Top

Israele, il "governo del cambiamento" e gli scheletri di Balfour Street

La strada del governo post-Netanyahu è tutt’altro che in discesa, tra scheletri nell’armadio e prove di discontinuità.

Bennett, premier israeliano
Bennett, premier israeliano

Umberto De Giovannangeli

20 Giugno 2021 - 16.27


Preroll

La   prima   domenica   di   Naftali   Bennett   primo   ministro.   Tra scheletri nell’armadio e prove di discontinuità.

OutStream Desktop
Top right Mobile

A raccontare i primi giorni del “governo del cambiamento” è una delle firme più prestigiose di Haaretz, Yossi Verter.

Middle placement Mobile

“Il giorno dopo il giuramento alla Knesset – racconta Verter – i nuovi membri del gabinetto si sono incontrati per la tradizionale foto alla Residenza del Presidente.
Il nuovo ministro degli esteri, Yair Lapid, è arrivato un po’ in anticipo. È andato nell’ufficio del presidente Reuven Rivlin e ha bevuto un espresso con lui.

Dynamic 1

E   un   altro,   e   un   altro   ancora.   Poi   è   entrato   il   primo   ministro Naftali Bennett. Lapid si è alzato e si sono abbracciati come se non fosse passato un giorno intero dal loro ultimo abbraccio nella sala della Knesset.        

Nello stesso momento, 13 mesi fa, Benjamin Netanyahu   ha   lanciato   una vergognosa   campagna   di   imbrogli, frodi   e   violazioni   di   accordi,   senza   precedenti   nella   politica israeliana, contro il ministro della difesa Benny Gantz. Cinque giorni dopo quel giuramento, i due leader del governo di unità non   erano   nemmeno   in   grado   di   guardarsi   negli   occhi.   E   la situazione non ha fatto che peggiorare.

Dynamic 2

Il “patto” sembra reggere – Senza scivolare nell’ingenuità o nell’eccesso di  romanticismo – Lapid e Bennett non sono Julia Roberts e Hugh Grant – qui c’è una partnership straordinaria, tra due persone fondamentalmente decenti. Lo slogan elettorale di Lapid era ‘Siamo venuti per fare un cambiamento’, e quello di Bennett era ‘Sta iniziando qualcosa di nuovo’. La rinnovata alleanza tra loro è una combinazione dei

due slogan in un’unica idea unificante.

Dynamic 3

Bennett deve affrontare compiti tremendi; uno è quello di modellare e marchiare il suo

stile di gestione. Se punta a una pallida riproduzione dello stile del suo predecessore, farà il gioco di Netanyahu. Ha sbagliato questa settimana quando la prima foto distribuita dalla gente del nuovo primo ministro era di lui inginocchiato sulla tomba del suo amico   Emmanuel   Moreno,   ucciso   nella   seconda   guerra   del

Dynamic 4

Libano.
Questo è esattamente il Bibi della fama di ‘mio fratello Yoni’ degli ultimi cinque decenni. Ne abbiamo abbastanza. Le lapidi e il lutto dovrebbero essere lasciati per il Memorial Day.

Un altro errore è stata la serie di foto dei suoi primi incontri con i capi   dei   servizi   di   sicurezza.   Sembra   mummificato,   un   uomo perso dietro la gigantesca scrivania di mogano – sulla quale non si vedevano documenti.

Dynamic 5

(Bennett) Ha bisogno di reinventare la sua base, il suo elettorato.

Oggi è un leader di preghiera senza adoratori (come disse una volta   Benny   Begin).   Per   la   maggior   parte   l’ala   destra   lo   ha abbandonato. La sinistra non ha motivo di votarlo. Ha la testa tra le   nuvole   –   è   il   primo   ministro!   –   mentre   i   suoi   piedi   stanno sguazzando   in   una   pozza   di   voti   poco   profonda.            

Qui,   il rebranding   è   decisamente   necessario.   Anche   prima   di   aver individuato   una   nuova   varietà   di   elettori,   il   suo   caucus   sta cambiando carattere.
I due ideologi conservatori, Alon Davidi e Amichai Chikli, hanno lasciato. Davidi ha abbandonato il caucus quando   ha   capito   che   il   leader   si   stava   dirigendo   verso   un governo con Lapid. Chikli gli ha teso un’imboscata dall’interno.

A un concerto rock, Nir Orbach del partito Yamina di Bennett ha visto la luce dell’unità. Nel frattempo, c’è il pragmatico Matan Kahana,   e   la   laica   Ayelet   Shaked,   che   prega   il   Likud   ogni mattina. E le inclinazioni religiose di Idit Silman sono liberali,

Shirly Pinto era un membro della Yesh Atid di Lapid, e Stella Weinstein   è   ex   Yisrael   Beiteinu   di   Avigdor   Lieberman.  
Un gruppo eclettico, quasi come questo stesso governo. Naftali cambia profilo

Il   nuovo   Bennett   dovrà   comportarsi   come   un   primo   ministro

professionista.
Un tecnocrate. In ogni  caso,  è stato deciso che l’ideologia   è   stata   sospesa.   Deve   concedere   ai   suoi   ministri un’autonomia totale. Non deve usurpare il controllo o rubare il credito.
Non deve impegnarsi a ostacolare e intercettare.
Deve ricordare che non è più intelligente degli altri, né capisce le cose meglio di loro – certamente non più della maggior parte di loro. Deve scrollarsi di dosso le sue promesse elettorali.
Non è così che si governa un paese. Menachem Begin lo capì nel 1977 e fece la pace con l’Egitto.
Yitzhak Rabin ha negoziato con l’Olp nel 1993. Ariel Sharon ha evacuato gli insediamenti di Gaza nel 2005. Netanyahu ha riconosciuto uno stato palestinese indipendente, ha sospeso la costruzione negli insediamenti nel 2009 e ha rilasciato 1.000 terroristi dalla prigione in cambio di un solo soldato.

Ha fatto un buon lavoro nel gestire la corsa alla Marcia delle Bandiere di martedì – una mina che Netanyahu ha lasciato per lui.
Da Bennett non ci sono state dichiarazioni gonfiate sull’importanza dell’evento e della Gerusalemme unita.
Dopo la foto, una telecamera lo ha ripreso alla Residenza del Presidente mentre si consulta per qualche minuto con il suo ministro della difesa, Gantz, e il suo ministro della pubblica sicurezza, Omer Bar-Lev…

Segreti e bugie – I   30   minuti   che   Netanyahu   si   è   degnato   di   dedicare   al   suo sostituto dovevano coprire 12 anni di governo, in parte di un solo

uomo.
Questo, naturalmente, rende ridicolo il compito.

​Ai membri della Knesset è stato chiesto di non apporre il titolo al suo nome.

Quelli che sono ferventemente osservanti si sono preoccupati di chiamarlo con nomi denigratori come truffatore e imbroglione.
E anche   nelle   prossime   apparizioni   di   Bennett   nell’aula   della Knesset, il primo ministro non riuscirà a finire una frase. Gridano e   urlano   come   un   branco   di   scimmie   che   hanno   percepito l’avvicinarsi di una preda. 

Una tale indegnità non è necessariamente dannosa per Bennett.

Nei suoi circoli, gli raccomandano di presentarsi comunque, di salire   sul   leggio   e   di   sorridere   mentre   affronta   il   teppismo, dimostrando di avere il controllo della situazione.

Maggioranza fluida – I   suoi   veri   problemi   sono   più   vicini   a   casa,   nella   sua   fluida coalizione.  E  ognuno  di  loro ha  un nome:   Eli  Avidar   (Yisrael

Beiteinu), Saeed Alkharumi (Lista Araba Unita) e Amichai Chikli (Yamina).
Se vuole approvare le leggi fondamentali e soprattutto il bilancio statale, due dei legislatori dovranno votare a favore. La legge richiede una maggioranza assoluta di 61.

I   tre   non   sono   casi   disperati.  
Non   hanno   alcun   interesse   a rovesciare il governo e andare verso un’altra elezione.
Non c’è un futuro   migliore   che   li   aspetta.  
Chikli   si   era   impegnato   a   non permettere la formazione di  un governo. Ha mantenuto la  sua parola, ma non è certo che si opporrà al passaggio del bilancio.

Avidar è molto testardo. Dopo appena due anni e un po’ come membro   della   Knesset,   ha   già   chiesto   un   lavoro   importante   e minaccia   di   disertare.   Il   ministro   delle   finanze   Avigdor Lieberman gli ha offerto un posto come ministro delle finanze con   responsabilità   per   i   mercati   dei   capitali   e   altri   campi,   ma

Avidar   ha   rifiutato. 
Lieberman  è   un  duro  che   non   ama   essere ricattato. I suoi colleghi si aspettano che affronti il problema.

Alkharumi è il più duro di tutti. Un beduino residente a Segev Shalom   nel   Negev,   sta   facendo   richieste   impossibili   al   primo ministro. Per Alkharumi, ora che la sua Lista Araba Unita fa parte della   coalizione,   uno   sfratto   da   qualsiasi   baracca   di   latta   nel Negev è una catastrofe personale.

‘Si   comporta’   mi   ha   detto   un   ministro   di   gabinetto,   ‘come qualcuno che non capisce o non vuole capire che il governo non ha il potere di revocare gli ordini giudiziari.
Gli è stato spiegato ciò che il governo ha l’autorità di fare, ma lui insiste. Il governo

precedente ci ha lasciato un campo minato nella società araba e beduina, come multe di importi enormi, e stiamo facendo fatica a

​neutralizzare   le   mine.  
Alkharumi   ci   creerà   ancora   problemi terribili’.

Alla prima riunione celebrativa di domenica dei leader dei partiti

della coalizione, il leader di Kahol Lavan, Benny Gantz, spiccava

tra   i   suoi   colleghi   felici.  
Contrariamente   a   quanto   si   potrebbe pensare, la ragione della sua espressione acida non era solo il pensiero del posto di primo ministro che aveva presumibilmente

‘ceduto’.
Non l’avrebbe ottenuto in ogni caso.

Ciò   che   lo   faceva   veramente   impazzire   era   l’ipocrisia.  
Nel maggio  dell’anno  scorso,  al   culmine  dell’isteria  da  coronavirus che Netanyahu ha acceso e fatto esplodere a dismisura, Gantz ha rotto   con   il   suo   stesso   campo   politico   e   ha   stabilito   con Netanyahu un governo in cui ogni parte aveva lo stesso potere, un governo con due primi ministri a rotazione che hanno giurato

nello stesso momento.

Le   leggi   fondamentali   consolidate   sono   state   schiacciate   e distorte e includevano il ritorno della cosiddetta legge norvegese, attraverso   la   quale   nuovi   legislatori   venivano   portati   nella Knesset   con   le   dimissioni   dal   parlamento   dei   membri   del gabinetto.  
L’opposizione   si   scatenò.   ‘Truffatori!   Zero! Imbroglioni!’  gridò   Mickey   Levy   di  Yesh  Atid,   che   ora   è   lo speaker della Knesset  e che all’epoca era il più rauco di  tutti.

Questa settimana, seduto al posto dello speaker, ha graziosamente giurato sui nuovi norvegesi. Cento giorni dopo il giuramento del governo Netanyahu-Gantz, il compromesso Hauser è stato approvato, posticipando di circa 90 giorni   la   scadenza   per   il   passaggio   del   bilancio.  
Anche   per questo, era necessario un emendamento alla Legge fondamentale. Levy non ha dimenticato la grandezza del disprezzo che Gantz e i suoi   colleghi   del   Kahol   Lavan,   ma   soprattutto   Gantz,   hanno sostenuto per settimane e mesi da Yair Lapid, Merav Michaeli, Nitzan Horowitz e i loro colleghi della Knesset. Ma ora il nuovo

“governo   del   cambiamento”   sta   copiando,   pezzo   per   pezzo,   la struttura   del   governo   precedente:   parità   con   potere   di   veto reciproco, una rotazione della posizione del primo ministro e una legge norvegese che sarà presto ampliata (!) in modo che ogni fazione potrà far sedere un legislatore in più oltre ai 13 che si sono seduti questa settimana.

E non è tutto. Alla Knesset sarà presto chiesto di approvare un nuovo compromesso Hauser che rimanderebbe il passaggio del bilancio di un mese e mezzo, a causa della pausa estiva della Knesset e delle vacanze ebraiche autunnali, che terranno le cose

in sospeso per tutto settembre.

​Quello   che   abbiamo   fatto   qui   è   un’immagine   speculare   del governo precedente”, ha detto Gantz ai suoi colleghi durante la riunione.   Ma   erano   troppo   occupati   a   festeggiare   per   cogliere l’amara ironia”.

L’illuminante   racconto di Verter finisce qui. A conferma che la strada del governo post-Netanyahu è tutt’altro che in discesa.

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile