Così Netanyahu e i suoi alleati hanno "sequestrato" Israele
Top

Così Netanyahu e i suoi alleati hanno "sequestrato" Israele

Così Benjamin Netanyahu e i suoi alleati di estrema destra hanno “sequestrato” Israele, piegandolo ai propri interessi personali o di parte. A spiegarlo è il professor Harari, tra i più autorevoli storici e scienziati della politica israeliani.

Così Netanyahu e i suoi alleati hanno "sequestrato" Israele
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Aprile 2024 - 17.23


ATF

Così Benjamin Netanyahu e i suoi alleati di estrema destra hanno “sequestrato” Israele, piegandolo ai propri interessi personali o di parte. A spiegarlo è il professor Harari, tra i più autorevoli storici e scienziati della politica israeliani.

Il sequestro di uno Stato

Spiega Harari nel suo saggio per Haaretz: ““Netanyahu e i suoi partner hanno preferito consolidare l’occupazione piuttosto che rendere sicuri i nostri confini, tanto che lo stesso leader che per anni si è dimostrato incapace di evacuare un solo insediamento israeliano illegale nei territori occupati è riuscito in un solo giorno a evacuare le città israeliane di Sderot a sud e Kiryat Shmona a nord, con le loro decine di migliaia di abitanti.

Peggio ancora, quando Netanyahu ha formato il suo ultimo governo, ha dovuto decidere su quale dei tanti problemi di Israele dovesse concentrarsi. Israele doveva dare la priorità alla lotta contro Hamas, Hezbollah o l’Iran? Dopo averci pensato a lungo, Netanyahu decise di combattere la Corte Suprema. Se tra gennaio e ottobre 2023 il governo Netanyahu avesse dedicato ad Hamas un quarto dell’attenzione che ha dedicato alla lotta contro la Corte Suprema, la catastrofe del 7 ottobre sarebbe stata evitata.

Quando, dopo il 7 ottobre, Netanyahu ha dovuto decidere gli obiettivi della guerra, non c’è da stupirsi che la sicurezza sia stata ancora una volta messa troppo in basso nella lista delle priorità. Israele doveva ovviamente entrare a Gaza per disarmare Hamas. Ma l’obiettivo a lungo termine della guerra avrebbe dovuto essere quello di creare un ordine regionale stabile che avrebbe mantenuto gli israeliani al sicuro per anni. Tale ordine potrebbe essere creato solo rafforzando l’alleanza tra Israele e le democrazie occidentali e approfondendo la cooperazione con le forze arabe moderate. Invece di coltivare queste alleanze e collaborazioni, l’obiettivo bellico scelto da Netanyahu è la cieca vendetta. Come il Sansone senza occhi del libro biblico dei Giudici, Netanyahu ha scelto di far crollare i tetti di Gaza sulla testa di tutti, palestinesi e israeliani, solo per vendicarsi.

Gli israeliani conoscono bene la Bibbia e amano le sue storie. Com’è possibile che dopo il 7 ottobre ci siamo dimenticati di Sansone? La sua è la storia di un eroe ebreo rapito a Gaza, dove fu tenuto in oscura prigionia dai Filistei e torturato duramente. Perché Sansone non è diventato un simbolo dopo il 7 ottobre? Perché non vediamo la sua immagine ovunque, su adesivi, graffiti e meme su internet?

La risposta è che il messaggio di Sansone è troppo spaventoso. “Che io mi vendichi”, disse Sansone, “e che la mia anima perisca con i Filistei”. Dal 7 ottobre, siamo diventati così simili a Sansone in così tanti modi – l’arroganza, la cecità, la vendetta, il suicidio – che è troppo terrificante ricordare l’eroe vanaglorioso che lasciò morire la propria anima solo per vendicarsi dei Filistei.

Leggi anche:  Netanyahu accusa Biden di ritardare le forniture di armi per la distruzione di Rafah

La camera dell’eco

Dopo il 7 ottobre, era essenziale combattere e sconfiggere Hamas, ma ciò sarebbe stato possibile anche senza uccidere così tanti civili innocenti e senza affamare la popolazione civile. L’IDF ha ottenuto molte vittorie sui campi di battaglia, ottenendo il controllo della maggior parte delle aree della Striscia di Gaza e delle vie di accesso. Anche se nel bel mezzo dei combattimenti è talvolta difficile separare i civili dai combattenti, cosa ha impedito a Israele di inondare Gaza di aiuti? Alcuni sostengono che la distribuzione inefficiente all’interno di Gaza e i furti da parte di agenti di Hamas siano all’origine delle immagini di bambini affamati e di migliaia di disperati che assaltano i camion degli aiuti. Anche se queste difficoltà sono reali, Israele avrebbe potuto far arrivare a Gaza una tale quantità di cibo, medicine e altri rifornimenti che la cattiva gestione o i furti non avrebbero provocato la fame. Dopo tutto, cosa possono fare i ladri con le scorte di cibo se non venderle alla popolazione?

Al contrario, se Israele avesse avuto difficoltà a portare aiuti sufficienti a Gaza, e dato che l’Egitto e altri Paesi si fossero rifiutati di ospitare i rifugiati palestinesi, Israele avrebbe potuto creare dei rifugi sicuri per i civili palestinesi in territorio israeliano vicino al confine egiziano, a sud della Striscia. Centinaia di migliaia di donne, bambini, anziani e malati rifugiati da Gaza avrebbero potuto trovare rifugio in queste zone sicure. Israele avrebbe potuto assicurarsi che i rifugiati ricevessero tutti i beni di prima necessità e fossero protetti dagli attacchi, finché i combattimenti a Gaza fossero continuati. Quest’idea era stata suggerita già nei primi giorni della guerra da Benny Morris, Benjamin Z. Kedar e molti altri importanti accademici israeliani che avevano previsto i pericoli futuri. Una mossa del genere avrebbe rispettato gli obblighi morali di Israele, avrebbe ottenuto l’approvazione internazionale e avrebbe permesso all’IDF di operare con maggiore facilità all’interno di Gaza. Non è troppo tardi per attuare un piano del genere.

Netanyahu continua a promettere agli israeliani una “vittoria totale”, ma la verità è che siamo a un passo dalla sconfitta totale. Tutto ciò che si sarebbe potuto ottenere combattendo – ricostruire la fiducia interna nell’IDF dopo la debacle del 7 ottobre, ricostruire la deterrenza israeliana all’estero ed eliminare la maggior parte delle capacità militari di Hamas – è già stato ottenuto. Non si otterrà nulla di più continuando la guerra. È una pericolosa illusione credere che un’ulteriore vittoria a Rafah porterà al crollo di Hamas, al rilascio di tutti gli ostaggi e alla resa dei numerosi nemici di Israele. Ogni giorno di guerra in più non fa altro che favorire gli scopi di Hamas e dell’Iran e intensificare l’isolamento internazionale di Israele.

Leggi anche:  Israele: il Likud accusa i manifestanti anti-Netanyahu di essere un ramo di Hamas

Gran parte dell’opinione pubblica israeliana è cieca di fronte a ciò che sta accadendo. Per troppi israeliani il tempo si è fermato a metà anno fa. Ogni giorno i nostri media sono ancora pieni di aggiornamenti dal 7 ottobre 2023, senza apparentemente accorgersi che siamo già nell’aprile 2024. È ovviamente importante ricordare e indagare su ciò che è accaduto in Israele in quel sabato maledetto, ma è anche importante sapere cosa sta accadendo a Gaza in questo momento. Tutto il mondo vede le orribili immagini che provengono dalla Striscia, ma troppi cittadini israeliani o non osano guardare o considerano tutte queste immagini come propaganda ingannevole. La cecità dell’opinione pubblica dà al governo la possibilità di continuare la sua opera di distruzione, che devasta non solo Gaza, ma anche ciò che resta della posizione internazionale e della bussola morale di Israele. Come possiamo rompere la camera d’eco che ci intrappola e vedere cosa sta realmente accadendo?

La voce divina

Nella storia, a volte accade che intere popolazioni rimangano intrappolate in una camera d’eco e perdano il contatto con la realtà. È particolarmente probabile che ciò accada durante le guerre. Ad esempio, all’inizio dell’agosto 1945, quando il Giappone isolato era sull’orlo della sconfitta, i giapponesi continuarono a combattere per la vittoria promessa loro dal governo e dai media. I giapponesi che osavano pensare diversamente venivano denunciati come disfattisti, puniti severamente e talvolta giustiziati.

A rompere la camera dell’eco giapponese furono due bombe atomiche, una sganciata su Hiroshima il 6 agosto e l’altra su Nagasaki il 9 agosto. In realtà, nemmeno le bombe atomiche furono sufficienti. Fu necessario anche l’intervento divino. Per un’altra settimana i cittadini giapponesi continuarono a credere nella vittoria, finché il 15 agosto 1945 accesero la radio e sentirono una voce divina che parlava loro.

Per molti giapponesi, l’imperatore Hirohito era un dio vivente. Fino ad allora non aveva mai parlato loro direttamente. A nessuna persona al di fuori della sua cerchia ristretta e dei più alti funzionari giapponesi era stato permesso di ascoltare la voce del dio Hirohito. Ma una settimana dopo Hiroshima e Nagasaki, il governo giapponese capì di non avere alternative alla resa. Avendo precedentemente promesso ai suoi cittadini la vittoria, il governo temeva che non avrebbero capito e accettato il brusco cambiamento di politica. Nemmeno le bombe atomiche erano in grado di spiegarlo. Così il dio giapponese fu chiamato a intervenire. “Nonostante tutti abbiano fatto del loro meglio”, spiegò il divino imperatore nella sua storica trasmissione, “la situazione bellica si è sviluppata non necessariamente a vantaggio del Giappone, mentre le tendenze generali del mondo si sono rivolte tutte contro i suoi interessi… [quindi] abbiamo deciso di aprire la strada a una grande pace… sopportando l’insopportabile e soffrendo ciò che è insopportabile”.

Leggi anche:  Gaza, Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra per bloccare gli estremisti e avere pieni poteri

L’Israele del 2024 non è ovviamente il Giappone dell’agosto 1945. Israele non ha cercato di conquistare mezzo mondo e non ha ucciso milioni di persone. Israele gode ancora di una superiorità militare locale e il suo isolamento internazionale non è completo. E soprattutto, nella nostra regione le armi nucleari non sono ancora state utilizzate e c’è ancora tempo per evitare una Hiroshima mediorientale. Ma nonostante tutte queste enormi differenze, c’è anche un punto in comune. Come i giapponesi nel 1945, molti israeliani nel 2024 sono intrappolati in una camera d’eco che promette loro la vittoria, anche se noi siamo sull’orlo della sconfitta. Come rompere questa camera d’eco? Non sarebbe saggio aspettare la bomba atomica o che Dio parli alla radio.

Il governo Netanyahu, che ha fallito in tante cose, deve finalmente assumersi la responsabilità. È il governo Netanyahu che ha adottato l’agenda disastrosa che ci ha portato qui, ed è il governo che ha adottato la politica di vendetta e di suicidio alla Sansone. Guai a noi se agli stessi Sansoni viene ora permesso di prendere le decisioni strategiche e politiche più importanti della storia di Israele.

Questo governo ha raggiunto il punto in cui deve sopportare l’insopportabile, ammettere il fallimento e dimettersi immediatamente in modo che qualcun altro possa aprire una nuova pagina. È fondamentale istituire un nuovo governo, che sia guidato da una diversa bussola morale, che ponga fine alla crisi umanitaria a Gaza e che inizi a ricostruire la nostra posizione internazionale. Se non cambiamo la nostra politica nei confronti dei palestinesi, ci ritroveremo ad affrontare l’Iran da soli e la nostra fine sarà come quella di Sansone, che in preda a una rabbia impotente fece crollare la casa sulla testa di tutti”.

(seconda parte, fine)

Native

Articoli correlati