Come in Israele la 'disinformatia' cancella la mattanza di bimbi a Gaza
Top

Come in Israele la 'disinformatia' cancella la mattanza di bimbi a Gaza

Un tema scottante, che Ido David Cohen, tratta nella sua inchiesta per Haaretz, “Yishai Cohen, l'editore politico del sito di notizie ultra-ortodosso Kikar Hashabbat, che è anche un commentatore di Channel 12

Come in Israele la 'disinformatia' cancella la mattanza di bimbi a Gaza
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

29 Gennaio 2024 - 19.37


ATF

La narrazione militarizzata non solo distorce la realtà ma la fa anche scomparire. 

I bambini inesistenti

Un tema scottante, che Ido David Cohen, tratta nella sua inchiesta per Haaretz, “Yishai Cohen, l’editore politico del sito di notizie ultra-ortodosso Kikar Hashabbat, che è anche un commentatore di Channel 12, ha esperienza in questo senso. Il 28 novembre, ha twittato un breve promo per un’intervista con il tenente Col. (res.) Yaron Buskila della divisione di Gaza dell’Idf in cui Buskila ha affermato che il 7 ottobre ha visto bambini “appesi in fila su uno stendibiancheria” a Kfar Azza, che era stato invaso dai terroristi di Hamas.

La storia non era stata riportata in precedenza, e per una buona ragione. Nessun bambino era stato ucciso a Kfar Azza, come il giornalista di Haaretz Amir Tibon ha rapidamente sottolineato a Cohen.

“Ammetto che non avevo pensato di dover controllare la veridicità di una storia proveniente da un tenente colonnello”, ha risposto Cohen spiegando perché ha cancellato il tweet pochi minuti dopo averlo pubblicato. “Ho commesso un errore.”

L’intervista con Buskila, che è il direttore delle operazioni presso l’organizzazione no profit dell’Israel Defense and Security Forum, che è identificata con l’ala destra, era stata offerta a Cohen dal portavoce dell’Idf. Un rappresentante dell’ufficio del portavoce era presente all’intervista.

A seguito della dichiarazione di Buskila sui bambini, l’ufficio del portavoce non offre più interviste o riunioni alla stampa. In una dichiarazione dell’ufficio del portavoce in risposta a una richiesta di commento, l’ufficio ha dichiarato: “E’ stata condotta  un’indagine e sono state tratte le conseguenze  necessarie”.

Una questione correlata è la ristretta gamma di opinioni presentate nelle varie tavole rotonde dei media. La maggior parte dei commentatori, tra cui un gran numero di giornalisti e persone precedentemente in posizioni di autorità che hanno affollato gli studi dallo scoppio della guerra, usa la stessa fonte, afferma Shwartz Altshuler.

“Quindi, come ci saranno più punti di vista e prospettive sulla realtà?” Lei chiede. “Ad esempio, Tamir Hayman, l’ex capo dell’intelligence militare, che è un commentatore di Channel 12 News, è membro di un team  ristretto di consiglieri del ministro della Difesa Yoav Gallant sulla guerra.

“Qual è la differenza tra lui e Jacob Bardugo?” chiede, riferendosi a uno stretto collaboratore di Netanyahu che ha lavorato alla radio. “Non credo che Hayman rappresenti Gallant, ma rappresenta l’establishment della difesa”.

Il problema, dice, non è solo chi appare in onda, ma anche chi non lo fa. Shwartz Altshuler cita rivelazioni nei media sugli avvistatori dei posti di frontiera dell’Idf e su un ufficiale dell’Unità 8200 dell’intelligence militare che aveva espresso preoccupazione per le indicazioni che Hamas stava pianificando un attacco prima del 7 ottobre. Il borsista dell’Israel Democracy Institute ha anche chiesto perché i canali non hanno colto l’occasione per presentare più commentatrici.

“A differenza degli uomini, non facevano parte della dottrina mainstream e del sistema che ha fallito. Invece, ancora una volta stanno portando le donne per parlare di psicologia e gli uomini della difesa”, dice.

Leggi anche:  Israele: i "disertori" politici e i guerrafondai dalla doppia morale

Il 4 dicembre, i giornalisti hanno emesso una lettera chiedendo ai direttori dei notiziari televisivi di cambiare il modello e di avere almeno la metà dei partecipanti al panel di donne. Ma ancora più evidente dell’assenza di donne, le voci dei cittadini arabi di Israele sono diventate una rarità nelle trasmissioni di notizie, anche per i soliti standard israeliani (a meno che il loro nome non accada a Yoseph Haddad, un sostenitore pro-Israele di alto profilo).

“La comunità araba è stata del tutto esclusa dal discorso, e quindi è stata creata l’impressione pubblica che non esista affatto in relazione a questi eventi”, afferma Kholod Idres, co-direttore del Dipartimento per una società condivisa presso l’Associazione Sikkuy per l’avanzamento delle pari opportunità senza scopo di lucro.

“L’esempio più chiaro di ciò è che gli ostaggi della comunità araba sono stati totalmente ignorati all’inizio della guerra. Per più di una settimana, ad eccezione di Army Radio, i principali media in Israele non hanno menzionato il fatto che tra le centinaia di israeliani che sono stati rapiti a Gaza, c’erano anche cittadini arabi. Su Channel 12, il primo riferimento all’argomento è arrivato solo il 20 ottobre”.

Un’entità che è emersa dalle sue solite ombre è il censore militare. Le agenzie di stampa israeliane hanno evidenziato il fatto che vari notiziari diplomatici e militari sono stati approvati dal censore, anche se non sono tenuti a prenderne nota. Uno sforzo per calmare il pubblico? Non necessariamente.

“[Mostra] quanto i media stiano circuendo il favore del pubblico e dell’establishment e vogliono essere abbracciati”, dice Gurevitz. “Stiamo trasmettendo solo ciò che fa bene al morale. Vogliamo un censore. Non stiamo aprendo la bocca”.

Ma Naor ha un’altra spiegazione: “Penso che i giornalisti vogliano trasmettere che sono in una situazione difficile, cioè “avremmo potuto dire di più”. È un occhiolino e un cenno. Dopo tutto, a nessuno piace essere censurato”.

Riempire il vuoto

Il quadro completo della guerra non viene mostrato, e i tour di Gaza che l’ufficio del portavoce dell’Idf organizza per i giornalisti non lo riempiono davvero, ma la ricerca dei media di “un’immagine di vittoria” spiega almeno alcuni dei comportamenti dei media.

“Lo vedremo sempre più fortemente nelle prossime settimane mentre la guerra inizierà a diminuire”, prevede Shwartz Altshuler. Il desiderio di ritrarre la fine della guerra come una vittoria che supera l’obiettivo dichiarato della guerra di sconfiggere completamente Hamas è principalmente finanziario, dice, non ideologico.

“I media non possono indicare al pubblico che ‘abbiamo perso’ e vendere ancora pubblicità”, dice. “Ha bisogno che il governo crei il dramma e il governo ne ha bisogno per creare la narrazione”.

I segni iniziali della tendenza sono stati visti nelle immagini emotive del ritorno degli ostaggi in Israele. “Era un reality show totale”, dice Shwartz Altshuler. “Contenuto per riempire un vuoto, senza valore di notizie ma che viola la privacy degli ostaggi che sono tornati”.

Le uscite sono state documentate anche se la privacy degli ostaggi è stata rispettata nella copertura mediatica israeliana dei video degli ostaggi rilasciati da Hamas. Assenti dalla copertura israeliana ci sono anche le immagini delle notizie dei media stranieri dei prigionieri palestinesi che Israele ha rilasciato in cambio degli ostaggi e della loro riunione con le loro famiglie.

Leggi anche:  In Israele Netanyahu dichiara guerra ai vertici militari

Un esempio più recente sono le immagini di centinaia di prigionieri palestinesi a Gaza, ammanettati e in mutande – trasmesse nonostante la valutazione (riportata da Haaretz) che solo circa il 10-15 per cento di loro erano effettivamente attivi in Hamas o identificati con l’organizzazione. (Una foto simile è stata rilasciata nella guerra di Gaza del 2014.)

Arruolare i media in tempo di guerra non è certo un concetto nuovo, ma Gurevitz ha la sensazione che questa volta sia più pronunciato di prima: “I media stanno ora riflettendo la nostra situazione traumatica e la legittimazione di agire in modo estremo a causa di essa, e riflette una sete pubblica di vendetta”, dice. “La riventa è qualcosa che ovviamente motiva gli eserciti, ma non risolve davvero i problemi. La dura retorica e il senso dell’isteria non proiettano la forza israeliana, ma piuttosto la disperazione e il desiderio di vedere immagini di resa ad ogni costo”.

Naor, che è stato vice comandante della Radio dell’esercito durante la guerra dello Yom Kippur del 1973 (e in seguito è diventato comandante, l’equivalente del direttore di stazione), pensa che anche la forma più determinata di patriottismo alla fine si esaurisca. Più di ogni altro conflitto, l’attuale guerra gli ricorda la prima guerra in Libano nel 1982. “Poi, per la prima volta, abbiamo visto il coinvolgimento della politica durante il periodo della guerra. Due settimane dopo l’inizio, c’è stata una rivolta mediatica contro l’establishment”.

Naor menziona il giornalista Dan Shilon, che ha posto una domanda alla radio dell’esercito durante le prime fasi di quella guerra: “Come possiamo uscire da questo intreccio?” Il ministro della difesa dell’epoca, Ariel Sharon, ha cercato senza successo di rimuovere Shilon dal servizio di riserva alla stazione. Quando l’Idf ha esaminato la controversia, ha concluso che Shilon non era critico nei confronti di andare in guerra.

I massacri di Sabra e Chatila da parte degli alleati falangisti cristiani di Israele sono stati commessi tre mesi dopo e gli israeliani sono scesi in piazza in quella che è stata soprannominata “la protesta dei 400.000” in quella che ora è Rabin Square a Tel Aviv. Anche questa volta, Naor mette in dubbio l’argomento secondo cui le critiche a una guerra non dovrebbero essere espresse mentre viene combattuta (“quiet, stiamo sparando”, come dice il proverbio in ebraico). Un approccio del genere, dice, non può durare a lungo.

Non puoi scontuire lo shock che gli eventi del 7 ottobre hanno causato, ma se qualcuno avesse la speranza di produrre cambiamenti positivi nella condotta dei media israeliani, è destinato a rimanere deluso. “I disastri non creano un cambiamento di realtà. Ciò richiede processi autentici”, dice Shwartz Altshuler, sottolineando che anche in mezzo agli attuali combattimenti, il governo israeliano non ha smesso di cercare di intervenire con i media per i propri fini – premendo per concessioni, ad esempio, a Channel 14, una stazione pro-Netanyahu e alle stazioni radio regionali.

Leggi anche:  Israele: il Likud accusa i manifestanti anti-Netanyahu di essere un ramo di Hamas

“Perché nessuno in televisione dice che il ministro delle comunicazioni Shlomo Karhi sta sfruttando “silenzio, stiamo sparando” per alterare il mercato televisivo?” lei chiede. Nessun processo positivo sarà possibile, dice, senza un’ampia ricerca dell’anima, che non può aspettare che la guerra sia finita.

“Da nessuna parte si tiene una discussione genuina su questioni che coinvolgono la responsabilità dei media”, dice. “La gente è impegnata a battere il petto dei politici, ma che dire di quando stavi rafforzando il paradigma che è crollato, quando stavi mangiando qualsiasi cosa ti hanno dato da mangiare? Quando torniamo alle pratiche del “giorno prima della guerra”, è davvero doloroso”.

Channel 12 ha rifiutato di fornire una risposta a questo articolo”

Un convegno inquietante

Da lanci di agenzia: Migliaia di nazionalisti religiosi sono radunati a Gerusalemme per partecipare a una conferenza per la colonizzazione ebraica di Gaza: una manifestazione a cui, secondo la radio dei coloni Canale 7, presenziano 12 ministri – fra cui i ministri del Likud Miki Zohar, Haim Katz e May Golan – e 15 dei 120 deputati. ”Gaza – ha detto uno degli oratori – far parte della Terra d’Israele. Laddove l’aratro ebraico scava il suo solco, là passa il nostro confine”. Sul podio è esposta una grande carta geografica che mostra gli insediamenti ebraici rimossi da Gaza nel 2005 da Ariel Sharon e quelli che i nazionalisti vorrebbero edificare ora.

“Mentre i soldati combattono a Gaza spalla a spalla nella più giusta delle guerre e mentre cerchiamo di trovare quanto ci unisce, c’è chi trova il tempo per un evento che spacca la società israeliana ed accresce il senso di sfiducia verso il governo”. Così il ministro del gabinetto di guerra ed ex capo di stato maggiore Gadi Eisenkot ha duramente criticato la conferenza sulla colonizzazione ebraica a Gaza, a cui hanno partecipato ieri a Gerusalemme con ministri e deputati. L’iniziativa, ha suscitato non poche polemiche. Ram Ben Barak, deputato della opposizione centrista, in un’intervista alla radio pubblica Kan, si è chiesto se non sia “ormai evidente che questo governo deve essere rimosso. Ci conduce ad un disastro, con la massima determinazione. Ed il peggio è – ha aggiunto – che Netanyahu lascia fare”. 

Un “peggio”  confermato dalla presa di posizione di “Bibi”. Il premier ha respinto le critiche del suo alleato di governo Benny Gantz circa la partecipazione di ministri e deputati del Likud ad un evento organizzato ieri per sostenere l’insediamento di ebrei a Gaza. «Anche se qualcuno ha da opinare, il Likud è un movimento democratico e nello Stato d’Israele la libertà di espressione viene garantita a tutti, anche se di destra» ha stabilito un comunicato del suo partito. «Il premier Netanyahu – ha aggiunto – ha già chiarito che le decisioni vincolanti vengono prese dal gabinetto e dal governo».

 (seconda parte, fine)

Native

Articoli correlati