Palestina, radiografia di una mattanza senza fine
Top

Palestina, radiografia di una mattanza senza fine

Si tratta di quella condotta dall’Idf (Forza di difesa israeliana, l’esercito dello Stato ebraico) contro i palestinesi. Un’inchiesta di Haaretz a firma Hagar Shefaz

Palestina, radiografia di una mattanza senza fine
Repressione in Palestina
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Settembre 2022 - 17.35


ATF

Palestina, radiografia di una mattanza. Quella condotta dall’Idf (Forza di difesa israeliana, l’esercito dello Stato ebraico) contro i palestinesi.

Radiografia di una mattanza

A documentarla è un’inchiesta di Haaretz a firma Hagar Shefaz.

“A partire da lunedì – scrive Shefaz –  81 palestinesi sono stati uccisi in Cisgiordania quest’anno, diventando così l’anno più letale dal 2015 – in cui le vittime furono 99. Settantotto degli 81 sono stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane, tre sono stati uccisi da civili israeliani e un altro, che secondo i palestinesi sarebbe stato ucciso dalle forze israeliane, nonostante le affermazioni dell’Idf secondo cui è stato probabilmente ucciso da palestinesi armati. Circa 31 dei palestinesi morti quest’anno sono stati uccisi nella regione di Jenin, dove le forze israeliane hanno condotto incursioni notturne da quando, a fine marzo, è iniziata l’ondata di attacchi terroristici da parte dei palestinesi in Israele. Diciassette dei palestinesi sono stati uccisi nella regione di Nablus, circondata da insediamenti israeliani e dove, secondo fonti della sicurezza, il potere dell’Autorità palestinese si sta indebolendo. In base ai dati dell’Idf per l’anno appena trascorso, ci sono stati 140 incidenti in cui le forze israeliane e i civili hanno sparato in Cisgiordania, rispetto ai 61 incidenti di questo tipo del 2021, il doppio rispetto al 2020. Il mese con il maggior numero di sparatorie quest’anno è stato agosto, con un totale di 28 eventi di questo tipo. Quest’anno l’Idf ha registrato anche 258 incidenti in cui sono stati lanciati ordigni esplosivi contro le forze israeliane e i civili.
Fonti militari israeliane riferiscono che l’alto numero di palestinesi uccisi deriva dall’aumento degli attacchi all’esercito quando entra in territorio palestinese per condurre arresti, operazioni di sicurezza di routine e sedare gli scontri tra palestinesi e fedeli ebrei alla Tomba di Giuseppe a Nablus. Un gruppo di recente costituzione a Nablus, chiamato Tana dei Leoni, ad esempio, è composto da centinaia di giovani di diversi gruppi palestinesi che partecipano a sparatorie contro le forze dell’Idf.

La settimana scorsa, Muhammed Sabana, 29 anni, è stato ucciso mentre registrava un video in diretta sul suo account TikTok durante un raid dell’esercito a Jenin. Migliaia di spettatori stavano guardando la sua trasmissione mentre veniva colpito e hanno immediatamente iniziato a scrivere risposte come “L’emittente è stata ferita!”. Sua madre, Umm Aleh, ha dichiarato ad Haaretz che il figlio viveva con lei. “Negli ultimi mesi volevamo farlo sposare. Io e lui eravamo buoni amici, uscivamo insieme, mangiavamo insieme”, ha raccontato. Spiega che lui era solito fotografare per TikTok gran parte di ciò che accadeva nella sua vita. “Filmava le riunioni con gli amici. Tutto, riprendeva tutto”, ha detto.
La sera in cui gli hanno sparato, ha raccontato, erano seduti insieme a casa e lui le ha detto che sarebbe uscito per vedere cosa stava succedendo. “Gli ho telefonato e gli ho detto di tornare a casa e di fare attenzione. Più tardi ho ricevuto la notizia che era stato ferito. Sono andato all’ospedale e ho scoperto che era stato ucciso. Mi manca, soprattutto di notte”. In un altro incidente, Hussein Kawarik, un palestinese malato di mente, è stato colpito dai soldati israeliani ad agosto dopo non essersi fermato a un posto di blocco. L’esercito ha trattenuto il suo corpo per una settimana senza restituirlo alla famiglia. Il 1° settembre, Samer Khaled è stato ucciso da colpi di arma da fuoco palestinesi nel campo profughi di Balata, a Nablus, durante le attività dell’Idf nell’area.
L’esercito ha recentemente indagato sulla morte di Yazan Afaneh, 27 anni, anch’egli ucciso il 1° settembre ad Al-Bireh. Secondo l’Idf, i risultati dell’indagine indicano che non sono state usate munizioni vere, ma solo proiettili di gomma. Tuttavia, l’uso di proiettili di gomma da parte dell’Idf ha ucciso diversi palestinesi nel corso degli anni. È stata aperta un’indagine anche sulla morte di Salah Sawafta, 58 anni, di Tubas, ucciso da fuoco vivo mentre tornava a casa dopo le preghiere del mattino nella moschea locale. L’Idf ha concluso che molto probabilmente Sawafta è stato colpito da militanti palestinesi e non dalle forze israeliane. Fonti militari hanno dichiarato ad Haaretz che, secondo le loro conclusioni, quando Sawafta è stato colpito, i cecchini israeliani erano nelle loro posizioni e i veicoli dell’esercito stavano già uscendo.
L’esercito ha aggiunto di essere in possesso di una fotografia aerea che mostra che le forze dell’Idf non erano più presenti al momento dell’evento, ma si è rifiutato di condividere l’immagine con Haaretz, a causa della “sicurezza delle informazioni”. I palestinesi sostengono che Sawafta è stato ucciso dal fuoco dell’Idf.

Leggi anche:  La Giordania chiede alla Ue atti concreti per fermare i 'crimini di guerra' israeliani contro i palestinesi

Uno dei tre palestinesi uccisi da civili israeliani quest’anno è Ali Harb, pugnalato a morte vicino all’insediamento di Ariel a giugno. La procura di Stato ha chiuso il caso contro il colono che lo ha accoltellato, affermando che non si poteva escludere la legittima difesa. Tre palestinesi sono stati uccisi dopo aver compiuto attacchi terroristici in Israele. Iyad Hadad, ricercatore sul campo di B’Tselem a Ramallah, ha dichiarato ad Haaretz che l’aumento del numero di morti può essere in gran parte attribuito all’incremento delle incursioni militari in tutta la Cisgiordania. “Ci sono molte più incursioni nell’Area A. Non passa giorno senza che vengano segnalate incursioni dell’esercito nelle città palestinesi”, ha dichiarato. Hadad ha aggiunto che l’esercito ha aumentato l’uso di armi da fuoco e che un numero maggiore di giovani palestinesi spara contro le forze armate quando entrano nelle loro città. L’esercito, ha detto, sta usando quelle che considera munizioni non letali, come i proiettili di gomma, anche se, come già detto, questi proiettili possono causare ferite mortali e persino la morte.
Le molteplici incursioni dell’Idf nell’Area A, soprattutto nella regione di Jenin, sono almeno in parte il prodotto della stanchezza e dell’esaurimento dell’Autorità Palestinese. Le forze di sicurezza palestinesi, che in passato eseguivano numerosi arresti nel nord della Cisgiordania, lo fanno con minore frequenza.
Il Capo di Stato Maggiore Aviv Kochavi ha recentemente dichiarato che, dalla dichiarazione dell’Operazione Breaking Dawn, circa 1500 palestinesi sono stati arrestati da Israele. “Parte dell’aumento del terrore deriva dall’impotenza delle forze di sicurezza palestinesi”, ha dichiarato.
La scorsa settimana sono stati resi noti i risultati dell’indagine dell’Idf sulla morte di Shireen Abu Akleh. L’inchiesta ha stabilito che, con alta probabilità, la ragazza è stata colpita da un soldato israeliano. Allo stesso tempo, fonti dell’Idf hanno dichiarato di non aver riscontrato alcun problema con le regole di ingaggio né alcuna irregolarità nel modo in cui sono state applicate.

Sulla scia di queste dichiarazioni, il vice portavoce del Dipartimento di Stato americano Vedant Patel ha dichiarato che gli americani “continueranno a fare pressione sui nostri partner israeliani affinché rivedano attentamente le loro politiche e pratiche sulle regole di ingaggio”. In risposta, il Primo Ministro Yair Lapid ha dichiarato: “Nessuno ci detterà le regole di ingaggio quando stiamo combattendo per le nostre vite. I nostri soldati hanno il pieno appoggio del governo e del popolo di Israele”.
Dall’ultimo round di combattimenti di Israele con Gaza, a maggio, il periodo più lungo in cui nessun palestinese è stato ucciso da Israele è stato intorno alla visita del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, a luglio. A seguito delle pressioni esercitate da Washington per calmare le tensioni in vista dell’arrivo del presidente, nessun palestinese è stato ucciso per un periodo di 18 giorni”.

Leggi anche:  L'Onu denuncia le uccisioni illegali israeliane in Cisgiordania: 528 palestinesi, 133 dei quali bambini

Fin qui l’inchiesta di Haaretz.
Un rapporto che inchioda Israele

Intervenendo al Consiglio di sicurezza dell’Onu, il coordinatore speciale per il processo di pace in Medio Oriente (Unsco), Tor Wennesland, ha illustrato il diciottesimo rapporto sull’attuazione della risoluzione 2334 (2016) del Consiglio di sicurezza, compreso il periodo tra il 23 marzo e l’11 giugno 2021. Wennesland ha ricordato che «Nella Gerusalemme est occupata, quindici famiglie palestinesi affrontano ancora l’imminente minaccia di sgombero da parte delle autorità israeliane dalle loro case a Sheikh Jarrah. L’Alta Corte ha fissato l’udienza del 2 agosto per valutare la richiesta di autorizzazione all’appello da parte di alcune famiglie. Separatamente, il tribunale distrettuale di Gerusalemme ha rinviato all’8 luglio la sua decisione su un ricorso contro un ordine di sgombero relativo a due edifici residenziali, nel quartiere Batan al Hawa di Silwan a Gerusalemme est».

Il coordinatore speciale dell’Onu ha fatto notare che «Sfortunatamente, incidenti violenti sono continuati su base giornaliera in tutto il territorio palestinese occupato» e che «Scontri sono scoppiati più volte nel villaggio di Beita vicino a Nablus, in Cisgiordania, nel contesto delle proteste contro la costruzione di un nuovo avamposto di un insediamento israeliano, Evyatar. Sebbene il 9 giugno sia stato emesso un ordine militare che designa l’avamposto una zona chiusa e ordina ai coloni di lasciare il paese, la presenza dei coloni e di una significativa presenza delle Idf è continuata e le proteste palestinesi sono continuate. L’11 giugno, le  Forze armate israeliane  hanno ucciso a colpi di arma da fuoco un palestinese di 16 anni; e il 17 giugno, un altro palestinese di 16 anni è deceduto per le ferite riportate dai colpi subiti dalle ISF la notte precedente dopo aver lanciato contro di loro un ordigno esplosivo. Dal 3 maggio, cinque palestinesi sono stati uccisi e circa 100 palestinesi sono stati feriti da proiettili veri dentro e intorno a quest’area. Il 12 giugno, le guardie di sicurezza civili israeliane hanno ucciso a colpi di arma da fuoco una donna palestinese al checkpoint di Qalandiya vicino a Gerusalemme, dopo che, secondo quanto riferito, era corsa verso di loro con in mano un coltello. Il 15 giugno, diverse migliaia di attivisti israeliani di destra, inclusi membri della Knesset, hanno marciato attraverso la Città Vecchia di Gerusalemme, con molti partecipanti che intonavano slogan razzisti contro arabi e musulmani. La marcia, inizialmente fissata per il 10 maggio, si è svolta in mezzo a una forte presenza della polizia israeliana dopo essere stata deviata dalle autorità israeliane dalla sua traiettoria pianificata in tutto il quartiere musulmano della Città Vecchia. Nelle proteste e negli scontri avvenuti nel contesto della marcia, a Gerusalemme est e in altre parti della Cisgiordania, 66 palestinesi, tra cui 12 bambini, sono stati feriti da proiettili di gomma, granate sonore e aggressioni fisiche. Lo stesso giorno sono state organizzate manifestazioni in tutta la Striscia di Gaza da parte delle forze nazionali e islamiche, sono scoppiate proteste alla recinzione e militanti a Gaza hanno lanciato palloni incendiari verso Israele, appiccando dozzine di incendi. In risposta a questi palloni incendiari, dal 16 al 17 giugno, le forze di difesa israeliane (IDF) hanno preso di mira cinque strutture di Hamas nella Striscia, causando danni ma nessun ferito. Il 16 giugno, una donna palestinese è stata uccisa dalle Idf al checkpoint di Hizma, vicino a Gerusalemme, dopo aver tentato di sferrare un attacco di speronamento e accoltellamento contro i soldati israeliani. Tra il 19 e il 23 giugno, sono continuati gli scontri tra civili israeliani e residenti palestinesi a Sheikh Jarrah. Il 23 giugno, l’attivista palestinese e candidato parlamentare Nizar Banat è stato dichiarato morto, poche ore dopo essere stato arrestato dalle forze di sicurezza palestinesi (Psf) in una casa a Hebron. Secondo la famiglia della vittima, Psf ha picchiato aggressivamente e aggredito fisicamente la vittima durante l’arresto».

Leggi anche:  L'Armenia riconosce lo Stato di Palestina

Wennesland è poi passato a illustrare le continue violazioni della risoluzione 2334 e si è detto «Profondamente turbato dalla continua espansione degli insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme est. In particolare, sono preoccupato per l’approvazione di un piano per espandere l’insediamento di Har Homa a Gerusalemme est. Se attuato, questo piano consoliderebbe ulteriormente il continuum di insediamenti illegali che separa Gerusalemme Est da Betlemme e da altre comunità palestinesi nella parte meridionale della Cisgiordania. Sono anche preoccupato dalla continua creazione di avamposti di insediamento, illegali anche secondo la legge israeliana. Come abbiamo visto, la recente costituzione di Evyatar ha già portato a proteste e scontri con esiti tragici. Sottolineo ancora, senza mezzi termini, che gli insediamenti israeliani costituiscono una flagrante violazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite e del diritto internazionale. Sono uno dei principali ostacoli al raggiungimento di una soluzione dei due Stati e di una pace giusta, duratura e globale. L’avanzamento di ogni attività liquidativa deve cessare immediatamente. Anche la continua demolizione e il sequestro di strutture palestinesi, compresi progetti umanitari e scuole, è profondamente preoccupante. Invito le autorità israeliane a porre fine alla demolizione delle proprietà palestinesi e allo sfollamento dei palestinesi e ad approvare piani che permettano a queste comunità di costruire legalmente e di rispondere alle loro esigenze di sviluppo».

Il periodo preso in esame dal rapporto presentato al Consiglio di sicurezza dell’Onu “Ha visto un allarmante aumento del livello di violenza tra israeliani e palestinesi, comprese le ostilità tra Israele e fazioni a Gaza, di una portata e di un’intensità mai viste da anni”, ha rimarcato Wennesland.

Infine il coordinatore speciale dell’Onu ha affrontato due temi spesso ignorati dai media e dai governi occidentali: «Sono sgomento che i bambini continuino a essere vittime di violenza. I bambini dovrebbero ricevere una protezione speciale dalla violenza, non essere mai bersaglio di violenza o essere messi in pericolo, o incoraggiati a commettere o partecipare ad atti di incitamento e violenza. Sono anche profondamente preoccupato per la maggiore intensità della violenza legata ai coloni e per i violenti attacchi tra civili israeliani e palestinesi nella Cisgiordania occupata. Esorto Israele a garantire la sicurezza e la protezione della popolazione palestinese, in linea con le sue responsabilità ai sensi del diritto internazionale”. 

Nel 2022, come documentato dall’inchiesta di Haaretz, la situazione è ulteriormente peggiorata. La mattanza di palestinesi continua. Nel silenzio complice della comunità internazionale. E nel disinteresse omertoso della stampa mainstream di casa nostra. 

Native

Articoli correlati