Benjamin Netanyahu: un re Mida alla rovescia
Top

Benjamin Netanyahu: un re Mida alla rovescia

ra gli analisti politici israeliani, Yossi Verter è ritenuto, a ragion veduta, uno dei più autorevoli, equilibrati, documentati. Toni misurati e forza dei ragionamenti: un mix che lascia il segno.

Benjamin Netanyahu: un re Mida alla rovescia
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

18 Maggio 2024 - 18.49


ATF

Tra gli analisti politici israeliani, Yossi Verter è ritenuto, a ragion veduta, uno dei più autorevoli, equilibrati, documentati. Toni misurati e forza dei ragionamenti: un mix che lascia il segno.

 Una settimana da dimenticare

La riprova è in un recentissimo report per Haaretz. Annota Verter: “Questa è stata una settimana che tutti i normali israeliani vorranno sicuramente dimenticare, in particolare il leader a cui siamo stati consegnati.  Dai titoli settimanali di guerra alle farse du jour prodotte appositamente per il Giorno dell’Indipendenza, non importa più quale attività sia coinvolta, il Primo ministro Benjamin Netanyahu è come l’opposto di Re Mida: tutto ciò che tocca si trasforma in melma. Quando Netanyahu stava preparando la sua candidatura alle primarie del Likud prima delle elezioni generali del 1988, i leader del partito hanno cercato di metterlo su un’altra strada. Inizialmente, hanno cercato di convincerlo a candidarsi a sindaco di Gerusalemme o Tel Aviv. Poi lo hanno esortato a presentarsi come candidato a capo dell’Organizzazione sionista mondiale. Ha rifiutato, dicendo che nessuno di quei lavori lo avrebbe messo sulla buona strada per diventare primo ministro. Da allora, ha tenuto d’occhio la palla. Con solo un paio di pause, ha mantenuto il lavoro come un pitbull. Si pone al di sopra dello stato, perché l’etat, c’est moi La quantità di distruzione che ha seminato è di proporzioni storiche e globali, eguagliata solo dai record di dittatori di livello mondiale. Durante l’attuale governo di rovina, le sue debolezze sono diventate chiaramente visibili. È diventato un’ombra del suo passato, specialmente negli ultimi mesi, ma l’ombra non si muove. La situazione spaventosa in cui ci troviamo oggi, che fa sì che ogni israeliano decente perda il sonno, non era scritta nel destino.  È il risultato di una decisione consapevole del primo ministro di Israele di condurci in questo triste stato. Tutto è stato pianificato a sangue freddo, anche le cose che sembrano del tutto folli.

Chiunque sostenga che non c’è una strategia dietro le mosse di Netanyahu si sbaglia.

All’inizio della guerra, Netanyahu ha riaffermato una decisione strategica che ha preso alla fine del 2022, quando stava rappezzando il governo più sconsiderato della storia di Israele: rimanere al potere è più importante di ogni altra cosa, la sopravvivenza politica significa fare affidamento sull’estrema destra e sugli ultraortodossi, e la coalizione viene prima del paese. Ciò è stato evidente durante il ‘golpe di nuovo nelle prime fasi della guerra di Gaza. Dalla prima settimana, quando Netanyahu ha ostacolato tutti i tentativi di creare un governo che esprimesse l’unità nazionale, e il mese dopo, quando ha cercato di affondare il primo e unico accordo sugli ostaggi, anche se i suoi termini erano abbastanza buoni, condannando così bambini, donne e anziani ad altri sette giorni inutili dell’inferno di Gaza.

Con la sua decisione strategica, ci ha messo su questa strada a partire dal 29 dicembre 2022. Tutto ciò che è successo da allora è semplicemente una ricaduta di questo. Così ci siamo impelagati in un confronto-scontro con gli Stati – la nostra più grande difesa e risorsa diplomatica, da cui dipende la nostra stessa sopravvivenza come paese avanzato – o in una guerra che sembra non finire mai. Con una improntitudine che è incredibile anche per i suoi standard, Netanyahu ha concluso il suo video di reazione in preda al panico alle osservazioni del ministro della Difesa Yoav Gallant chiedendo: “Nessuna scusa!” Il suo rimprovero al ministro della Difesa riguardava l’affermazione di quest’ultimo secondo cui Israele non aveva ancora raggiunto la “vittoria totale”, un obiettivo che esiste solo nella testa del primo ministro e nei suoi messaggi. Il suo unico scopo è garantire che almeno avremo una vittoria mediatica, se non militare.

Leggi anche:  Israele, la guerra a nord e i fanatici di "Eretz Israel"

Il suo messaggio era che la guerra si sta trascinando a causa di Gallant e del capo di stato maggiore dell’Idf Herzl Halevi. Solo qualcuno così isolato e tirannico come Netanyahu poteva esprimere una falsità pari solo al cinismo che la sottintende.  Chi altro se non lui è l’ostacolo che impedisce alle forze di difesa israeliane e allo stato di raggiungere gli obiettivi della guerra? Ma che dire degli altri membri del suo governo? Per il deficit di bilancio, anche lui non accetta scuse? Per il crescente isolamento internazionale di Israele?

Un’altra conseguenza della sua strategia, che viene perseguita consapevolmente, è che Israele è costretto a istituire un governo militare nella Striscia di Gaza. Il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich ha provocato indignazione quando ha sollevato questa possibilità cinque mesi fa. Ma anche in quella fase, Netanyahu sapeva che era lì che stava andando. Le sue decisioni disastrose, in retrospettiva, si rivelano non fuorvianti, bensì un crimine calcolato e deliberato.

E lo stesso vale per il prezzo che stiamo pagando – nelle morti, negli ostaggi che languiscono nell’oscurità e nelle loro famiglie infelici, nel morale nazionale cedente, nell’economia al collasso, nel nord morente, nell’isolamento politico e nell’imminente fardello di Gaza. Ha capito tutto prima di noi e ha continuato ad aumentare la quantità della sua scommessa personale sulle nostre vite collettive.

Esilio e arrendersi

Durante la Settimana dell’Indipendenza (di Israele, non dell’America), Netanyahu ha scelto di fornire interviste ai media statunitensi. Quindi per i media israeliani c’era una generosa fornitura di video clip che loro, intimiditi e spaventati per quanto sono, potevano trasmettere. Nell’ultima della serie di interviste, con la Cnbc, il primo ministro ha messo in relazione le manifestazioni nei campus universitari americani, a suo dire orchestrate dai Fratelli musulmani e da organizzazioni antisemite, con quelle in Israele contro i suoi fallimenti o a favore di un accordo di ostaggi.

Come dovremmo chiamarlo, incitamento spregevole? Un paragone disgustoso? Netanyahu sta tornando alla sua retorica dai giorni di gloria degli sforzi del governo per indebolire la magistratura. Alle cerimonie del Memorial Day e del Giorno dell’Indipendenza, ha balbettato sull'”unità” e su come “siamo fratelli”, ma mentre la festa svaniva, si è tolto la maschera e ha rivelato di nuovo il suo volto divisivo.

In un’altra intervista, questa con il giornalista Dan Senor, gli è stato chiesto se ci sono discussioni su uno scenario in cui la leadership di Hamas va in esilio ponendo fine alla guerra, consentendo a tutti gli ostaggi di tornare a casa e rimuovendo la minaccia di Hamas al sud.

“L’idea dell’esilio c’è. Possiamo sempre discuterne. Ma penso che la cosa più importante sia arrendersi”, ha risposto Netanyahu. “Questa guerra potrebbe finire domani. Se Hamas depone le armi, si arrende, restituisce gli ostaggi, la guerra è finita”.

Questa osservazione casuale è l’essenza della tragedia. Mostra come i politici stanno conducendo la guerra: l’assenza di considerazioni diplomatiche, l’intelligenza manageriale, l’incapacità di pensare qualche passo avanti e, peggio di tutto, la mancanza di qualsiasi desiderio di fare qualcosa nell’interesse di Israele che potrebbe minare la coalizione.

Sette mesi dall’inizio della guerra, quando Israele è al suo punto più debole di sempre, Netanyahu si arrende e si esilia? Se fosse stato serio, avrebbe iniziato a parlare di un tale piano un minuto dopo il 7 ottobre – nei media, nelle discussioni con i leader stranieri e con i capi degli stati arabi. In effetti, tutta la forza di un’iniziativa come questa sta nel parlarne in pubblico e nel promuoverla vigorosamente, non nelle cosiddette discussioni.

Gideon Sa’ar ha sollevato l’idea alla prima riunione di gabinetto a cui ha partecipato, prima dell’inizio dell’operazione di terra a Gaza. Ha poi cercato in conversazioni private di conquistare Netanyahu all’idea, ma è stato ricacciato indietro in malo modo.  A proposito, la proposta di Sa’ar parlava dell’esilio solo del braccio militare di Hamas, non di tutta la sua leadership. Netanyahu, nelle sue osservazioni al Senor, lo stava bypassando da sinistra, a quanto pare. Fornisce ulteriori prove che la guerra più fallita nella storia di Israele viene condotta senza alcuna strategia identificabile o lungimirante diverso dal futuro politico di un uomo.

Leggi anche:  Gaza, l'estremista di destra Smotrich non vuole la fine della guerra e attacca Gantz

A meno di un mese dalla guerra, iniziarono a emergere le prime accuse contro Netanyahu, secondo cui che avrebbe potuto prolungare inutilmente la campagna sapendo che la fine dei combattimenti potrebbe accorciare la sua vita politica. Ho chiesto a due ministri del gabinetto che non sono del suo partito. Mi hanno rassicurato. “Bibi cercherà di finirla in fretta. Non gli piacciono le guerre. È sensibile alla vita umana”.

Volevo crederci. La storia di Netanyahu sembrava sostenere la loro visione. Ma il prolungamento criminale dei combattimenti, il blocco di qualsiasi mossa che avrebbe potuto accorciarla e, naturalmente, i suoi modi nefasti di contrastare gli accordi sugli ostaggi, sapendo che le vite di così tanti di loro sarebbero finite orribilmente nei tunnel di Gaza, indicano una triste conclusione: se Netanyahu una volta ha avuto un briciolo di sensibilità alla perdita di vite umane, ora anche quel briciolo non c’è più. 

A proposito, la resa e l’esilio non sono solo un’opzione per Hamas: Netanyahu potrebbe arrendersi al pubblico israeliano ed esiliarsi dall’ufficio del primo ministro. Questo migliorerebbe notevolmente lo stato della nazione.

Prima che gli echi dei suoi discorsi ipocriti del Memorial Day svanissero, Netanyahu ha tirato fuori il suo stratagemma per quanto riguarda la legislazione per arruolare gli ultraortodossi in età di leva nell’esercito. Ha dimostrato ancora una volta che l’inganno è la sua arte.

Mercoledì, ci siamo resi conto di ciò che quest’uomo era impegnato a fare il Giorno dell’Indipendenza il giorno prima. Invece di partecipare agli eventi della giornata, stava scavando il tunnel che spera lo porterà nella Terra promessa politica: la pausa estiva della Knesset.

Lo schema è quello di superare l’ultima settimana di luglio, quando termina la sessione estiva della Knesset. Ciò garantirebbe la sopravvivenza del suo governo fino alla fine di ottobre, quando inizierà la prossima sessione, un periodo di 13 mesi dopo il massacro e la corsa. Ora questa è la vittoria totale.

Netanyahu ora spingerà il disegno di legge che è stato approvato come una sorta di compromesso durante il governo Naftali Bennett-Yair Lapid durato da giugno 2021 a dicembre 2022. Ma questa era solo una misura parziale a cui dar seguito con una legge  che assicurasse  infine che “tutti i segmenti della società”, compresi gli arabi israeliani e gli ultra-ortodossi, servono nell’esercito.

L’opposizione all’epoca – il blocco di destra attualmente al potere – si è messa di traverso e gli ultraortodossi hanno minacciato di “risegare i loro vestiti in lutto”.

Ma ora, dopo il 7 ottobre, il conto di stop gap sputa in faccia agli oltre 3.000 soldati che sono stati uccisi o feriti. È una mossa disperata da parte del manipolatore che conosciamo così bene.

I commentatori strabici che non possono vedere oltre il loro naso hanno definito la proposta di Netanyahu una “manovra brillante”. È così brillante che i suoi obiettivi politici, il ministro della Difesa, suo potenziale competitor nel Likud, Yoav Gallant, e il leader di Unità nazionale Benny Gantz , l’hanno respinto senza indugi. 

Nel frattempo, Yuli Edelstein, presidente della commissione per gli affari esteri e la difesa della Knesset e membro del partito Likud di Netanyahu, ha lavorato rapidamente per formare un blocco di parlamentari ribelli del Likud. Impedirebbero all’ufficio del Primo ministro di spostare il disegno di legge in un comitato più amichevole per Netanyahu. La legge deve ancora essere deliberata prima del secondo e del terzo voto nella Knesset.

Leggi anche:  I genitori dei militari israeliani chiedono ai figli di tornare a casa e non combattere più

Gallant ha tenuto una conferenza stampa mercoledì per chiedere al Primo ministro di prendere decisioni difficili, smettere di fare politica e dare priorità all’interesse nazionale. Si può dire che, disperato, Gallant ha fatto passare il pubblico attraverso le porte ben chiuse nella stanza in cui vengono prese le decisioni strategiche più sensibili.

Ha detto che per sei mesi il Primo ministro si è rifiutato di discutere del “giorno dopo” a Gaza e di trovare un’alternativa al dominio di Hamas, sabotando così i risultati dell’esercito e trascinando Israele in una terribile realtà del governo militare a Gaza o nella perpetuazione del dominio di Hamas. Netanyahu non dirà apertamente ciò che il mondo intero sa: dopo Hamas, solo l’Autorità palestinese o Fatah, in collaborazione con gli stati arabi, possono gestire Gaza.

Sono loro o Hamas – o Israele. Non ci sono alternative.

Il quadro allarmante che Gallant ha raffigurato è condiviso da altri funzionari della difesa. Considerano Netanyahu l’uomo che sta mettendo in pericolo Israele per gli anni a venire. Come ha detto Gallant la notte del 23 marzo 2023, mentre il governo stava cercando di indebolire la magistratura, Netanyahu è “un pericolo chiaro e presente”. Quattordici mesi dopo, il ministro della difesa ha criticato direttamente Netanyahu: sei al comando, sei da biasimare. Gallant aveva ragione allora e lo era di nuovo questa settimana.

Le “chiamate” dei ministri e dei parlamentari del Likud, Otzma Yehudit e del sionismo religioso (tra cui Shlomo Karhi, Yariv Levin, Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich) per licenziare Gallant hanno provocato risate nell’ufficio del ministro della Difesa e frustrazione nell’ufficio dell’unica persona autorizzata a licenziare i ministri. Gallant non solo si sente sicuro e forte, è forte.

Netanyahu, d’altra parte, sembra isterico, emotivamente disturbato, malato e debole. Ha imparato la sua amara lezione nella  “la notte di Gallant” nel marzo 2023 e non ripeterà quell’errore in qualsiasi momento presto.

È ora di smettere?

All’inizio della prossima settimana, Gantz prevede di rilasciare una dichiarazione che stabilisce i suoi termini per rimanere nel governo di emergenza, dicono fonti a lui vicine. Quindi è arrivato il momento. Perché lui e il suo partner Gadi Eisenkot non hanno già pronunciato ciò che Gallant ha detto questa settimana? Questi signori sono difficili da capire.

La prima domanda che si dovrebbe porre a Gantz è lasciare quella triste battuta conosciuta come il governo di emergenza. Non mancano i problemi in cui Netanyahu e il gabinetto lo stanno irritando.

C’è il cliché della mancanza di una strategia “giorno dopo”, e ci sono gli imbrogli di Netanyahu riguardo alla stesura dell’ultraortodosso. C’è anche la normalizzazione con l’Arabia Saudita che ci sta scivolando tra le dita, l’attrito con gli Stati Uniti e l’Occidente e il deterioramento della situazione nel nord d’Israele, dove il governo non ha ancora impegnato denaro per le autorità locali lì e per gli sfollati.

E naturalmente, ci sono gli ostaggi, che sono molto in basso nella lista delle cose da fare del governo. La vergogna.

In conclusione: ci sono molte ragioni per cui il Partito dell’Unità Nazionale di Gantz avrebbe dovuto lasciare la coalizione molto tempo fa. I suoi leader potrebbero quindi rivelare al pubblico come stavano andando le cose dall’interno e incoraggiare le proteste. Questo è un obbligo nei confronti del pubblico del primo ordine.

Ma non hanno ancora fretta di andarsene. Come mi ha detto un alto funzionario del partito, “Se non vediamo progressi e decisioni su tutte le questioni che sono importanti per noi, saremo costretti a partire tra qualche settimana”.

Così Verter. Un quadro che definire desolante è peccare di ottimismo. 

Native

Articoli correlati