Israele e quel gelato "indigesto"

Potenza di un gelato che va di traverso, politicamente parlando, ai colonizzatori israeliani. A raccontare la vicenda è l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano: Gideon Levy.

Bennett e Lapid

Bennett e Lapid

Umberto De Giovannangeli 23 luglio 2021

Potenza di un gelato che va di traverso, politicamente parlando, ai colonizzatori israeliani.

A raccontare la vicenda è l’icona vivente del giornalismo “radical” israeliano: Gideon Levy.

“Se Ben & Jerry's mantiene la sua parola e ritira il suo prodotto dagli insediamenti tra un anno e mezzo (e ci sono buone ragioni per dubitare che lo farà, vista la pressione che ci si aspetta dagli ebrei americani), inizierò a mangiare il suo gelato – scrive Levy su Haaretz -  Potrò godere di un prodotto che mostra un po' più di cura, più coinvolgimento, più coscienza e, soprattutto, più decenza.

Fino ad allora, si può solo ridere della frenesia estiva che è scoppiata e che scomparirà quando emergerà la prossima tempesta di vanità. Gli israeliani devono ora boicottare il gelato per protestare contro la decisione dell'azienda? O dovremmo comprarne di più in segno di sostegno al patriottico franchisee locale, che continuerà a vendere negli insediamenti fino alla scadenza del suo contratto? Nel frattempo, quello che abbiamo è una tempesta in una vaschetta di gelato che ci insegna più su Israele di mille articoli accademici.

L'affare Ben & Jerry's ha reso felici gli israeliani. Non ci sono molte cose che amano più della comparsa di una minaccia esterna. Ci riunisce, per crogiolarci nell'amaro destino che noi di tutti i popoli dobbiamo affrontare, per creare un'unità repulsiva e un pensiero di gruppo, e per lanciare un roboante contrattacco, con l'accusa istintiva di antisemitismo come dessert.

Quando il franchisee del nostro amato McDonald's, Omri Padan, ha deciso di boicottare i territori, l'Israele collettivo ha strillato molto meno. Perché? Perché Padan è un patriota che in nessun modo concepibile può essere asfaltato come antisemita. È intoccabile. Con un'azienda americana, è molto più facile.

 

Il gelato è riuscito dove la morte di 67 bambini a Gaza non è riuscita: ricordare agli israeliani l'occupazione. Eppure, la follia rimane: L'occupazione è una vittima, l'unica vittima. E' incredibile che ogni volta che qualcuno osa ricordare agli israeliani che qualcosa è ancora sbagliato, la questione diventa immediatamente come Israele sia la vittima. Titoli, discorsi senza fine, e l'unica cosa che nessuno si chiede è: perché? Perché una persona ragionevole dovrebbe voler boicottare Israele? Beh, forse a causa della pressione esercitata dal BDS. Solo a causa di tale pressione. Altrimenti, non c'è modo che un'azienda di gelati arrivi da sola alla conclusione che non vuole più addolcire la vita dei coloni. Non c'è possibilità che ci siano uomini d'affari con dei valori. È solo la conseguenza della pressione. I meccanismi di repressione e di negazione che la società israeliana ha sviluppato non berranno dalla tazza di Cicciobello. È l'Iron Dome della società - non può essere abbandonato. Pertanto, la situazione richiede niente di meno che un vero boicottaggio di Israele, di tutti gli israeliani, ovunque - un boicottaggio doloroso, costoso, distruttivo. Non un boicottaggio-lite sul gelato venduto al supermercato Rami Levy all'Etzion Junction, ma uno che tutto Israele si senta in tasca. Solo uno che possa sollevare Israele dalla sua cecità e smascherare la menzogna che si è nutrita per così tanti anni. Altrettanto sorprendente è tutta l'unità e il pensiero di gruppo che la vicenda ha creato. Improvvisamente, è diventato chiaro che siamo tutti coloni. La linea verde ha cessato di esistere da tempo. L'affare Ben & Jerry's ha rivelato che non c'è differenza tra la destra radicale e la sinistra. Tutti sono per gli insediamenti. Tutti si oppongono al loro danneggiamento, anche se si tratta di un danno minore al contenuto dei loro freezer. Ma è davvero così improvviso? Yair Lapid parla di antisemitismo e il ministro dell'economia e dell'industria Orna Barbivai si comporta come se sognasse di essere Miri Regev da grande. Nel frattempo, possiamo chiederci perché ci meritiamo politici ridicoli come questi e perché nessuno ha trovato il coraggio di ringraziare Ben & Jerry's per aver agito nel loro piccolo. In ogni caso, il passo che l'azienda ha fatto è artificiale: non è più possibile separare i coloni e il resto di Israele. La tempesta nella vasca lo dimostra. Dovremmo lodare i gelatai del Vermont: Non metteranno fine all'occupazione - non è il loro lavoro - ma in una calda giornata estiva hanno rivelato alcune verità agli israeliani. Resta solo una domanda che tutti gli israeliani ragionevoli devono porsi: Cosa penserebbero di un'azienda di gelati che boicottasse il Sudafrica?”.

 Così Gideon Levy.

Gelato “indigesto”

Sulla vicenda è intervenuto il ministro degli Esteri d’Israele Yair Lapid:"La decisione di Ben & Jerry's è una vergognosa resa all'antisemitismo, al Bds (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni, ndr), a tutto ciò che è anti-Israele e anti-ebraico. Ma non resteremo in silenzio. Più di trenta stati degli Usa hanno approvato negli ultimi anni leggi anti-Bds, quindi a nostro favore: andrò in ognuno di loro e chiederò di applicare una legge anti-Ben & Jerry's, perché non ci possono trattare in questo modo senza aspettarsi una adeguata reazione".

 

A ruota Il primo ministro israeliano Naftali Bennett: "Con una decisione che giudico moralmente sbagliata – sentenzia -  Ben e Jerry's ha deciso di etichettarsi come il gelato anti-israeliano".

Non poteva mancare la presa di posizione dell’ex premier Benjamin Netanyahu: "Ora noi israeliani sappiamo quale gelato non comprare", twitta “King Bibi”.

Fondata nel 1978, la "Ben & Jerry's" ha specificato che non intende boicottare del tutto Israele, dove i gelati continueranno ad essere venduti attraverso un distributore locale. Da tempo, "Ben & Jerry's" è un'azienda nota per il suo impegno progressista, dalla protezione dell'ambiente al rispetto dei diritti della, fino alla lotta contro le ingiustizie e le ineguaglianze.

Il rapporto Onu

L’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha identificato 112 imprese che traggono profitto dagli insediamenti per soli ebrei. Di questi, 94 hanno sede in Israele, mentre 18 hanno sede in paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Paesi Bassi, Lussemburgo e Tailandia. Il rapporto delle Nazioni Unite è una risposta a una risoluzione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite del 2016 (Unhcr) che chiede un “database per tutte le imprese impegnate in attività specifiche relative agli insediamenti israeliani nel territorio palestinese occupato”. La maggior parte delle società statunitensi elencate nel rapporto sono siti Web relativi ai viaggi, tra cui Airbnb, Expedia, TripAdvisor e Holdings di prenotazione. Lo scorso aprile, Airbnb ha scatenato l’indignazione globale dopo aver annullato una precedente decisione di eliminare alcune 200 proprietà affittate dai coloni israeliani nella Cisgiordania occupata illegalmente. La società con sede a San Francisco ha dichiarato che avrebbe donato i proventi di tali prenotazioni a gruppi internazionali di aiuti umanitari. Gli altri siti di prenotazione di viaggi citati nel rapporto delle Nazioni Unite offrono anche prenotazioni presso le proprietà degli insediamenti. Sono inoltre elencati il ​​fornitore di apparecchiature di comunicazione dati e telecomunicazioni Motorola Solutions e il colosso multinazionale di alimenti di consumo di marca General Mills.

Nel 2005, Motorola Solutions ha vinto un contratto dal Ministero della Difesa israeliano per fornire “recinti virtuali” agli insediamenti israeliani. Il sistema di sorveglianza MotoEagle è costituito da radar e telecamere che rilevano i movimenti al di fuori degli insediamenti ed è installato in 25 delle colonie illegali. Il sistema viene anche utilizzato nella barriera di separazione della Cisgiordania, chiamata “muro dell’apartheid” da molti critici. Inoltre, Motorola ha sviluppato il sistema di comunicazione per smartphone Mountain Rose per le forze di occupazione israeliane in Cisgiordania. Circa 50 milioni di dollari per il sistema smartphone sono stati finanziati dai contribuenti americani tramite aiuti militari statunitensi a Israele.

General Mills, con sede a Minneapolis, è elencata a causa di una fabbrica in una zona industriale di insediamenti israeliani dove vengono prodotti i prodotti da forno Pillsbury. Un portavoce della compagnia ha detto a Npr che impiega sia palestinesi che israeliani nella fabbrica e che opera nel “rispetto delle leggi sul lavoro e sui diritti umani”. Tuttavia, ciò non può essere possibile perché sia ​​gli insediamenti che l’occupazione sono illegali ai sensi del diritto internazionale.

Difendere il diritto al boicottaggio

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha sostenuto il diritto di boicottare Israele quando ha annullato le condanne penali contro 11 attivisti per i diritti dei palestinesi in Francia, sferrando un duro colpo agli sforzi anti-Bds di Israele. In aprile, la Corte Suprema del Regno Unito ha abolito una normativa anti-Disinvestimento voluta dal governo nel 2016. La norma stabiliva che i consigli non potevano utilizzare le loro politiche pensionistiche “per perseguire boicottaggi, disinvestimenti e sanzioni contro le nazioni straniere e le industrie della difesa del Regno Unito”. Ma la Campagna di Solidarietà per la Palestina ha sfidato il governo e nel 2017 l’Alta corte si è pronunciata a suo favore. Tale decisione è stata annullata nel 2018 dalla Corte d’Appello, ma con la sentenza finale della Corte Suprema non è possibile presentare ricorso.

Negli Stati Uniti, la giornalista e regista Abby Martin ha citato in giudizio lo stato della Georgia per la sua repressiva legge anti-Bds.

Martin avrebbe dovuto tenere un discorso di apertura a una conferenza sull’alfabetizzazione mediatica tenutasi presso la Georgia Southern University. Quando i funzionari le hanno chiesto di firmare un contratto dichiarando che non si sarebbe impegnata in un boicottaggio di Israele, Martin ha rifiutato di farlo e il suo discorso è stato annullato, così come l’intera conferenza.

La causa di Martin contro la Georgia è una delle numerose intentate da attivisti, avvocati, educatori e giornalisti negli stati degli Stati Uniti. Nel 2020, i governatori del Missouri e dell’Oklahoma hanno convertito in legge misure anti-Bds, ma i difensori dei diritti civili li stanno combattendo in tribunale.

Bds: la battaglia continua.