Top

Yair Golan "Bene il ritiro di Biden dall'Afghanistan, ora via gli israeliani dai Territori palestinesi occupati"

Il ragionamento del vice ministro degli affari economici e parlamentare di Meretz, la sinistra pacifista israeliana.

Yair Golan, vice ministro degli affari economici e parlamentare di Meretz
Yair Golan, vice ministro degli affari economici e parlamentare di Meretz

Umberto De Giovannangeli

30 Agosto 2021 - 17.41


Preroll

A volte il ritiro, per quanto doloroso e denso d’incognite, può risultare il “male minore”. Vale per l’Afghanistan, ma anche per i Territori palestinesi occupati. Per gli Stati Uniti come per Israele. Un accostamento forzato? No, se si segue il filo del ragionamento proposto da Yair Golan, vice ministro degli affari economici e parlamentare di Meretz, la sinistra pacifista israeliana.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Secondo il recente editoriale di Israel Harel su Haaretz, – osserva Golan – i ritiri sono il male, e il ritiro di fronte all’estremismo islamico è l’incarnazione del male. Nel processo, se la prende con gli americani e il loro presidente, Joe Biden, e naturalmente con coloro che hanno sostenuto i ritiri dal Libano e dalla Striscia di Gaza (ritiri sostenuti sia dalla sinistra che dalla destra).

Middle placement Mobile

Secondo Harel, gli americani sarebbero dovuti rimanere in Vietnam… scusate, in Afghanistan. Questo, nonostante 20 anni di combattimenti e sforzi di riabilitazione; più di 3.600 morti tra le forze della Nato (per lo più americani); quasi 4.400 subappaltatori, operatori umanitari e giornalisti uccisi; un numero molto maggiore di feriti, disabili ed emotivamente menomati; innumerevoli famiglie in lutto, costi diretti di un trilione di dollari e un forte aumento del debito nazionale (il costo dell’avventura in Afghanistan e Iraq ammonterà a 6,5 trilioni di dollari in debito entro il 2050). Nonostante tutto questo, Harel ritiene che gli Stati Uniti sarebbero dovuti rimanere in Afghanistan.

Dynamic 1

È stato detto da queste parti che una pietra che uno sciocco getta in un pozzo, mille uomini saggi non possono rimuovere. Il vecchio George Bush sapeva come entrare in Iraq e uscirne in tempo. No, non ha rovesciato Saddam Hussein, ma lo ha indebolito considerevolmente e, soprattutto, ha evitato un presuntuoso e inutile coinvolgimento militare degli Stati Uniti. Con la fine della Guerra del Golfo fu chiaro a tutti chi era l’unica superpotenza del mondo. Suo figlio, George W. Bush, non ha imparato da questo; è andato in Afghanistan ed è rimasto. Così sono nati 20 anni di continuo fallimento senza possibilità di successo. Questa è la storia dell’America in Afghanistan (e in Iraq).

Chiunque cerchi la lezione israeliana dovrebbe ricordare la fallita scappatella del Libano. Avremmo potuto andarcene il giorno dopo che Yasser Arafat salpò per Tunisi, e completare il ritiro da tutto il Libano entro il 1985; dopo tutto, questa era la decisione presa dal gabinetto all’epoca. Il ritiro da Gaza era un imperativo di sicurezza nazionale che più di ogni altra cosa esprimeva l’inutilità di proteggere 8.600 ebrei che vivevano tra due milioni di palestinesi, quando il principale blocco di insediamenti era tra Khan Yunis e il mare. La montatura nazionalista che la situazione della sicurezza è peggiorata da allora ignora alcuni semplici fatti: Il lancio dei razzi Qassem è iniziato nel 2001, e la portata delle vittime israeliane a Gaza e da Gaza è precipitata drasticamente negli ultimi 16 anni. Il grave attacco che ha ferito il poliziotto di frontiera Barel Hadaria Shmueli non cambia il quadro generale.

Dynamic 2

Il ritiro può essere la prova di un fallimento militare, ma gli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan, come Israele in Libano e Gaza, non hanno fallito a livello militare, ma a livello diplomatico.

Pretese esagerate, ignorando le condizioni demografiche-politiche di base, e la paura di prendere decisioni difficili – questi sono i mali politici che hanno inutilmente invischiato gli Stati Uniti così come Israele. La discussione sul numero di coloni in Giudea e Samaria è inutile e superflua. In Giudea e Samaria ci sono 2,6 milioni di palestinesi e meno di mezzo milione di ebrei. L’annessione di una popolazione palestinese così grande, la maggior parte della quale è povera e infusa di odio per Israele, è un atto di suicidio nazionale. Il fatto che abbiamo perpetuato questa follia per oltre 50 anni non trasforma questa stupidità in saggezza. Dobbiamo separarci dai palestinesi, e questa separazione non sarà priva di problemi di sicurezza e di prove nazionali. Ci piacerebbe immaginare due Stati che vivono fianco a fianco in tranquillità, ma questo non accadrà nel prossimo futuro. È ragionevole supporre che la separazione dai palestinesi sarà accompagnata da serie sfide, ma da quando abbiamo paura delle sfide?

Dynamic 3

Il dibattito corretto non è sulle sfide alla sicurezza, ma sull’interesse nazionale. Dobbiamo separarci dai palestinesi perché l’annessione è la fine del sogno sionista di una casa nazionale per il popolo ebraico, uno stato libero e democratico. Non c’è una via di mezzo o un compromesso tollerabile. Il vero dibattito è su ‘annessione o separazione’ e persino Israel Harel deve ammettere che la separazione è l’alternativa più corretta e necessaria per Israele,  conclude Golan.

Visto da Ramallah

Dynamic 4

Jack Khoury, firma storica di Haaretz, è tra i giornalisti israeliani che meglio conoscono la realtà palestinese e le dinamiche interne alla dirigenza dell’Autorità Palestinese.

“Se il termine ‘finestra di opportunità – scrive Khoury –  è considerato un comune gergo diplomatico, allora per l’Autorità Palestinese il termine ‘finestra’ è molto esagerato quando si tratta del governo Bennett-Lapid e del suo approccio con la questione palestinese.

Dynamic 5

‘Consideriamo questo il primo segno di una crepa [nella finestra] di opportunità’, ha detto la settimana scorsa ad Haaretz un alto dirigente palestinese a Ramallah. ‘Se di fronte a Netanyahu e all’appoggio che Trump gli ha dato era una causa persa, ora c’è una tendenza al cambiamento. Non solo a causa di Bennett e della composizione del suo governo, ma soprattutto a causa della nuova amministrazione a Washington’.

Tuttavia, il dirigente  ha aggiunto: ‘Siamo realisti e sappiamo che i progressi, se ce ne saranno, saranno s lenti e fondamentalmente destinati a mantenere lo status quo’.

Nell’ufficio del presidente palestinese Mahmoud Abbas, i suoi più stretti collaboratori studiano continuamente le intenzioni del governo israeliano. E così gli incontri tra il primo ministro Naftali Bennett e il presidente Joe Biden a Washington sono stati seguiti con interesse. Dai messaggi giunti a Ramallah durante il fine settimana i dirigenti  palestinesi hanno appreso che le principali conversazioni sulla questione palestinese sono state avute con il segretario di Stato Antony Blinken e meno con Biden. Anche se Biden ha menzionato la questione palestinese, la durata dell’incontro e gli argomenti all’ordine del giorno non hanno lasciato molto spazio per approfondire il tema. ‘Anche se Bennett ha cercato di ignorare completamente la questione palestinese, sappiamo che gli è stato chiesto di presentare un pacchetto di passi per alleggerire le restrizioni civili’, annota un alto funzionario dell’AP familiare con i colloqui con gli americani. A Ramallah si aspettano anche un aggiornamento da Washington nei prossimi giorni perché ‘il rapporto con Washington è molto pratico e aperto ora’, aggiunge la fonte.

Abbas e la maggior parte della leadership palestinese credono che il governo Bennett sopravviverà più a lungo del previsto, nonostante i suoi molti elementi opposti. L’ipotesi di lavoro è che il governo rimarrà stabile per paura di nuove elezioni e del ritorno dell’ex primo ministro Benjamin Netanyahu, e quindi a Ramallah i funzionari non vedono questo governo come temporaneo. Inoltre, nei colloqui diplomatici – anche con il Cairo, Amman e funzionari occidentali, tra cui figure americane e britanniche – la leadership palestinese ha sollevato una richiesta ragionevole da Israele: onorare gli accordi esistenti tra Israele e l’AP. Facendo così, secondo la leadership dell’AP, si eviteranno passi unilaterali e si consentirà spazio di manovra, stabilità e forse anche una rinnovata discussione sulle elezioni dell’AP, anche a Gerusalemme Est e nella Striscia di Gaza. Le elezioni permetteranno anche ad entrambe le parti di avere spazio e tempo per manovrare – in altre parole, darebbero il via ad un processo che richiederà molti mesi e durante il quale le due parti saranno costrette ad evitare azioni unilaterali.

Questa valutazione si allinea con i messaggi dei rappresentanti israeliani che stanno parlando con le loro controparti a Ramallah: che Bennett è pronto per qualsiasi cooperazione che non sia diplomatica, con l’intenzione principale di fornire aiuti civili all’AP. Messaggi in questo senso sono venuti dai rappresentanti arabi nel governo, il ministro della cooperazione regionale Esawi Freige e il ministro delle finanze Hamad Amar, così come il coordinatore delle attività del governo nei territori, il magg. gen. Ghassan Alyan. ‘Stanno mandando gli arabi a parlare con gli arabi”, hanno detto cinicamente alti funzionari dell’AP. Di fronte a tutto questo, l’AP vede effettivamente il ministro della difesa Benny Gantz come l’esponente politico che può effettivamente portare avanti le cose. Inoltre, che a Gantz piaccia o no, da parte palestinese lo vedono come la persona più vicina all’amministrazione di Washington.

Dal loro punto di vista, allentare le restrizioni civili e onorare gli accordi – tra cui evitare passi unilaterali, tra cui la costruzione massiccia negli insediamenti e le mosse drammatiche nel quartiere palestinese di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est – può dare alle due parti una relativa tranquillità e principalmente una sopravvivenza continua. La tendenza in questo momento nell’AP, così come in Israele, non è quella di prendere una posizione riguardo al conflitto, ma di gestirlo – come è il metodo degli americani – ed evitare sorprese che hanno un grande potenziale di escalation, specialmente in aree dove l’AP ha un controllo quasi nullo. Gli eventi di maggio a Gerusalemme e nella Striscia di Gaza ne sono la prova”, conclude Khoury.

E così, se non un ritiro, un “riposizionamento” politico d’Israele sarebbe una via pragmatica sa seguire. A Ramallah lo sperano, e si accontentano. Confidando in Biden. Come dire, chi si accontenta…

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile