Top

Israele, il Big Bang politico è esploso

Nel paese la destra fa la “sinistra” e la sinistra, quel che ne resta, prende in carico le istanze dei coloni.

Israele, il Big Bang politico è esploso
Naftali Bennett e Benjamin Netanyahu

Umberto De Giovannangeli

7 Giugno 2022 - 17.08


Preroll

Israele, il Big Bang politico è esploso. Con la destra che fa la “sinistra” e la sinistra, quel che ne resta, che prende in carico le istanze dei coloni.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Big Bang politico

Middle placement Mobile

A spiegare questo apparente impazzimento politico è un editoriale di Haaretz: “La spaccatura a destra creata dalla leadership velenosa di Benjamin Netanyahu ha portato a un Big Bang politico e alla formazione di un nuovo blocco, un blocco unito nella sua repulsione per Netanyahu ma diviso ideologicamente. Il risultato è una coalizione di governo e un’opposizione che votano sulla base di considerazioni politiche ristrette e membri della Knesset che votano contro la loro coscienza ideologica.

Dynamic 1

Nell’ultimo anno, l’opinione pubblica ha visto i partiti di destra dell’opposizione opporsi a leggi di destra, mentre i partiti di sinistra e centristi e persino la Lista Araba Unita le hanno sostenute. Prendiamo ad esempio il tortuoso percorso di approvazione di un emendamento alla legge sulla cittadinanza.

È così che il Likud e il Sionismo religioso – partiti che apparentemente ospitano sostenitori dell’annessione della Cisgiordania – si oppongono all’estensione delle norme di emergenza che applicano la legge israeliana agli israeliani che vivono in quel territorio, leggi che sono state emanate per la prima volta nel 1967 e che da allora sono state prorogate ogni pochi anni, l’ultima volta nel 2017. E il Meretz, la casa della sinistra, è favorevole alla loro estensione. Grazie a Netanyahu, si è creata un’anomalia in cui i parlamentari Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir sono disposti a distruggere l’infrastruttura legale che permette ai coloni di condurre una vita normale, mentre i parlamentari Mossi Raz e Gaby Lasky di Meretz proteggono l’impresa degli insediamenti e persino l’UAL ha subito pressioni per sostenere i regolamenti. Questo cinismo non si addice a nessuno di loro. “Non posso assumermi questa responsabilità”, ha detto il deputato Mazen Ghanayim (UAL) prima del voto. “Fa differenza se una legge passa con i voti della destra… o se passa con i voti degli MK arabi, compresi i miei”.

Dynamic 2

La sua posizione è comprensibile, anche se i regolamenti in sé sono gli stessi a prescindere da chi li approva, e anche se è un puro caso che siano stati rinnovati mentre UAL, Meretz e Labor – partiti per i quali opporsi all’occupazione è fondamentale per la loro visione politica del mondo – erano al governo.

L’unica cosa che può confortare gli oppositori dell’occupazione e dell’annessione, sia ebrei che arabi, è il dibattito pubblico che è sorto su queste norme. Qui è successo qualcosa di importante.

Dynamic 3

L’impegno della destra per rovesciare l’attuale “governo del cambiamento” ad ogni costo ha sabotato il meccanismo legale automatico che mantiene l’apartheid in Cisgiordania – un meccanismo che ha funzionato per anni lontano dall’occhio del pubblico – e quindi ha essenzialmente rivelato il fatto della sua esistenza.

L’opinione pubblica ha appreso la verità legale che rende possibile l’impresa degli insediamenti: l’esistenza di due sistemi legali separati nello stesso territorio, uno per gli israeliani (cioè gli ebrei) e uno per i palestinesi, nonché due sistemi giudiziari separati.

Dynamic 4

C’è un sistema di giustizia militare per i soggetti senza cittadinanza che vivono sotto una dittatura militare, e c’è un secondo sistema per gli ebrei privilegiati con cittadinanza israeliana, che vivono sotto la legge israeliana in un territorio che non è sotto la sovranità di Israele.

Per la prima volta, il grande pubblico israeliano ha l’opportunità di capire di cosa parla il mondo quando parla di apartheid”.

Dynamic 5

Così l’editoriale del giornale progressista di Tel Aviv

Ritorno al futuro di Bibi?

Sullo sfondo si stagliano le grandi manovre, gli intrighi di palazzo, le avance personali che hanno come posta in pallio il ritorno di Benjamin Netanyahu e del Likud alla guida d’Israele.

Racconta in proposito Yossy Verter, sempre su Haaretz: “I colloqui riferiti tra il Likud e Nuova Speranza di Sa’ar per la formazione di un governo alternativo durante l’attuale Knesset non superano il test della logica per diverse ragioni. Il principale è che per Netanyahu è l’opzione peggiore. Egli vuole le elezioni, e per una buona ragione.

I sondaggi mostrano che il suo blocco si rafforza da 52 seggi a 59 o 60, e il suo partito Likud da 29 a 35. Un sondaggio condotto la scorsa settimana per un partito di coalizione mostrava che il Likud avrebbe ottenuto 38 seggi (come sotto Ariel Sharon nel 2003), i partiti ultraortodossi 15 e il Sionismo religioso 8, per un totale di 61 – una maggioranza alla Knesset.

Perché dovrebbe formare un governo quando è debole e dipendente dai rivali del blocco avversario se il futuro sembra molto più roseo?

Ma anche nello scenario meno ottimistico per il Likud, 59 seggi, Netanyahu non avrebbe problemi a formare un governo. Senza un’alternativa praticabile dall’altra parte, con la Lista Comune che detiene l’equilibrio del potere e una coalizione che coinvolga un partito arabo che sembra meno attraente, Netanyahu sarà in grado di conquistare interi partiti, o parti di essi.

Conoscendolo, la prima persona che chiamerà la sera delle elezioni sarà Benny Gantz. Avrà bisogno di Gantz per spianare il suo cammino verso una Casa Bianca ostile. Gantz sarà d’accordo, ovviamente. Dobbiamo essere all’interno per ostacolare, proteggere e moderare le cose, dirà ai suoi elettori. Senza di noi, questo sarà un governo terribile, pieno di litigi e di malignità.

Netanyahu può fingere di voler formare un governo nell’attuale Knesset, inviare inviati a Sa’ar e Zeev Elkin (uno dei principali sospettati di voler saltare dalla nave che affonda per tornare al Likud) e poi far trapelare questo fatto. Ma è difficile che riesca a formarne uno.

Tutti e sei i deputati di Nuova Speranza lo porterebbero solo a 60 seggi. E Sa’ar non è un ingenuo. Sa che Netanyahu è un arci-fantasma, un bugiardo e un incitatore che ha condotto una campagna multifronte e mafiosa contro di lui e sua moglie. Non crede a una parola di ciò che Netanyahu dice.

Tuttavia, nelle interviste rilasciate mercoledì a tutti e tre i canali televisivi, Sa’ar ha scelto con cura le parole. “La nostra posizione non è cambiata”, ha detto quando gli è stato chiesto se ora accetterebbe di formare un governo guidato da Netanyahu. Ma non ha ripetuto il suo famoso slogan della campagna elettorale: “Non mi siederò con Netanyahu” – formare un governo con lui.

La parte parlata della sua dichiarazione riguardava l’attuale Knesset. La parte non detta si riferiva a una futura elezione. Se l’ipotesi di lavoro è che un governo Likud/ultra-ortodosso sarà l’unico gioco in città, è meglio che pesi attentamente le sue parole. Tutti gli attori politici si rendono conto della direzione che stiamo prendendo.

Il prossimo governo sarà nazionalista, corrotto, razzista e omofobo. Sarà gestito da una banda di criminali condannati/indagati/sospettati, tutti con un chiaro interesse a distruggere il sistema giudiziario, la Corte Suprema e le forze dell’ordine.

Il processo di Netanyahu sarà fermato, in qualche modo. I procuratori saranno espulsi dall’incarico. Forse saranno chiamati a comparire davanti a una commissione d’inchiesta per il reato di aver fabbricato casi e condotto un colpo di stato contro un primo ministro forte e di destra.

La comunità araba, i cui legislatori sono soggetti a una demoniaca campagna di incitamento e delegittimazione che invita a versare sangue contro di loro – dopo tutto, sono “sostenitori del terrore” e “terroristi” – si sveglierà scoprendo che i loro persecutori sono ora il governo.

Due persone possono evitare che questo incubo accada: i leader della Lista congiunta Ayman Odeh e Ahmad Tibi. Tutto ciò che devono fare è annunciare che non sosterranno lo scioglimento della Knesset. Tutti i ribelli tornerebbero all’ovile.

Silman riprenderebbe a votare con la coalizione. La spudorata opportunista Rinawie Zoabi si accontenterebbe di ciò che ha guadagnato. L’incorreggibile populista Michael Biton, che difende le massicce pensioni degli ufficiali di carriera dell’esercito, tornerebbe alle sue proporzioni naturali.

Le vele dell’opposizione si sgonfierebbero. Netanyahu riprenderebbe i negoziati per un patteggiamento. Ben-Gvir, Smotrich, Orit Strock e Simcha Rothman, che hanno portato un elemento di violenza finora sconosciuto nella Knesset, continuerebbero a scatenarsi come teppisti, ma il danno finirebbe lì; non sarebbero, per carità, a capo di ministeri o commissioni parlamentari.

Cos’altro potremmo aspettarci dal prossimo governo Netanyahu, quello che Odeh e Tibi non impediranno? Lehava e La Familia, che secondo Gantz dovrebbero essere dichiarate organizzazioni terroristiche, sarebbero rappresentate nel gabinetto, non solo sui banchi dell’opposizione. Sarebbero immuni, i signori della terra.

Benzi Gopstein e Baruch Marzel si aggirerebbero nell’Ufficio del Primo Ministro. Il “rabbino” omofobo Tzvi Kostiner (“I gay vadano a casa! Male, male e ancora male”) detterebbe il voto del suo rappresentante, il parlamentare Avi Maoz. Idem per il “rabbino” becero e sboccato Meir Mazuz (“Lapid, Bennett e [Avigdor] Lieberman sono peggio dei nazisti”). È il leader spirituale dei ministri designati Ben-Gvir e del suo gemello nel Likud, Shlomo Karhi.

Odeh e Tibi sono attualmente gli unici attori politici in grado di mantenere questo scenario sulla carta. Ma non stanno muovendo un dito. I loro elettori – la maggior parte dei quali vuole solo vivere la propria vita in pace, sbarcare il lunario e crescere i propri figli – non li stanno pressando. Non ci sono manifestazioni, né articoli. Solo un silenzio di tomba, il silenzio degli agnelli.

All’inizio della settimana, Bennett ha convocato il tradizionale gruppo di studio biblico del Primo Ministro; questa volta non nella residenza del Primo Ministro a Gerusalemme, che è in fase di ristrutturazione, ma nella residenza del primo Primo Ministro di Israele, David Ben-Gurion, sul viale di Tel Aviv che porta il suo nome.

“Questo è il mio primo gruppo di studio sulla Bibbia”, ha detto Bennett, aggiungendo una battuta: “Sono ottimista”.

Si è discusso di tribalismo contro statalismo; il primo ministro ritiene che questo sia il problema che minaccia l’esistenza dello Stato. Tribalismo, fazionalismo e rivalità sono ciò che distrugge gli Stati, non i nemici esterni.

Ha appena redatto una missiva indirizzata alla “maggioranza sionista silenziosa”, mentre Israele si avvicina al suo 75° compleanno la prossima primavera. La tempistica si intreccia con i problemi politici del suo governo.

La missiva è lunga 28 pagine e ne sono state stampate centinaia di copie. Lunedì mattina tutti  i parlamentari  troveranno nelle loro cassette della posta. Le battute non mancheranno: Dopo “Come sconfiggere una pandemia”, Bennett sta scrivendo “Come preservare uno Stato”. Ce ne saranno di migliori, senza dubbio.

All’inizio mette in guardia contro la distruzione del “Terzo Tempio” e incoraggia “la maggioranza sionista silenziosa” a sollevarsi contro “la rumorosa e nociva macchina del veleno” di Ben-Gvir, Smotrich, Odeh e Netanyahu che “impiega violenza, estorsione e una massa di notizie false”. La maggioranza silenziosa, che sta beneficiando di un governo calmo e funzionante, è davvero silenziosa.

Onora Abbas, il capo della Lista Araba Unita, e aggiunge una puntualizzazione: “Il signor Netanyahu merita credito. Mi ha detto, apparentemente a ragione: ‘Mansour è un leader coraggioso. È necessario rafforzarlo e cooperare con lui”.

Alla fine del manifesto, Bennett si appella “all’opinione pubblica silenziosa: Non lasciateci soli nell’arena, fate sentire la vostra voce, diffondete il nostro messaggio – che persone integre con opinioni diverse che amano il Paese possono sedersi insieme e lavorare per il suo bene. Raccontate come siamo passati dall’era dell'”io” all’era del “noi”… Agite sui social media, sul territorio, ovunque”.

Per quanto mi ricordo, nessun primo ministro in carica ha mai scritto un documento del genere. Si è tentati di paragonarlo al discorso di denuncia di Netanyahu alla Corte distrettuale di Gerusalemme due anni fa, circondato da volti mascherati come il capo di un’organizzazione criminale. C’è qualcosa di umano, ma anche di straziante, nell’appello di Bennett.

E c’è anche qualcosa di corretto nella sua diagnosi: Sotto Bennett ci siamo abituati a una gestione ordinata dello Stato, all’approvazione del bilancio, al varo delle riforme. Non c’è più paura ai ministeri della Giustizia e della Difesa, non ci sono più mercanteggiamenti e volgarità; l’incitamento e la divisione si sono spostati dagli uffici del primo ministro e dei membri del gabinetto ai banchi dell’opposizione.

Ora deve solo convincere i 59 membri della sua coalizione”.

Così Verter. Il Big Bang è avvenuto. C’è ora da monitorarne le ricadute di potere. 

(seconda parte, fine)

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile