Top

Ucraina: Naftali Bennett, il mediatore “improbabile” quanto interessato 

Per cogliere le ragioni che hanno spinto il Primo ministro israeliano ad autoproporsi come mediatore nella guerra d’Ucraina, è altamente consigliabile evitare la lettura della sempre compiacente, verso Israele, stampa nostrana

Ucraina: Naftali Bennett, il mediatore “improbabile” quanto interessato 

Umberto De Giovannangeli

6 Marzo 2022 - 16.58


Preroll

Naftali Bennett, il mediatore “improbabile” quanto interessato. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Per cogliere le ragioni che hanno spinto il Primo ministro israeliano ad autoproporsi come mediatore nella guerra d’Ucraina, è altamente consigliabile evitare la lettura della sempre compiacente, verso Israele, stampa nostrana mainstream, e leggere le firme più autorevoli e indipendenti del giornalismo israeliano. Globalist offre questo servizio da tempo. 

Middle placement Mobile

Bennett col colbacco

Dynamic 1

Iniziamo con Amos Harel, analista militare di Haaretz. 

Scrive Harel: “Il primo ministro Naftali Bennett ha fatto un trucco sabato del tipo di quello che piaceva al suo predecessore, sorprendendo tutto e tutti con una rapida visita a Mosca – di sabato, nientemeno. È diventato il primo leader mondiale ad essere ricevuto per un tête-à-tête con il presidente russo Vladimir Putin da quando è iniziata la sua invasione dell’Ucraina, pochi giorni dopo che Israele ha aderito alla risoluzione delle Nazioni Unite per condannare la Russia.

Dynamic 2

Supponendo che l’ufficio di Bennett sia accurato nel dire che la visita è stata coordinata in anticipo con l’amministrazione statunitense, allora il primo ministro ha accumulato alcuni punti sulla scena internazionale – senza dubbio causando una grave sofferenza emotiva in una casa di Cesarea. Se, d’altra parte, si scoprirà in seguito che gli americani avevano delle riserve (e che Israele ha preso un semaforo giallo per un verde assoluto) allora che Dio ci aiuti. Durante tutta la scorsa settimana, il primo ministro ha manifestato il desiderio di intervenire nella crisi e di mediare tra le nazioni combattenti. Le telefonate separate che ha fatto con Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy hanno persino attirato le critiche dell’opposizione, che sostiene che Bennett sta ficcando il naso in un conflitto che non lo riguarda. Cosa potrebbe mai ottenere Israele dove Francia, Germania e Stati Uniti hanno fallito? Eppure, Bennett ha insistito e ha ottenuto un invito a Mosca. Si può supporre che il vecchio agente del KGB abbia riconosciuto il desiderio del suo ospite più giovane di salire sulla scena mondiale mentre gli occhi del mondo sono fissi su Mosca e Kiev. Il viaggio rappresenta una considerevole scommessa, ma non è fuori dal carattere dell’anima startup di Bennett. Dopo tutto, negli ultimi dieci giorni l’Europa è caduta nel suo punto più basso dalla fine della Guerra Fredda, quindi un successo nella mediazione, per quanto piccolo, gli farà onore. Inoltre, Israele ha una miriade di interessi colpiti direttamente o indirettamente dalla guerra: Estrazione degli ebrei dall’Ucraina bombardata, aiuti agli ebrei russi che potrebbero voler fare aliyah (Mosca è scivolata indietro verso il dominio totalitario dell’Unione Sovietica durante il fine settimana), la posizione della Russia nei colloqui nucleari con l’Iran e il desiderio di Israele di continuare a godere della libertà di azione offensiva in Siria, che dipende anche dalla buona volontà di Putin.

Queste sono tutte considerazioni importanti, ma anche combinate non possono giustificare possibili tensioni con gli Stati Uniti. Washington ha espresso una certa insoddisfazione per la reazione lenta e contorta di Israele all’aggressione della Russia in Ucraina. Bennett deve coordinare tutte le sue mosse con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden perché la sicurezza di Israele e la dipendenza strategica dall’America è assoluta e perché alla lunga è più importante di qualsiasi gesto o concessione che può essere strappato ai russi. Dovremmo aspettare una reazione ufficiale dettagliata dalla Casa Bianca, per vedere se contiene qualche sfumatura di riserva verso la mossa israeliana. Sarà anche interessante vedere la reazione del Congresso e dei media all’insolito viaggio del primo ministro. Dopo Mosca, Bennett è volato a Berlino, per incontrare il cancelliere Olaf Schulz, che ha ospitato a Gerusalemme la settimana scorsa. Il viaggio in Germania può indicare di cosa si preoccupa Putin anche nel bel mezzo della guerra: Il rinnovo del gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania, che i tedeschi hanno sospeso come sanzione immediata per aver invaso l’Ucraina. L’Europa ha un gran bisogno del gas russo – e l’economia russa dipende dalla continuazione degli accordi sul gas.

Dynamic 3

Sullo sfondo ci sono gli sviluppi sul terreno. L’esercito russo continua ad avanzare lentamente e macchinosamente, ma non fare errori – col passare del tempo, le frecce che penetrano in Ucraina diventano più profonde. I media occidentali parlano in modo poetico del coraggio dei difensori e commentano allegramente i malfunzionamenti degli invasori. Eppure, la maggior parte degli esperti militari in Israele e all’estero tende a stimare che le differenze di potenza tra le parti sono troppo grandi. Senza assistenza militare diretta da parte dell’Occidente, e se gli sforzi diplomatici dovessero fallire, l’esercito russo probabilmente schiaccerà gli ucraini. Israele sta tenendo un occhio sulla guerra e l’altro su un altro drammatico sviluppo, a Vienna, dove un nuovo accordo nucleare potrebbe essere firmato questa settimana tra l’Iran e le potenze mondiali. Le ultime settimane hanno visto progressi nei colloqui, la cui possibile conclusione non è gradita a Gerusalemme. Ma ancora una volta, c’è un certo legame con gli eventi in Ucraina. Le relazioni tra Mosca e Washington non erano così tese dalla caduta dell’Unione Sovietica nei primi anni ’90. Gli Stati Uniti, la Cina e la Russia possono coordinare una posizione unificata nei confronti dell’Iran in queste circostanze?

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto che il suo paese vuole garanzie dagli Stati Uniti che le sanzioni imposte a causa della vicenda dell’Ucraina non comprometteranno le relazioni economiche con l’Iran. Mosca, come Teheran, conta su un sacco di soldi in entrata in seguito alla rimozione delle sanzioni all’Iran, alla firma del nuovo accordo nucleare. Ma se le nuove sanzioni sostituiscono le vecchie e proibiscono il commercio iraniano con la Russia (questa volta dall’altra parte), la Russia non guadagna nulla. Questa posizione ha messo in crisi i negoziati di Vienna all’ultimo momento. E comunque, il commento di Lavrov non è necessariamente dispiaciuto a Bennett”. Fin qui Harel.

Dynamic 4

L’azzardo di Naftali

Il “testimone” dell’informazione passa ad un’altra firma di punta del giornale progressista di Tel Aviv: Anshel Pfeffer.

Dynamic 5

“Alti funzionari israeliani e membri del gabinetto hanno inviato il messaggio nei giorni scorsi: ‘È una buona cosa che in questo momento ci sia uno stato che ha legami aperti sia con Mosca che con Kiev. Potrebbe aiutare a salvare delle vite’. Prima di sabato sera, quando abbiamo saputo che il primo ministro Naftali Bennett era volato nella capitale russa per incontrare il presidente Vladimir Putin, sembrava solo un’altra scusa per la posizione neutrale piuttosto vergognosa di Israele sull’invasione russa dell’Ucraina. Ora che Bennett è volato fuori per incontrare Putin al culmine della guerra, al decimo giorno di combattimenti e con la Russia pronta a iniziare a bombardare Kiev prima della sua grande spinta sulla capitale ucraina, potrebbe esserci qualche giustificazione per il fatto che Israele stia seduto al tavolo. Israele è in una posizione ideale per offrire i suoi servizi di mediazione – è probabilmente l’unico paese con buoni legami e canali di comunicazione aperti sia con Mosca che con Kiev. E con oltre un milione di cittadini israeliani che sono nati in Russia o in Ucraina, il governo di Gerusalemme ha molti alti funzionari e consiglieri che capiscono bene le questioni. Uno di questi è il ministro dell’edilizia e degli alloggi Zeev Elkin, che ha servito come traduttore negli incontri passati tra Putin e i primi ministri israeliani ed è nato a Kharkiv, la città attualmente sotto intenso bombardamento russo. Elkin ha ancora la famiglia che vive lì; sarà interessante sentire se ha parlato della loro sofferenza nell’incontro con Putin. Ma perché ci sia un qualsiasi tipo di mediazione, entrambe le parti in guerra devono essere aperte a qualche tipo di accordo. Tutto ciò che Putin ha detto e fatto negli ultimi 10 giorni ha reso chiaro che non si fermerà davanti a niente di meno che lo smembramento dell’Ucraina e il suo smantellamento come nazione indipendente. Quindi cosa può sperare di ottenere Bennett incontrandolo?

Al momento in cui scrivo, non c’è ancora nessun rapporto da fonti affidabili sul contenuto dell’incontro. Che sia andato avanti per tre ore può sembrare impressionante, ma non è fuori dall’ordinario per gli incontri tra Putin e i leader stranieri. Spesso li tormenta con lunghe lezioni sulla falsa nazionalità dell’Ucraina. È probabile che Bennett sia stato trattato con una simile lezione di storia. Anche se fosse così, l’incontro era probabilmente la cosa giusta da fare, anche nella speranza di una piccola possibilità di raggiungere un cessate il fuoco temporaneo che possa aiutare ad alleviare l’immensa sofferenza umana causata dall’invasione russa. Ma, è probabile che questo sia il massimo che potrebbe uscirne. Putin non è disposto a far vivere l’Ucraina in modo pacifico e indipendente ai confini della Russia. Naftali Bennett può aver fatto l’incredibile disarcionando Benjamin Netanyahu, ma è improbabile che abbia smosso Vladimir Putin”, conclude Pfeffer.

Un rapporto “ambivalente”.

Di grande interesse è l’articolo pubblicato, in italiano, da Moked, il portale dell’ebraismo italiano. 

“Di fronte all’aggressione russa dell’Ucraina, Israele ha gradualmente alzato i toni nei confronti di Mosca. Inizialmente le dichiarazioni del governo di Gerusalemme sono state caute. Poi, con l’aggravarsi della situazione, è arrivata la condanna netta affidata al ministro degli Esteri Yair Lapid. ‘L’attacco russo all’Ucraina è una grave violazione dell’ordine internazionale. Israele condanna questo attacco ed è pronto e preparato a offrire assistenza umanitaria ai cittadini ucraini’, ha dichiarato Lapid in conferenza stampa. Dalle parole dello stesso ministro è emersa però la complessità dei rapporti d’Israele con la Russia. Questi ha infatti definito Mosca come ‘il nostro vicino a Nord’. Il riferimento è alla presenza russa in Siria, dove il Cremlino è attivo per sostenere militarmente il regime di Assad. Con i ‘vicini del Nord’ Israele ha stipulato un’intesa che garantisce mano libera alla sua aviazione per colpire obiettivi strategici legati all’Iran in territorio siriano. Perché qui il regime di Teheran continua a far confluire armi per rifornire i suoi alleati nell’area – i terroristi di Hezbollah su tutti – il cui obiettivo primario è la distruzione d’Israele.
Come spiega il giornalista israeliano Ben Caspit, la cooperazione tra le forze aeree israeliane e le forze russe in Siria è quindi una risorsa strategica per la sicurezza dello Stato ebraico. ‘Il meccanismo progettato per evitare attriti tra le due parti, compresi gli scontri accidentali, è stato messo in atto sotto Netanyahu, collegando l’esercito israeliano con una situation room russa e ha funzionato senza problemi. Dopo l’incontro di ottobre 2021 – spiega Caspit – tra Putin e Bennett a Sochi, Israele sembra abbia iniziato a colpire obiettivi legati all’Iran in Siria con una forte presenza militare russa, come la città portuale mediterranea di Latakia’. Con i negoziati sull’accordo nucleare iraniano a Vienna che sembrano in dirittura d’arrivo e non nella direzione auspicata da Gerusalemme, Israele, aggiunge Caspit, ‘non può permettersi di rinunciare all’accesso agli obiettivi iraniani sul suo confine settentrionale’. E quindi si trova ora in estrema difficoltà con il presidente russo Vladimir Putin. La sua aggressione dell’Ucraina rischia di compromettere l’intesa militare raggiunta sulla Siria, con effetti diretti per la sicurezza israeliana.
Dall’altro lato Israele non poteva esimersi dal solidarizzare con il popolo ucraino. Per questo Lapid ha chiarito pubblicamente che Gerusalemme voterà a favore di una risoluzione di condanna, in sede di Assemblea Generale dell’Onu, contro l’invasione russa. Una presa di posizione dura, ha sottolineato un funzionario degli Esteri a Caspit, che non è stata anticipata da nessun chiarimento con Mosca. ‘Sarebbe una dimostrazione di debolezza. Conosciamo i russi. Le dimostrazioni di debolezza non vanno d’accordo con Mosca. Le dimostrazioni di forza sì. – le parole del funzionario – I russi capiscono perfettamente la nostra situazione. Faremo ciò che serve agli interessi di Israele, ma non dimenticheremo il nostro posto nella storia e i principi di moralità e giustizia’. Parole ribadite anche dal Primo ministro Naftali Bennett, che rimane il più cauto sul fronte delle dichiarazioni pubbliche. Negli scorsi giorni il Premier si era anche proposto come possibile mediatore – su richiesta anche dell’Ucraina – per il conflitto. ‘Abbiamo adottato una linea misurata sull’Ucraina: siamo gli unici che possono parlare con entrambe le parti e aiutare’, ha dichiarato in queste ore Bennett in una conferenza organizzata dal Mossad. Per poi aggiungere che Israele sta già aiutando. ‘Solo questa mattina abbiamo inviato tre aerei pieni di aiuti umanitari, soprattutto medicine, e ne invieremo altri, se necessario. Ci stiamo anche preparando a fornire aiuti umanitari sul terreno, e naturalmente a facilitare l’immigrazione degli ebrei’.
L’Agenzia Ebraica, ente che in coordinamento con il governo israeliano assiste gli ebrei interessati a fare l’aliyah (immigrare in Israele), ha dichiarato di aver aperto sei stazioni di elaborazione per potenziali immigrati ai valichi di frontiera ucraini con Polonia, Moldova, Romania e Ungheria. Il ministero dell’Immigrazione e dell’Assorbimento sta preparando piani di accoglienza per accogliere la nuova ondata di arrivi”.

Un viaggio ad Est per rafforzare la propria immagine interna e internazionale. La missione del mediatore improbabile ma compiaciuto: Naftali Bennett.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage