Intrighi e colpi bassi: rispetto agli israeliani i politici di casa nostra sono dilettanti
Top

Intrighi e colpi bassi: rispetto agli israeliani i politici di casa nostra sono dilettanti

Israele come l’Italia andrà alle urne tra pochi mesi (a novembre). Ma loro per le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni: un record mondiale.

Intrighi e colpi bassi: rispetto agli israeliani i politici di casa nostra sono dilettanti
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

23 Luglio 2022 - 10.31


ATF

C’è un Paese che quanto a manovre di corridoio, giochi di palazzo, alleanze tradite e poi reiventate come nulla fosse, mire personalistiche portate agli eccessi, dà punti all’Italia. E’ Israele. Che come l’Italia andrà alle urne tra pochi mesi (a novembre), per le quinte elezioni anticipate in poco più di tre anni: un record mondiale.

“Imparare” da Israele

A raccontare il “manovrismo” della politica israeliana e dei suoi tanti, troppi, attori in commedia, è Yossi Verter, analista di punta di Haaretz, in un affresco a tutto campo che merita la lettura fino all’ultima riga. 

Scrive Verter: “La campagna elettorale non è ancora decollata. In effetti, è in corso da un mese, da quando Naftali Bennett e Yair Lapid hanno detto che avrebbero sciolto la Knesset. Ma non si sta facendo sentire affatto. Luglio e agosto sono mesi crudeli in Israele. Nelle prossime settimane, metà del Paese andrà all’estero, fino all’inizio della scuola il 1° settembre. E poi, naturalmente, “parleremo dopo le vacanze ebraiche”. Chi ha pazienza per le porcherie politiche che ci vengono sbattute in faccia per la quinta volta dal 2019? Questo è il momento dei “sondaggi approfonditi” e delle ricerche sull’opinione pubblica commissionate dai partiti a sondaggisti che guadagnano un bel po’. I dati saranno elaborati e utilizzati come strumento nella prima fase della campagna elettorale. I consulenti ingaggiati dal ticket Kahol Lavan-New Hope hanno recentemente convocato un focus group composto da persone identificate come elettori di centro-destra. È stato chiesto loro per chi intendessero votare. Una donna ha risposto: “Sto discutendo tra Benny Gantz e Gideon Sa’ar”, riferendosi ai leader congiunti del ticket. La risposta di un altro uomo indica che pensa ancora che Kahol Lavan sia uno dei due maggiori partiti della Knesset.

I risultati sono stati mostrati a Gantz e Sa’ar, che hanno riso amaramente. Tanti servizi, una conferenza stampa in prima serata da parte dei due signori, titoli di testa sui giornali, discussioni, analisi e scavi da parte degli studi televisivi, e nada. Un qualsiasi sondaggio di piazza avrebbe presumibilmente prodotto un quadro simile. Se si includono le festività, la campagna del 2022 è una delle più lunghe mai avute: 125 giorni a partire dallo scioglimento della Knesset il 30 giugno. Ma al netto, durerà solo cinque settimane: le prime tre settimane di settembre, prima di Rosh Hashanah e delle festività successive, e poi le ultime due settimane di ottobre, a partire dalla festività di Simhat Torah.

Per inciso, questa è la durata delle campagne elettorali in Gran Bretagna. Nonostante i 70 milioni di abitanti, i 650 distretti elettorali e le primarie di partito, agli inglesi basta poco più di un mese per condurre un processo democratico ordinato.

Nel frattempo, i partiti si stanno organizzando. Merav Michaeli è stata rieletta presidente del Partito Laburista; “una vittoria schiacciante”, riportano i giornali. Come se fosse possibile qualsiasi altro tipo di vittoria quando alcuni dubitano che il suo unico concorrente sia ancora vivo.

Michaeli è ora libera di riorganizzare il suo partito prima delle primarie per la lista della Knesset che si terranno tra tre settimane. I suoi favoriti sono il capogruppo del partito Ram Shefa e Efrat Rayten, presidente del Comitato per il Lavoro e il Welfare della Knesset. Avranno il sostegno dei vertici; tutti gli altri dovranno cavarsela da soli. La battaglia principale che Michaeli deve combattere non è all’interno del partito, ma all’interno del blocco – contro Meretz, guidato da Zehava Galon o Yair Golan. Uno di loro sarà eletto leader del partito tra un mese. (Maggiori informazioni sul derby femminista della sinistra più avanti).

Nel centro-destra (cioè Kahol Lavan-Nuova Speranza), le primarie si svolgeranno nella testa di Gantz e Sa’ar. Essi stanno ora formulando la loro narrazione principale.

In primo luogo, non faranno parte di un governo guidato da Benjamin Netanyahu in nessun modo e in nessuna circostanza. Gantz, essendo già caduto in questa trappola, è stato sospettato per tutto l’anno scorso. Il ticket con Sa’ar, che nessuna persona seria sospetterebbe di voler collaborare con Netanyahu, aiuterà il leader del Kahol Lavan a dimostrare la propria serietà.

In secondo luogo, solo Gantz può formare un governo che comprenda la maggioranza dei partiti politici israeliani. Il mantello di Lapid non si estende abbastanza; dipende dalla Lista comune degli arabi. E anche se questo partito accettasse di dargli una rete di sicurezza per poter formare un governo, questa avrebbe più buchi che fili e si disferebbe rapidamente.

Tutti i leader dei partiti stanno aspettando Gadi Eisenkot. L’ex capo di stato maggiore dell’Idf tornerà da una vacanza con la famiglia in Grecia, rifletterà per qualche giorno e annuncerà se si unirà a Kahol Lavan-Nuova Speranza o a Yesh Atid di Lapid.

Gantz e Sa’ar hanno riservato a lui e a chi porterà con sé tre posti sul loro biglietto: il terzo, il nono e il 15° o 16° (i primi due, almeno, probabilmente entreranno nella Knesset). Una persona che probabilmente porterà con sé è l’ex portavoce dell’Idf e attuale commentatore della rete radiotelevisiva pubblica Kan, il Brig. Gen. (ris.) Ronen Manelis.

Leggi anche:  Gaza, un'inchiesta dell'Onu ha accusato l'esercito israeliano di aver "sterminato" i palestinesi

La saga delle riflessioni di Eisenkot non è nuova. A dire il vero, ne siamo stanchi.

È bizzarro che un ex capo di stato maggiore, un ufficiale di combattimento audace e molto decorato che ha condotto battaglie, rischiato la vita in operazioni e guerre, spostato divisioni e inviato combattenti dietro le linee, sia così esitante e abbia così tanti problemi a prendere una decisione personale sull’ingresso in politica. Cosa saprà ad agosto che non sa oggi? Ma almeno sarà abbronzato.

Maturità tardiva

L’incontro di Lapid con Galon, ex presidente di Meretz, era stato fissato ancor prima che lei annunciasse la sua candidatura a capo del partito. Aveva programmato di esortarla a candidarsi. Nei sondaggi di Yesh Atid, la candidata avrebbe facilmente portato Meretz oltre la soglia elettorale, mentre se Golan lo guidasse, le sue possibilità sarebbero al limite, creando un grande rischio.

Una volta che Galon ha deciso di candidarsi, l’incontro si è trasformato da una campagna di pressione in una pubblica dimostrazione di sostegno da parte del leader del blocco al nuovo vecchio attore. La sua dichiarazione di considerare Lapid, il primo ministro ad interim, come il leader indispensabile del blocco di centro-sinistra è stata una dimostrazione di sostegno reciproco.

Non è cosa da poco vedere questi due seduti insieme nel seminterrato della casa di Tel Aviv di Lapid, in abiti casual e sorridenti. Una volta lui vedeva Galon e i suoi colleghi come la sinistra delirante. Lei vedeva Yesh Atid come un partito insipido e vuoto che non aveva nulla di significativo da dire.

Nel 2019, Lapid ha raccontato di essersi seduto accanto a lei alla Knesset per quattro anni e di non aver mai scambiato una parola. C’è un fiume gelido di alienazione tra loro.

Entrambi sono cresciuti in modo sorprendente. Lapid ha dato vita all’attuale “governo del cambiamento”, mettendo da parte molti dei principi che aveva giurato quando era entrato in politica. Questo atto gli ha fatto guadagnare molti ammiratori. Galon è uno di loro.

Una delle prime cose che gli ha detto è che non sarà un ostacolo a qualsiasi cosa lui faccia per formare un governo con se stesso come primo ministro. (“Purismo, separatismo e moralismo” – sono le sue parole – non porteranno il blocco da nessuna parte, se non a un governo guidato da Netanyahu.

La signora ha avanzato solo una richiesta piuttosto modesta: non delegittimare i membri arabi della Knesset. Per questo, ci sono gli incitatori del Likud di Netanyahu e i deputati del Sionismo religioso Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich.

Lapid non ha avuto problemi ad accettare. L’era degli “Zoabi” (come Lapid una volta chiamava gli MK arabi, riferendosi alla controversa Haneen Zoabi) è finita molto tempo fa. Anche l’euforia di Lapid è svanita. È stata sostituita da serietà e senso di responsabilità per il blocco, come dimostrato più volte nel corso degli anni.

La dichiarazione di Lapid alla riunione dei deputati di Yesh Atid di mercoledì, che era stata annunciata come l’evento di apertura della campagna, ci ha insegnato qualcosa sul tipo di campagna che intende condurre. Ha detto che lavorerà per creare un governo “nazionale ampio”. In altre parole, senza la Lista Comune e, ovviamente, senza i razzisti religiosi, i cui membri della Knesset hanno partecipato all’operazione criminale di questa settimana da parte di trasgressori della legge che cercano di stabilire diversi avamposti illegali in Cisgiordania, tra gli applausi del Ministro degli Interni Ayelet Shaked.

In questo modo, Lapid si allinea alla posizione dichiarata da Gantz e Sa’ar. Cosa succederà dopo le elezioni? Dio è grande, e anche Allah.

Il voto delle donne

Al centro della conversazione tra Lapid e Galon c’era una persona la cui ombra oscura aleggiava nella stanza: Michaeli, che continua a scavare nel suo ostinato rifiuto di prendere in considerazione un ticket Labor-Meretz. Lapid ha posto una domanda al suo ospite: accetteresti di avere Michaeli a capo della lista, anche se sei in vantaggio nei sondaggi?

“Yair”, ha risposto Galon, “hai imparato a conoscermi. Non sono tornato per vedere Netanyahu al potere. E non sono Merav. Non ho la pretesa di diventare primo ministro”.

“Quindi sì?” Lapid ha confermato. “Sì”, ha risposto Galon.

Per ora, queste dichiarazioni incoraggianti servono soprattutto a Galon. Ma aiutano anche Lapid, che in seguito dovrà dare l’impressione di lavorare per rafforzare il blocco contro il pericolo di voragini elettorali.

Leggi anche:  Israele: proteste in tutto il paese per chiedere le dimissioni del governo di estrema destra

Sta costruendo la sua immagine di adulto responsabile della sinistra, rispetto all’irremovibile contrarietà di Michaeli. Questa immagine contribuirà anche a cancellare la vergogna dell’attuale parlamentare di Meretz Ghaida Rinawie Zoabi, per la quale gli elettori di Meretz sono ancora arrabbiati con il partito.

Va detto che le argomentazioni di Michaeli contro un ticket comune non sono ridicole. Il precedente esperimento di ticket è fallito, Meretz ha buone possibilità di entrare nella Knesset e i suoi elettori hanno dimostrato che non lo abbandoneranno, soprattutto se Galon sarà eletta presidente il 23 agosto.

Michaeli potrebbe avere ragione. Ma se non avesse ragione? E se, al momento della definizione dei biglietti il 15 settembre, le fiamme della soglia elettorale lambissero uno dei partiti? Non ci sarebbe motivo di ripensarci?

Perché escluderlo categoricamente e creare tutto questo malumore? È solo una questione di principio, o i semi del suo disgusto per il Meretz sono stati gettati nel 2009, quando ha cercato un posto riservato nella sua lista, ma è stata respinta a favore di un altro giornalista, Nitzan Horowitz?

Nessuno mette in dubbio un fatto: tutti i sondaggi, sia pubblici che privati, mostrano che se uno dei due partiti non entra, il blocco di Netanyahu avrà la maggioranza alla Knesset, o almeno sarà a un passo da essa. In determinate circostanze, potrebbe raggiungere questo obiettivo anche se entrambi entrassero, ma sarebbe molto più difficile.

Di conseguenza, il messaggio di Galon di unirsi per responsabilità e preoccupazione per il blocco “Anyone But Bibi” ha riscosso più simpatia del rigido rifiuto di Michaeli.

Michaeli lo capisce. Giovedì mattina doveva intervenire alla quarta conferenza annuale di Idea, il Centro per la democrazia liberale. Non è un’organizzazione molto conosciuta e, in termini israeliani, è di sinistra.

Poco prima della mezzanotte di mercoledì, il suo ufficio ha chiamato per annullare l’intervento. I partecipanti alla conferenza all’Hilton di Tel Aviv hanno detto che ha cercato di risparmiarsi il disappunto del pubblico. (Il suo ufficio ha detto che non ha problemi a discutere la questione e che ha annullato per motivi personali).

Lapid, che ha parlato, ha ottenuto un applauso che non è abituato a ricevere dai “sinistrorsi”. In passato, non si sarebbe fatto trovare impreparato in un gruppo di oratori che comprendeva il leader della Lista comune Ayman Odeh, l’ex deputato della Lista comune Dov Khenin e altri importanti arabi ed ebrei di sinistra. Ma in questa campagna elettorale si sentirà più libero di seguire il suo cuore – in una certa misura, naturalmente.

Galon sta rosicchiando un altro dei marchi esclusivi di Michaeli: il femminismo. “Due donne a capo di una lista di centro-sinistra avrebbero un potere enorme, mai visto prima”, ha detto. “Questa unione creerebbe un’enorme energia e raddoppierebbe il nostro potere”.

Questo argomento ha il potenziale per conquistare i cuori delle donne di sinistra. Come abbiamo notato qui la scorsa settimana, un seggio di elettori femminili è passato da Meretz a Michaeli nelle ultime elezioni e potrebbe ora considerare di tornare a casa.

Tuttavia, nonostante sia considerato il candidato con maggiori probabilità di vittoria e quello che sta generando il maggior clamore mediatico, Galon dovrà affrontare una dura battaglia contro Golan. L’ex maggiore generale è una persona molto diligente, scrupolosa e sistematica. Nell’ultimo anno, e anche prima, ha arato i campi del Meretz. Si è presentato, si è mescolato e ha iscritto nuovi membri. Ha visitato scuole, kibbutzim, moshavim e conferenze.

Il partito ritiene che la maggior parte dei kibbutznik voterà per lui. Si tratta di un blocco consistente di elettori. Ma c’è un problema: le condizioni di voto per i kibbutznik sono peggiorate. In passato c’era un seggio elettorale in ogni kibbutz, il che rendeva il voto facile e accessibile. Questa volta, i seggi elettorali sono meno numerosi. Galon si concentrerà sulle città, che sono il suo principale bastione di sostegno. Ha solo due settimane per iscrivere nuovi membri, poi le liste elettorali si chiuderanno.

Le sue primarie per la leadership, a differenza di quelle di Michaeli, non saranno una piacevole passeggiata serale con guanti, ombrellino e bastone da passeggio. Suderà.

Il governo Ben-Gvir

Ben-Gvir ha avanzato richieste di vasta portata nei suoi duri negoziati con Smotrich: metà di tutto nel regno – metà dei deputati e dei posti di lavoro della coalizione (ministri, capi commissione, vicepresidenti della Knesset). La radio Kan Reshet Bet ha riferito che chiede anche che il suo partito conduca una campagna elettorale separata.

Per ora Smotrich non si scoraggia. Giocheranno a rimpiattino finché qualcuno non cederà. Dice ai suoi interlocutori: Gli attivisti, l’organizzazione, le truppe, l’infrastruttura politica appartengono a me, al mio partito del Sionismo Religioso. Siamo noi a portare gli elettori. Chi sono i sostenitori di Ben-Gvir? Shasnik, giovani ashkenaziti della comunità ultraortodossa, Likudnik. Il 1° novembre spariranno tutti.Se i partiti del blocco “Chiunque ma non Bibi” manterranno le loro promesse e non si uniranno a questo campo dopo le elezioni, Netanyahu probabilmente scenderà ancora una volta sotto i 61 seggi necessari per una maggioranza alla Knesset.

Leggi anche:  In Israele Netanyahu dichiara guerra ai vertici militari

Ciò significa una sesta campagna elettorale o un governo Lapid-Gantz con un partito ultraortodosso ashkenazita, probabilmente guidato da Moshe Gafni di Degel Hatorah, che sta accennando a questo. Se Netanyahu riuscirà dove ha fallito quattro volte, sarà meglio iniziare a esercitarsi a dire “Primo Ministro Itamar Ben-Gvir”.

Questo parlamentare estremista e violento, criminale condannato, incitatore grossolano e provocatore cronico si troverà in una posizione da sogno: incoronare il re e mantenere il regno. Che si candidi separatamente da Smotrich (cosa meno probabile) o con lui, diventerà l’uomo forte del governo israeliano. Il governo di Israele governerà o cadrà in base ai suoi capricci e ai suoi desideri.

Forse ha ragione, forse no. Si dice che quando due parti conducono la stessa campagna, una delle due si sbaglia. Ben-Gvir può non avere i soldati, ma la gente è pazza di lui, ben oltre Kiryat Arba in Cisgiordania e la “gioventù delle colline”. Ovunque vada è accolto come una rockstar. Anche tra i suoi elettori, Smotrich non suscita un briciolo di emozione nelle apparizioni pubbliche come il presidente di Otzma Yehudit.

Durante la campagna elettorale, l’approccio di Netanyahu e dei suoi emissari a Ben-Gvir sarà: “Chi? Mai sentito nominare”. Naturalmente, non prometteranno di stare fuori da un governo con lui. Cambieranno argomento.

L’unico obiettivo di Netanyahu è quello di corteggiare due o tre membri della destra morbida dalla sua parte, o di sopprimere i risultati alle urne dei suoi avversari, inviando al contempo messaggi concilianti sull’ampliamento del cerchio della pace, sulla responsabilità nazionale e su un governo ampio.

Alla fine di questo inganno si nasconde il governo conosciuto: razzista, messianico, ultranazionalista. Inizierà tagliando la gola al sistema legale: “Ci occuperemo dei giudici, dell’istituzione del procuratore generale e del procuratore di Stato”, ha detto questa settimana Amir Ohana del Likud.

Ben-Gvir non chiederà soddisfazione durante la campagna elettorale. Non gli interessa. La rivincita arriverà quando una coalizione in via di formazione avrà bisogno di lui.

Le pubbliche relazioni di Bennett verso il tramonto

Lunedì 20 giugno, quando tutte le speranze sono finite, l’allora primo ministro Bennett e il ministro degli Esteri Lapid hanno annunciato lo scioglimento della Knesset e l’attuazione dell’accordo di rotazione, rendendo Lapid primo ministro. All’epoca, Bennett non rivelò i suoi piani futuri e nascose più di quanto rivelò nelle interviste di addio. Solo il 29 giugno una voce divina ha dichiarato: “Mi prendo un time-out”.

Nei giorni del crepuscolo, Bennett ha intrapreso una massiccia – e costosissima – campagna di pubbliche relazioni online. Nel giro di cinque o sei giorni, le pubbliche relazioni hanno inondato i grandi siti web mainstream e i social media. Decine di post e video lo esaltavano e alcuni lodavano gli sforzi del suo governo e del suo partito.

La campagna era legale, nel senso che il materiale riportava la dicitura “Pagato da Yamina”. Lo tsunami che ha travolto i social media ha fatto sì che ci si chiedesse se Bennett avesse intenzione di candidarsi e stesse preparando il terreno per la sua campagna. Gli esperti hanno stimato che la campagna di PR sia costata almeno mezzo milione di shekel (145.000 dollari), prelevati dalle casse del suo partito Yamina.

Avevo già scritto che non mi aspettavo che Bennett si candidasse. Egli si rende conto che il 1° novembre non gli accadrebbe nulla, se non il grande imbarazzo di scendere sotto la soglia elettorale del 3,25%. Era consapevole della sua situazione quando lui e Lapid hanno fatto sciogliere la Knesset. Sapeva anche che Yamina sarebbe passata nelle mani di Shaked, che cercherà di ridare vita ai suoi deboli polmoni. Tuttavia, ha scelto di spendere enormi somme di denaro del partito quando non aveva ancora deciso se candidarsi o lo aveva escluso. È stato giusto? Un confidente ha spiegato che voleva fare un’ultima spinta alle pubbliche relazioni prima di scomparire nel tramonto; voleva sottolineare ancora una volta quanto fosse stato un buon anno – rispetto all’alternativa da cui siamo stati salvati.

L’ufficio di Shaked non ha risposto. Un collaboratore di Bennett ha dichiarato: “In vista della campagna elettorale, Yamina sta combattendo l’opposizione per sottolineare i risultati ottenuti dal governo nel calmare il sud [il fronte di Gaza] e ridurre la disoccupazione, in mezzo al cambiamento nei confronti dell’Iran”.

L’affresco di Verter finisce qui.

Rispetto a quelli israeliani, politici e politicanti italiani sono dei dilettanti. Allo sbaraglio.

Native

Articoli correlati