare durante le indagini.
Con l’attuale governo, tuttavia, sembra esserci meno pressione per impedire ai giovani delle colline di commettere attacchi contro i palestinesi. Shaul Magid, professore di studi ebraici al Dartmouth College, collega l’aumento degli attacchi degli estremisti all’ascesa di Ben-Gvir, che da flagello della polizia, condannato tre volte, è diventato il loro capo.

Secondo Magid, negli anni ’90 erano in pochi a prestare attenzione ai giovani delle colline, che erano visti come figure marginali che vivevano sulle colline con le loro capre e le loro coltivazioni illegali. “Ora, all’improvviso, hanno un potere incredibile, perché hanno una figura politica che fondamentalmente permette loro di fare [ciò che vogliono] e li rende più radicali”.
Oggi le persone che un tempo erano sorvegliate dallo Shin Bet non si nascondono più. Stanno prendendo le decisioni dalla Knesset, con la preoccupazione di persone di sinistra come Morell e molti altri”.
Così Anat Peled.

Deriva integralista

Nota il professor Sergio Della Pergola, il più autorevole demografo israeliano, intellettuale tra i più acuti: «Essere di destra è legittimo, è ovvio. È la democrazia, che va rispettata. Ogni popolo ha il governo che si merita. Il popolo segue determinati istinti, magari poi si pente, nonostante tutto la democrazia è la forma migliore che esista. Certo, in Italia nel 1924 ci furono le elezioni e Mussolini vinse nonostante lo scandalo della morte di Matteotti, mentre qui in Israele tra i vincitori c’è chi gioì per la morte di Rabin. Per questo sono preoccupato». Timori che troviamo anche dall’altro lato del muro, tra i palestinesi. Per lo scrittore Raja Shehadeh: «È molto probabile che ci sarà più discriminazione nei confronti dei palestinesi in Israele, e già c’è il timore che tutto peggiorerà. Per quanto riguarda la Cisgiordania, la situazione è, credo, meno strutturale e più una questione di grado, perché abbiamo già avuto, dal 1979, cambiamenti nell’assetto di governo della regione, i coloni sono stati separati dai palestinesi e posti sotto un regime diverso ed annessi ad Israele, di fatto. E così la discriminazione colpisce i palestinesi e non i coloni israeliani. I sistemi esistono già, e questo nuovo governo non ne creerà di nuovi, ma userà i suoi poteri di amministrazione civile per aumentare le difficoltà ai palestinesi».

Leggi anche:  Cosa c'entra Anna Frank con la guerra di Gaza? Una riflessione da Israele

Se solo parte dei programmi elettorali, e poi dell’accordo di coalizione siglato dai partiti di estrema destra con i notai di Bibi, dovessero essere applicati alla lettera durante il mandato di governo è chiaro a tutti che gli effetti saranno deleteri per arabi, palestinesi, comunità LGBTQ+ e genericamente avversi alla laicità dello stato. Scriveva in un profetico editoriale David Horovitz, direttore del The Times of Israel: «Adesso Netanyahu mira davvero ad essere “Re Bibi”. Dobbiamo usare tutti i mezzi legali per contrastarlo. Sordo a tutti gli avvertimenti, convinto che i suoi interessi e quelli dello Stato siano identici, affiancato da criminali, estremisti e teocrati, è determinato a raggiungere un potere quasi illimitato. Per decenni, i suoi sostenitori hanno salutato Benjamin Netanyahu, Primo Ministro per oltre un quinto della vita di questo paese, come “Bibi, re di Israele”. Il titolo non è mai stato più azzeccato di oggi. Tornato sul trono politico nazionale dopo un breve interregno, Netanyahu detiene un potere straordinario come capo di una coalizione di estrema destra in gran parte simile alla stessa opinione pubblica, ed è intenzionato ad allargare ulteriormente la sua presa neutralizzando l’unica difesa contro gli eccessi suoi o di qualsiasi governo, l’Alta Corte di Giustizia. Se si dimostrerà in grado di spogliare la corte della sua indipendenza e delle sue capacità, Israele sarà veramente il suo regno. Come per i monarchi nel corso dei millenni, tuttavia, l’accumulo di potere assoluto ha coinciso con l’incapacità del nostro sovrano di separare i propri interessi personali da quelli dello stato, la crescente certezza che lui e solo lui può guidare efficacemente Israele, l’eliminazione delle voci dissenzienti, l’essersi contornato di un coro di “yes man” (e pochissime donne), e la conseguente convinzione che ogni mezzo è legittimo e necessario per consolidare la sua monarchia. La tragedia, per il regno, è che Netanyahu lo ha indirizzato sulla via della distruzione». 

Il patto di governo che Bibi ha siglato con l’estrema destra razzista è vuoto di contenuti e principi morali, volutamente ambiguo e sconsideratamente pretestuoso. Siamo di fronte al classico esempio di un disastro annunciato. A sentire la difesa sperticata di Netanyahu in Israele non ci sono problemi, «non c’è ragione che vi preoccupiate» è il mantra che ripete ai quattro venti, da quando è tornato sul trono di Gerusalemme. Ma anche questa volta non è sufficientemente convincente. La risposta forse più pertinente sarebbe che i problemi Netanyahu se li è cercati, sapendo che lo avrebbero portato dove, purtroppo, voleva arrivare. 

Arrivare a un governo, per usare un altro titolo di Haaretz, dove “i ministri fanno a gara a chi è più fascista”.

Native

Articoli correlati