Busta con un proiettile e minacce No Vax a Pregliasco: "Spareremo a te e ai tuoi figli"
Top

Busta con un proiettile e minacce No Vax a Pregliasco: "Spareremo a te e ai tuoi figli"

Il virologo: "Proprio ieri ero stato alla Digos per aggiornare il pacchetto delle minacce e degli insulti ricevuti sui social e la sequenza dei numeri telefonici, in alcuni casi in chiaro, di alcune delle persone che mi hanno telefonato a tutte le ore"

Busta con un proiettile e minacce No Vax a Pregliasco: "Spareremo a te e ai tuoi figli"
Fabrizio Pregliasco
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Marzo 2022 - 17.22


ATF

Il virologo Fabrizio Pregliasco ha denunciato di aver ricevuto una busta con dentro un proiettile e una lettera di minacce da parte di non identificati No Vax. 

“Io ero a lezione quando il postino – racconta Pregliasco – l’ha recapitata al laboratorio dell’università. Mi ha telefonato uno dei miei collaboratori che ha aperto con i guanti questa busta che gli era sembrata un po’ strana, pensavano ci fosse dentro una fialetta o qualcosa del genere e invece – riferisce il medico – c’era una bella lettera di minacce in cui mi dicevano che io consiglio il vaccino ai bambini che è neurotossico e quindi mi mandavano questo proiettile, non grosso, promettendo di sparare nelle gambe e nella pancia a me, ai miei figli e ai miei familiari, con l’intento proprio di farmi soffrire”.

“Proprio ieri ero stato alla Digos per aggiornare il pacchetto delle minacce e degli insulti ricevuti sui social e la sequenza dei numeri telefonici, in alcuni casi in chiaro, di alcune delle persone che mi hanno telefonato a tutte le ore del giorno e della notte e oggi – dice sconfortato il virologo – è arrivata questa”.

Leggi anche:  La Lega sempre più no vax chiede di abolire l'obbligo vaccinale per i minori fino a 16 anni

Non so se mi metteranno sotto protezione, stanno valutando. Ora la scientifica stava analizzando se c’erano anche impronte e altro. Certo è una cosa spiacevole”, afferma. Ma poi ci scherza su: “Si concludono così questi due anni di divulgazione, con un colpo alle ginocchia. Ma insomma – chiude ridendo il direttore sanitario dell’Istituto Ortopedico Galeazzi – al Galeazzi me le possono sistemare”.

Native

Articoli correlati