Top

Le rivelazioni del genero-consigliere: neanche Trump sopportava Netanyahu

A rileggere alcuni passaggi-chiave delle memorie di Kushner, sono due firme di Haaretz: Amir Tibon e Jonathan Lis.

Le rivelazioni del genero-consigliere: neanche Trump sopportava Netanyahu
Netanyahu e Trump

Umberto De Giovannangeli

5 Agosto 2022 - 16.34


Preroll

Altro che amore (politico) a prima vista. Neanche Donald Trump sopportava Benjamin Netanyahu. A rivelarlo, nel suo libro di memorie, in via di pubblicazione, è Jared Kushner, genero-consigliere dell’ex presidente Usa, la mente e il facitore massimo (assieme all’ex ambasciatore americano a Tel Avid, David Friedman, delle relazioni tra l’allora inquilino della Casa Bianca e il primo ministro politicamente più longevo nella storia d’Israele.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Relazioni burrascose

Middle placement Mobile

A rileggere alcuni passaggi-chiave delle memorie di Kushner, sono due firme di Haaretz: Amir Tibon e Jonathan Lis.

Dynamic 1

Scrive Tibon: “Jared Kushner, genero e consigliere anziano dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, sta pubblicando un libro di memorie che contiene alcune storie interessanti che coinvolgono l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu.

 In un’occasione, scrive Kushner, Trump ritenne che Netanyahu gli avesse mentito e lo avesse usato per scopi politici, facendo infuriare il Presidente a tal punto da fargli prendere in considerazione l’idea di sostenere Benny Gantz contro Netanyahu alle elezioni israeliane del marzo 2020. Due anni prima, secondo

Dynamic 2

Kushner, Trump è rimasto sorpreso dalla tiepida risposta di Netanyahu alla sua decisione di spostare l’ambasciata statunitense in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, facendogli ripensare all’intera vicenda. Netanyahu, nel bel mezzo di un’altra campagna elettorale israeliana, ha definito le affermazioni di Kushner “completamente false”. I media israeliani hanno citato ampiamente il libro di memorie e Netanyahu è preoccupato dell’impatto che questo avrà sull’opinione pubblica. Dopo tutto, durante il periodo di Trump alla Casa Bianca, Netanyahu ha usato il presidente più volte nelle sue campagne elettorali, cercando di convincere gli israeliani a mantenerlo in carica sottolineando i suoi presunti forti legami con il leader repubblicano. La versione dei fatti di Kushner mostra la relazione Trump-Netanyahu sotto una luce diversa e l’ex primo ministro la considera un problema in vista di un’altra elezione israeliana. Vuole far credere agli israeliani che i doni diplomatici elargiti da Trump siano in realtà tutti suoi successi e che non sarebbero accaduti senza il suo genio diplomatico. Kushner presenta una narrazione completamente diversa, in cui Netanyahu ha avuto ben poco a che fare con le decisioni di Trump, e in alcuni casi è stato addirittura un fastidio per il presidente. L’ultima volta che Netanyahu e Kushner sono stati coinvolti in un confronto di questo tipo è stato nel gennaio 2020, nella notte in cui Trump ha svelato il suo “accordo del secolo” alla Casa Bianca. La conferenza stampa si è svolta di martedì sera e, appena terminata, il portavoce di Netanyahu ha pubblicato un tweet in cui dichiarava che Israele avrebbe annesso tutti gli insediamenti nei territori occupati “entro domenica mattina”. Questo ha provocato un’esplosione di emozioni tra i portavoce di Netanyahu nei media israeliani, alcuni dei quali hanno iniziato a ballare in diretta televisiva per festeggiare l’annuncio. I festeggiamenti, tuttavia, non sono durati a lungo. Poche ore dopo la promessa di Netanyahu, Kushner è andato alla Cnn e ha gettato acqua sul piano di annessione. Netanyahu e i suoi tirapiedi – pensate alle cheerleader di Trump su Fox News e InfoWars, ma con un accento israeliano – si sono trovati in grave imbarazzo.

Il resto della storia è noto. Netanyahu non ha mai sottoposto l’annessione al voto del governo israeliano e, alla fine del 2020, l’intera questione è diventata irrilevante dopo la firma degli Accordi di Abramo.

Dynamic 3

Israele non aveva intenzione di mettere a rischio le relazioni appena instaurate con gli Emirati Arabi Uniti procedendo con l’annessione. Kushner aveva ragione e Netanyahu torto. Questo non significa necessariamente che lo stesso valga ora, nella loro discussione sul libro di memorie, ma è un precedente che vale la pena ricordare. Gli israeliani dovrebbero anche ricordare le esplosive citazioni di Trump su Netanyahu che il giornalista Barak Ravid ha pubblicato all’inizio dell’anno e che, a differenza del libro di Kushner, sono state accolte con un silenzio tombale dall’ex primo ministro. Se la descrizione di Kushner è accurata, solleva un’importante questione su Netanyahu: cosa lo rende così difficile da lavorare per i presidenti degli Stati Uniti, uno dopo l’altro? Bill Clinton non lo sopportava, nonostante fosse un grande fan di Israele e un amico personale del predecessore di Netanyahu, Yitzhak Rabin. Barack Obama è stato vilipeso da lui, nonostante la sua amministrazione abbia dato a Israele il più grande pacchetto di assistenza alla sicurezza degli Stati Uniti. Ora apprendiamo che le opinioni di Trump su di lui non erano poi così diverse. Questo sarà una sorpresa per molti israeliani, anche dopo l’episodio del “Vaffanculo” dell’inizio dell’anno.

Gli israeliani si recheranno nuovamente alle urne tra meno di 90 giorni. Nelle precedenti tornate elettorali, il rapporto Netanyahu-Trump è stato un pilastro fondamentale della campagna del Likud. Questa volta Netanyahu probabilmente non userà il 45° presidente. Semmai, sono i suoi rivali che potrebbero arruolare Trump in queste elezioni: Yair Lapid e Benny Gantz hanno definito Netanyahu un bugiardo per anni; ora gli israeliani hanno imparato che anche Donald Trump tende ad essere d’accordo con loro”.

Dynamic 4

Così Tibon

Il furibondo Donald

Dynamic 5

Lo racconta, sempre sul giornale progressista di Tel Aviv, Jonathan Lis. “L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump era furioso per il piano dell’allora primo ministro Benjamin Netanyahu di annettere immediatamente gli insediamenti, al punto che ha persino preso in considerazione l’idea di annunciare il sostegno al principale rivale di Netanyahu alle successive elezioni, come rivela il genero di Trump nel suo nuovo libro.

Jared Kushner, anch’egli consigliere anziano di Trump, ha scritto nel suo libro di memorie “Breaking History” che quando l’amministrazione Trump ha presentato il suo piano di pace israelo-palestinese durante un evento di gala alla Casa Bianca nel gennaio 2020, Netanyahu ha colto l’occasione per annunciare la sua intenzione di applicare immediatamente la legge israeliana agli insediamenti – cosa a cui l’amministrazione si è opposta.

Questo discorso ha messo in imbarazzo Trump e i funzionari degli altri Paesi invitati all’evento, che si aspettavano di ascoltare un messaggio conciliante. All’uscita dal gala, Trump ha detto a Kushner: “Bibi ha fatto un discorso da campagna elettorale. Mi sento sporco”. Kushner aggiunge che Trump “mi chiese se avrebbe dovuto compiere l’insolito passo di appoggiare il rivale politico del primo ministro, Benny Gantz”, all’epoca a capo del principale partito di opposizione. Il conflitto sull’annessione ha segnato il nadir delle relazioni tra Stati Uniti e Israele durante l’era Netanyahu-Trump. Mentre Kushner lavorava per promuovere le relazioni di Israele con altri Stati arabi e musulmani, Netanyahu era immerso nella politica interna, temendo di perdere le imminenti elezioni.

Secondo Kushner, Netanyahu iniziò a promuovere l’annessione con l’incoraggiamento di David Friedman, all’epoca ambasciatore statunitense in Israele. Ma Friedman non aveva nemmeno informato gli alti funzionari dell’amministrazione di ciò che stava dicendo a Netanyahu, tanto meno aveva ricevuto il loro permesso.

Dopo che Netanyahu ha annunciato i suoi piani di annessione, Kushner si è affrettato a rilasciare interviste ai media in cui ha sottolineato che l’amministrazione non appoggiava l’annessione immediata. Il piano di pace di Trump prevedeva un’accelerazione dei colloqui tra Israele e i palestinesi della durata di quattro anni. Durante questo periodo, la costruzione degli insediamenti verrebbe congelata e alla fine verrebbe istituito uno Stato palestinese smilitarizzato. Solo a quel punto la legge israeliana sarebbe stata applicata a tutti gli insediamenti esistenti in Cisgiordania.

Il piano prevedeva anche che Gerusalemme fosse riconosciuta come capitale indivisa di Israele, mentre la capitale palestinese sarebbe stata Abu Dis, appena fuori Gerusalemme. Inoltre, i palestinesi rinuncerebbero alla richiesta di permettere ai rifugiati e ai loro discendenti di trasferirsi in Israele. Infine, verrebbe costruito un tunnel per collegare la Cisgiordania con la Striscia di Gaza”.

I cinque punti chiave

Ne scrive Jonathan Shamir: “ Jared Kushner, genero e consigliere anziano dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, è emerso come un improbabile protagonista delle conciliazioni e dei conflitti mediorientali durante l’ultimo mandato alla Casa Bianca.

Kushner è diventato l’uomo di punta dell’amministrazione in Medio Oriente, autore del controverso piano di pace di Trump tra Israele e Palestina e principale artefice dei cosiddetti accordi di Abraham, che hanno normalizzato i legami tra Israele e gli Stati arabi.

Il suo libro di memorie trapelato, “Breaking History: A White House Memoir”, la cui pubblicazione è prevista per la fine di questo mese, fornisce alcuni nuovi spunti sul tumultuoso mandato di Trump alla Casa Bianca e sulle sue implicazioni di vasta portata sulla regione.

Dura presa di posizione del Sultano dell’Oman sui palestinesi

In un viaggio vorticoso nel Golfo nel febbraio 2019, Jared Kushner e il suo team hanno incontrato il Sultano Qaboos bin Said dell’Oman, che è stato il leader più longevo del Medio Oriente prima di morire un anno dopo.

Kushner descrive il suo “shock” durante la conversazione con il Sultano, il quale ha affermato che “per anni, i leader arabi hanno deliberatamente alimentato il conflitto tra Israele e i palestinesi per distogliere l’attenzione dalle proprie carenze interne e raccogliere il sostegno popolare”.

Qaboos aveva detto che, in privato, i leader arabi “erano molto più disposti ad ammettere i benefici che Israele portava alla regione”. Si è persino spinto a dare “un po’ di colpa ad Abbas per la sua incapacità di trovare soluzioni e per il suo ruolo nel perpetuare il conflitto”, anche se ha notato che “il suo cuore è nel posto giusto”.

“Mi ha detto quanto gli sia piaciuta la cena con Bibi [nel 2018] e come abbia visto enormi opportunità per l’Oman e i suoi vicini di collaborare con Israele”, ha aggiunto Kushner, riferendosi all’allora primo ministro Benjamin Netanyahu.

Nonostante l’Oman abbia accolto con favore gli Accordi di Abraham, Muscat non ha seguito gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein, il Marocco e il Sudan nell’accettare di normalizzare i legami con Israele, sottolineando che non avrebbe fatto questo passo fino alla creazione di uno Stato palestinese.

Bibi quasi silura il piano per l’ambasciata a Gerusalemme

Nel libro di memorie, Kushner racconta anche “l’entusiasmo meno che previsto” di Netanyahu riguardo alla proposta di Donald Trump di spostare l’ambasciata statunitense in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, dicendo al presidente degli Stati Uniti in una telefonata del 2017 che “se decidi di farlo, ti sosterrò”.

Kushner sostiene che “Trump ha iniziato a riconsiderare la sua decisione” e che “si è chiesto ad alta voce perché stesse correndo questo rischio se il primo ministro israeliano non pensava che fosse così importante”, soprattutto viste le pressioni del suo team di sicurezza nazionale per evitare la mossa potenzialmente infiammatoria. Alla fine, la decisione ha provocato manifestazioni di massa nella Striscia di Gaza, in cui le truppe israeliane hanno ucciso decine di palestinesi, e la rottura dei legami tra l’Autorità palestinese e gli Stati Uniti. Rispondendo al sito di notizie israeliano Walla, l’ufficio di Netanyahu ha smentito la notizia, affermando di aver chiesto a Donald Trump di spostare l’ambasciata “diverse volte e di aver espresso grande apprezzamento per questa decisione”. Ha aggiunto che non è chiaro se il trasferimento sarebbe andato avanti se Netanyahu non avesse placato i timori dell’amministrazione Trump che la mossa avrebbe istigato una fiammata con i palestinesi.

Al-Aqsa sopra ogni cosa

Kushner è rimasto sorpreso nel constatare che il Sultano Qaboos ha sottolineato che “l’elemento più cruciale della pace arabo-israeliana è l’accesso alla Moschea di al-Aqsa sul Monte del Tempio”, aggiungendo di provare “disappunto per il fatto che per anni i media arabi hanno diffuso una falsa narrativa secondo cui Israele voleva distruggere la moschea”. Durante lo stesso viaggio, Kushner ha incontrato anche il re Salman dell’Arabia Saudita. Sebbene sia stato più reticente sul tema di Israele, ha anche “sottolineato che l’accesso alla Moschea di al-Aqsa è la questione più importante per tutti i musulmani”.

La conversazione notturna con il sultano ha spinto Kushner a rompere la “saggezza convenzionale” secondo cui il conflitto di Israele con i palestinesi e il mondo arabo in generale sono collegati, e a “riformulare la questione dell’accesso alla Moschea di Al-Aqsa, rimuovendola come argomento dei negoziati con i palestinesi e trasformandola nel fulcro di più ampi accordi di normalizzazione tra Israele e il mondo musulmano”.

“Se Israele potesse garantire la custodia musulmana del luogo sacro e ampliare l’accesso ai fedeli musulmani, potremmo affrontare la questione che preoccupa molto gli arabi”, ha aggiunto.

Imbiancare MBS

Kushner ha incontrato anche il figlio di re Salman, il principe ereditario Mohammed bin Salman, che è ampiamente percepito come più morbido nei confronti di Israele rispetto al padre. Nel presentare il suo piano di pace, MBS lo ha definito “davvero ponderato e molto sensato”.

“I vostri critici naturali sosterranno che state cercando di comprare il popolo palestinese. Ma queste critiche ci saranno in ogni caso. Questo è un piano solido, e il popolo giudicherà da solo se crede che lo aiuterà a raggiungere una vita migliore. La stessa cosa è accaduta nel mio Paese con Vision 2030”, ha detto il Crown Price.

I due uomini hanno coltivato stretti legami durante la presidenza Trump, e la società di private equity Affinity Partners di Kushner ha ricevuto un investimento di 2 miliardi di dollari dal Regno poco dopo la vittoria di Joe Biden alle elezioni. Nonostante sia a conoscenza delle conclusioni della Cia secondo cui MBS avrebbe ordinato personalmente la brutale uccisione del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi nel 2018, Kushner fa acriticamente eco alle affermazioni del principe ereditario.

“Quando abbiamo discusso dell’omicidio di Khashoggi, il principe ereditario si è assunto la responsabilità del fatto che sia avvenuto sotto il suo controllo, pur affermando di non essere personalmente coinvolto. Ha detto che stava conducendo un’indagine approfondita e che intendeva affrontare pubblicamente l’omicidio non appena fosse stata completata”, scrive Kushner.

“Sebbene questa situazione fosse terribile, non potevo ignorare il fatto che le riforme che MBS stava attuando stavano avendo un impatto positivo su milioni di persone nel regno, soprattutto sulle donne. Tutte queste riforme sono state una priorità per gli Stati Uniti, in quanto hanno portato a ulteriori progressi nella lotta all’estremismo e all’aumento delle opportunità economiche e della stabilità in tutta la regione dilaniata dalla guerra”, aggiunge.

Non più finta neutralità

Dopo la decisione di Trump di trasferire l’ambasciata a Gerusalemme, l’allora Segretario di Stato Rex Tillerson aveva esortato Kushner a “riconoscere la rivendicazione palestinese su Gerusalemme Est per dare loro un osso e permettere loro di salvare la faccia… Altrimenti, si allontaneranno dal tavolo e non torneranno per una generazione”.

Kushner, tuttavia, ha replicato senza peli sulla lingua: “Se non tornano, non tornano”.

‘Mentre i nostri predecessori hanno cercato di svolgere il ruolo di mediatori neutrali, noi siamo senza vergogna al fianco di Israele sulle politiche in cui siamo d’accordo, sapendo che questo avrebbe costruito la fiducia con loro’, ha scritto”, conclude Shamir.

Saranno pure verità di parte, ma le rivelazioni di Kushner rafforzano l’immagine di un “Re d’Israele” – Benjamin Bibi Netanyahu – talmente cinico e altrettanto abile di mettere nel sacco anche l’”amico Donald”, che poi tanto amico non era.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile