Israele-Iran, tragedia o opportunità: un dilemma che può cambiare il volto del Medio Oriente
Top

Israele-Iran, tragedia o opportunità: un dilemma che può cambiare il volto del Medio Oriente

Un attacco che potrebbe trasformarsi in una opportunità politica per cambiare il volto del Medio Oriente. Tutto, o quasi, dipende da ciò che Israele deciderà in queste ore.

Israele-Iran, tragedia o opportunità: un dilemma che può cambiare il volto del Medio Oriente
Netanyahu
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Aprile 2024 - 14.17


ATF

Un attacco che potrebbe trasformarsi in una opportunità politica per cambiare il volto del Medio Oriente. Tutto, o quasi, dipende da ciò che Israele deciderà in queste ore.

Tragedia o opportunità

A darne conto, su Haaretz, sono due dei più autorevoli analisti israeliani: Amos Harel e Yossi Melman.

Annota Harel: “Dopo il successo ottenuto nello sventare l’attacco missilistico e di droni dell’Iran, Israele sembra stia pianificando una risposta. Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha convocato lunedì una serie di discussioni urgenti e intense per capire come Israele debba rispondere all’eccezionale mossa dell’Iran di sabato sera.

Anche se il lancio di oltre 350 droni e missili contro Israele si è concluso con un clamoroso fallimento – quattro missili hanno causato danni superficiali, uno ha ferito gravemente una ragazza nel Negev – la leadership israeliana sottolinea che questo costituisce un pericoloso precedente. Ritiene di dover inviare a Teheran un messaggio sul prezzo che questo comporta.

Ma non si possono ignorare le considerazioni politiche che fanno da sfondo al processo decisionale. Netanyahu è sfidato da destra dai capi dei due partiti estremisti del suo governo, il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir e il Ministro delle Finanze Bezalel Smotrich. Entrambi chiedono pubblicamente una clamorosa rappresaglia contro l’Iran.

Gli Stati Uniti, la cui stretta collaborazione operativa con Israele ha giocato un ruolo chiave nello sventare l’attacco, chiedono ora che Israele si astenga dal compiere ritorsioni.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha trasmesso questo messaggio in una telefonata con Netanyahu domenica mattina e da allora è stato ripetuto da altri alti funzionari dell’amministrazione. I paesi europei che hanno aiutato a proteggere Israele, tra cui Gran Bretagna e Francia, hanno inviato messaggi simili.

Washington ha detto chiaramente a Israele che non collaborerà con lui in nessun attacco all’Iran. Ma secondo i media statunitensi, Biden non sta veramente cercando di fermare un attacco israeliano. Le sue obiezioni, espresse nella telefonata con Netanyahu, derivano in parte dal timore che l’America venga identificata con un eventuale attacco israeliano, dato che i piloti da combattimento di entrambi i Paesi hanno abbattuto droni e missili da crociera iraniani a distanza di poche ore.

Sebbene i disaccordi all’interno della leadership israeliana – che derivano in parte dalla forte sfiducia tra Netanyahu e i suoi partner nel governo di emergenza, Benny Gantz e Gadi Eisenkot – siano trapelati ai media, il consenso di base sembra attraversare le linee politiche e comprende anche alti funzionari della difesa.

C’è accordo sul fatto che l’attacco richieda una risposta, anche se a quanto pare si cercherà di sceglierne una moderata che mandi un messaggio all’Iran senza scatenare una guerra regionale.

Tuttavia, è importante ricordare che le agenzie di intelligence israeliane hanno commesso un errore quando hanno sottovalutato il rischio di assassinare il generale Mohammad Reza Zahedi, alias Hassan Mahdawi, il 1° aprile. Questo è l’incidente che ha dato inizio alle attuali tensioni.

Il pericolo più grande in qualsiasi risposta è Hezbollah. L’Iran ha costruito l’organizzazione e il suo arsenale come deterrente e risposta a qualsiasi attacco israeliano alle sue strutture nucleari. Ma potrebbe decidere di usarlo anche in risposta a un attacco più limitato sul suo territorio, il che aumenterebbe il rischio di guerra.

Finora Hezbollah non è stato entusiasta di unirsi all’attacco iraniano. Subito dopo l’assassinio di Mahdawi, il Segretario Generale di Hezbollah Hassan Nasrallah ha dichiarato che la vendetta è una questione che riguarda l’Iran, perché è l’onore di Teheran a essere stato colpito. L’organizzazione ha partecipato solo nominalmente all’attacco di sabato sera.

Tuttavia, se si verificasse un’ulteriore escalation, l’Iran probabilmente farebbe pressione su Hezbollah affinché si unisca alla sua guerra.

Il ruolo della Russia

Leggi anche:  Netanyahu: la politica dell’inganno al servizio di una insaziabile bramosia di potere

Diversi analisti occidentali hanno recentemente ipotizzato che un altro Paese sia indirettamente coinvolto, almeno dietro le quinte, nel massiccio attacco iraniano: la Russia.[…]Agli occhi di Mosca, l’attacco iraniano su larga scala aveva lo scopo di deviare l’attenzione globale verso il Medio Oriente e di mantenere l’attenzione occidentale concentrata lì per qualche tempo. Questo permetterebbe alla Russia di continuare la sua guerra in Ucraina, dove di recente ha ottenuto alcuni successi nelle battaglie nella parte orientale del paese.

L’aumento delle tensioni in Medio Oriente potrebbe anche bloccare le armi e le altre risorse del paese, a scapito degli aiuti alla difesa e alle armi che l’Occidente fornisce all’Ucraina. Questi aiuti hanno aiutato l’Ucraina a sopravvivere all’invasione russa per più di due anni.

Inoltre, una crisi prolungata in Medio Oriente farebbe aumentare i prezzi del petrolio, a tutto vantaggio delle esportazioni russe.

Ma il risultato più importante, se la guerra dovesse trascinarsi, potrebbe essere la sconfitta di Biden alle elezioni presidenziali di novembre, uno dei principali obiettivi strategici del presidente russo Vladimir Putin. Egli spera nel ritorno di Donald Trump, che non ha nascosto la sua ammirazione per Putin e si abbassa davanti a lui.

Tuttavia, il fallimento iraniano potrebbe diventare anche un fallimento russo. Ci sono segnali che indicano che i repubblicani al Congresso degli Stati Uniti potrebbero smettere di opporsi a una legge sugli aiuti all’estero che fornirebbe miliardi di dollari in aiuti alla difesa a tre paesi minacciati: Ucraina, Israele e Taiwan.

Sin dalla strage nel sud di Israele del 7 ottobre, i repubblicani, su sollecitazione di Trump, hanno intrapreso un’azione di resistenza per ritardare la legislazione. Ora, la gravità della minaccia contro Israele potrebbe aiutare Biden a illustrare l’urgente necessità di inviare armi.

E Israele, che da tempo avrebbe potuto posizionarsi nel blocco democratico insieme agli altri paesi minacciati, potrebbe avere un’altra opportunità di entrare a far parte di questo club. A tal fine, non sarebbe male se smettesse di fare il misterioso ed esprimesse pubblicamente il suo sostegno all’Ucraina, in un momento in cui la Russia si sta apertamente alleando con l’Iran.

Un’alleanza sunnita?

L’amministrazione Biden vede negli eventi degli ultimi giorni una breve finestra di opportunità per cercare ancora una volta di attuare grandi piani. L’aver sventato l’attacco iraniano non è stato solo uno storico risultato operativo e tecnologico. Secondo quanto riferito, è stato anche il riflesso di una stretta collaborazione, la prima nel suo genere, tra Israele e diversi paesi sunniti della regione sotto l’ombrello americano.

Questo potrebbe apparentemente essere il punto di partenza per una visione più ottimistica: forgiare una vera e propria alleanza tra questi Paesi come contrappeso all’aggressione iraniana. Anche lo Stato Maggiore delle Forze di Difesa di Israele vede delle opportunità.

Ma è difficile capire come ciò possa accadere, dal momento che i sauditi hanno bisogno di una componente palestinese in qualsiasi nuova realtà regionale, sotto forma di coinvolgimento dell’Autorità Palestinese e del suo partito Fatah nel governo della Striscia di Gaza, nel caso in cui Hamas dovesse essere estromesso. E questo è qualcosa che Netanyahu non è disposto a concedere in alcun modo, forma o modo in questo momento. Il motivo è ideologico, ma anche politico e deriva dai suoi timori nei confronti di Ben-Gvir e Smotrich.

Per la prima volta in sei mesi, la situazione a Gaza è stata messa da parte dai titoli dei giornali mondiali, a causa dello scambio di colpi tra Israele e Iran. Ora l’attenzione è rivolta all’Iran, almeno fino a quando non sapremo come e quando Israele risponderà all’attacco. La preoccupazione per una risposta israeliana all’Iran ha fatto passare in secondo piano le infinite discussioni su una possibile operazione dell’Idf a Rafah.

Leggi anche:  Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

Anche la discussione sulle preoccupanti condizioni dei 133 ostaggi detenuti da Hamas a Gaza è stata messa da parte. Lo stallo dei negoziati per un accordo sugli ostaggi richiederà presto un nuovo sforzo israeliano per proporre idee alternative.

Ma forse questa è anche un’opportunità. L’accordo in stallo prevedeva il rilascio degli ostaggi in due rate e un cessate il fuoco che sarebbe stato esteso in base alle circostanze. Forse è arrivato il momento di discutere un accordo globale in un’unica fase.

Ciò significherebbe rinunciare, almeno temporaneamente, ai vani sogni di vittoria totale di Israele. Ma se l’Iran e Hezbollah stanno diventando il fulcro della guerra, vale la pena fare un ultimo sforzo per liberare gli ostaggi prima che scompaiano per sempre nei tunnel di Gaza”, conclude Harel.

Una notte “tranquilla”

Un paradosso declinato così da Yossi Melman: “La migliore e più concisa descrizione di ciò che è avvenuto domenica notte è il verso della canzone di Meir Ariel sulla guerra del 1973, “Layla Shaket Avar Al Kohoteinu” (“Una notte tranquilla per le nostre forze”). Tranquillità nel bel mezzo di una guerra. La maggior parte degli aerei, dei missili e dei sistemi di difesa aerea dell’Israel Air Force erano in volo o in rifugi sotterranei. Ma non è certo che i cittadini di Israele abbiano dormito.

È stata una notte storica e snervante sotto molti punti di vista, innanzitutto perché l’Iran ha attaccato Israele direttamente dal suo territorio – e ha ammesso di averlo fatto – per vendicare l’assassinio del generale Mohammad Reza Zahedi, comandante della Forza Al Quds in Libano e Siria, in un edificio di Damasco che l’Iran sosteneva facesse parte del suo consolato.

Qualche anno fa, l’Iran aveva già lanciato diversi droni contro Israele, in quella che, col senno di poi, potrebbe essere considerata una sorta di prova generale di armi prima che venissero intercettati dagli aerei israeliani e statunitensi. Sabato sera, gli iraniani hanno lanciato circa 350 droni e missili. Un terzo di essi erano missili balistici con testate di centinaia di chilogrammi e diverse decine di missili da crociera, il cui potenziale di danno avrebbe potuto essere catastrofico.

Il resto erano droni, che non sono particolarmente pericolosi; i servizi segreti israeliani li conoscono per il loro utilizzo nella guerra in Ucraina, dove vengono lanciati dalla Russia. I droni iraniani volano lentamente e trasportano diverse decine di chilogrammi di esplosivo, una quantità relativamente piccola. Ma l’Iran ne possiede molte migliaia, il che solleva dubbi sull’efficacia delle operazioni di sabotaggio contro i suoi magazzini, che sono state attribuite a Israele. Almeno una volta, due anni fa, è stato riferito che gli agenti del Mossad hanno lanciato dei droni dall’interno dei confini iraniani e hanno danneggiato un grande magazzino in cui l’Iran conservava i propri droni.

Nonostante gli enormi sforzi delle Guardie Rivoluzionarie iraniane per eseguire un’operazione su larga scala che avrebbe causato molti danni – il suo nome ufficiale in Iran è “Vera Promessa” – ha fallito in maniera importante. La maggior parte delle “macchine volanti” iraniane sono state abbattute mentre si dirigevano verso Israele. Alcuni missili balistici si sono infiltrati in Israele e hanno causato alcuni danni alla base aerea di Nevatim, sede degli squadroni F-35. Secondo il portavoce delle Forze di Difesa Israeliane, la sua capacità è rimasta illesa.

Israele ha in effetti cinque strati di difesa aerea (non tre, come si pensa generalmente). Uno è l’Iron Dome, utilizzato per gittate relativamente brevi; il secondo è il David’s Sling, per gittate fino a 250 chilometri; il terzo è l’Arrow, in grado di abbattere missili al di fuori dell’atmosfera, a centinaia di chilometri da qui; il quarto sono i sistemi di disturbo del GPS, che hanno funzionato a pieno regime domenica notte; e il quinto sono gli aerei dell’Israel Air Force, che solcano i cieli e abbattono droni e missili. Il successo di tutti e cinque i sistemi merita il massimo elogio dopo aver dimostrato la loro efficacia. In larga misura ha ridato colore alle guance dell’Idf, dopo il tremendo fallimento del 7 ottobre.

Leggi anche:  Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

Ma Israele non è stato solo nella battaglia contro l’Iran. È stato assistito in modo senza precedenti dagli Stati Uniti, sia nel fornire informazioni prima dell’attacco, sia nel fornire un allarme precoce con il suo sistema satellitare, gli aerei di sorveglianza e i radar, che sono direttamente collegati ai centri di comando, controllo e comunicazione di Israele, sia nel partecipare attivamente all’abbattimento degli invasori iraniani.

La maggior parte delle intercettazioni dell’aviazione militare è avvenuta nello spazio aereo della Giordania che, in un raro annuncio, ha riferito di essere al lavoro per abbattere gli aerei iraniani che attraversano il suo territorio diretti verso Israele. La cooperazione strategica e di intelligence tra Israele e Giordania è stata profonda e impressionante negli ultimi sessant’anni.

Anche gli aerei da guerra francesi e britannici hanno preso parte allo scontro. Questa potrebbe essere la prova più importante per i ministri israeliani di estrema destra, che hanno sostenuto con arroganza che Israele può farcela da solo, senza gli Stati Uniti e certamente senza i paesi europei. Dobbiamo sperare che assimilino la lezione: se Israele si comporta in modo ragionevole, può contare sullo Zio Sam e persino sull’Europa.

L’Iran ha detto chiaramente domenica mattina che se Israele non risponde, per l’Iran questo round è finito. Ora Israele si trova di fronte a un dilemma. Israele ha il sangue in ebollizione e l’istinto di reagire con forza alla belligeranza di Teheran. Ma faremmo meglio a sperare che questa volta, a differenza dell’insensato assassinio di Zahedi a Damasco – che Israele sta già ammettendo essere stato un errore, sicuramente per la sua tempistica – sapranno esercitare la moderazione. C’è un segnale incoraggiante che indica che stiamo andando in questa direzione: Lo spazio aereo israeliano è stato riaperto già alle 7:30 di domenica e anche l’aeroporto internazionale Ben-Gurion ha ripreso a funzionare (anche se la maggior parte delle compagnie aeree straniere ha nuovamente sospeso i voli verso Israele).

Dobbiamo sperare che il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, il Ministro della Difesa Yoav Gallant e il Capo di Stato Maggiore dell’Idf Herzl Halevi si comportino saggiamente questa volta e non si lascino trascinare in una pericolosa avventura. Hanno fallito il 7 ottobre, non hanno vinto e non hanno causato il crollo di Hamas, non hanno riportato a casa gli ostaggi, non hanno esercitato alcuna moderazione assassinando Zahedi e ci hanno fatto cadere addosso la notte di domenica.

A volte la tolleranza è forza e la moderazione è potere. Speriamo che questa volta non si comportino come la Casa di Borbone, di cui è stato detto che “non hanno imparato nulla e non hanno dimenticato nulla”. È il momento di imparare e trarre conclusioni. Sfruttare l’opportunità e porre fine alla guerra in tutti i campi, riabilitare l’economia e riportare gli sfollati nelle loro case. E questo dovrebbe essere fatto attraverso passi diplomatici creativi, un tentativo di accordo regionale e stretti legami con l’amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, con i paesi dell’Unione Europea e con i paesi arabi che hanno capito che l’Iran è una minaccia anche per loro”.

Così Melman. È vero: a volte la moderazione è potere. E indice di una lungimiranza che dà la misura di un vero statista. Che lo sia Benjamin Netanyahu…

Native

Articoli correlati