Israele nella black list con Iran e Corea del Nord: triste fine per la 'sola democrazia in Medio Oriente'
Top

Israele nella black list con Iran e Corea del Nord: triste fine per la 'sola democrazia in Medio Oriente'

Su ordine del Presidente degli Stati Uniti, alcuni cittadini di questi Paesi hanno subito il congelamento dei loro beni e il divieto di entrare nel suo Paese.  Come Iran e Corea del Nord

Israele nella black list con Iran e Corea del Nord: triste fine per la 'sola democrazia in Medio Oriente'
Coloni israeliani
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

4 Febbraio 2024 - 15.11


ATF

L’”unica democrazia del Medio Oriente”, o sedicente tale, che finisce nella black list americana con Iran e Corea del Nord!

La lista della vergogna

A darne conto è un editoriale di Haaretz: “ Una settimana dopo che Israele è stato incluso nel losco club dei Paesi accusati di aver commesso un genocidio, è stato aggiunto anche a un’altra lista di Paesi che include Iran e Corea del Nord. Su ordine del Presidente degli Stati Uniti, alcuni cittadini di questi Paesi hanno subito il congelamento dei loro beni e il divieto di entrare nel suo Paese. 

Formalmente l’ordine esecutivo è stato emesso contro quattro coloni estremisti, ma le note esplicative che lo accompagnano sono rivolte direttamente ai vertici di Israele. L’amministrazione statunitense afferma per la prima volta, e pubblicamente, che la violenza dei coloni estremisti minaccia nella sua eccessiva natura la stabilità dell’intero Medio Oriente, danneggiando così la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti.

Ci si sarebbe aspettati che il Primo Ministro si rapportasse a questa insolita mossa presidenziale con la dovuta gravità, assicurando senza indugio l’adozione di misure risolute per fermare la violenza dei coloni contro i palestinesi indifesi. Ma Benjamin Netanyahu, come è sua abitudine, preferisce mentire e mettere in dubbio le fonti di informazione del Presidente degli Stati Uniti. “Israele agisce contro i trasgressori della legge in tutte le sedi”, ha dichiarato il suo ufficio, “quindi non sono necessarie misure eccezionali in questa materia”.

Dal disastro del 7 ottobre, si sono verificati infiniti episodi di violenza da parte di coloni armati che attaccano contadini e pastori palestinesi. I residenti di 16 comunità hanno abbandonato le loro case per paura degli attacchi dei coloni. 

In alcuni casi isolati, le Forze di Difesa Israeliane hanno espulso gli assalitori dal servizio di riserva militare, confiscando loro le armi. Gli attivisti per i diritti umani intervenuti per proteggere i contadini palestinesi dalle milizie dei coloni hanno testimoniato che la polizia e l’esercito chiudevano un occhio sulle molestie ai palestinesi. I diversi livelli delle forze dell’ordine si sottraggono all’obbligo di proteggere una popolazione occupata, violando così il diritto internazionale.

L’ordine esecutivo intendeva ricordare al governo israeliano che la dèbacle del 7 ottobre non ha cambiato l’atteggiamento della comunità internazionale nei confronti dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi. Questa mossa va vista come un preambolo per un’udienza che si terrà il 19 febbraio all’Aia. 

Nel dicembre 2022, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione a favore della richiesta di un parere consultivo alla Corte Internazionale di Giustizia. In particolare, un parere sulle implicazioni legali derivanti dalla continua negazione da parte di Israele del diritto all’autodeterminazione dei palestinesi, dall’occupazione in corso, dalla creazione di insediamenti e dall’annessione di terre. Si chiede inoltre alla Corte di occuparsi dello status giuridico di questi territori occupati e delle possibili implicazioni per gli Stati del mondo e per le Nazioni Unite.

Ottantasette Paesi hanno sostenuto questa risoluzione e 53 si sono astenuti. Gli Stati Uniti erano tra i 26 Paesi che si sono opposti. L’ordine esecutivo indica che Biden, che è al fianco di Israele nei momenti difficili e che gli fornisce una grande quantità di carote, sa come usare il bastone quando è necessario, a beneficio del futuro di Israele”.

Leggi anche:  "Riconoscere la Palestina peggiora la situazione": non lo dice Netanyahu, ma Antonio Tajani

Alle radici di una svolta

Di grande interesse è il report di Ben Samuels, corrispondente di Haaretz a Washington: “La decisione dell’amministrazione Biden di sanzionare quattro coloni della Cisgiordania implicati in violenze contro i palestinesi è un passo drammatico, un caso senza precedenti di governo americano che prende di mira gli israeliani.

Lo shock per la decisione può oscurare quanto l’ordine esecutivo del Presidente Joe Biden possa essere un vero e proprio cambiamento di rotta. Ha il potenziale per avere un impatto irreversibile sull’attività di insediamento di Israele e sul suo accesso alle istituzioni finanziarie statunitensi, sulla sua raccolta di fondi, sulle relazioni tra i due Paesi e molto altro ancora.

Biden ha considerato i ‘livelli intollerabili’ di violenza in Cisgiordania  come un’emergenza nazionale, istituendo un nuovo regime di sanzioni e definendo formalmente i coloni estremisti come direttamente minacciosi degli obiettivi e delle iniziative politiche dichiarate dagli Stati Uniti. Egli ha descritto lo status quo come “una seria minaccia alla pace, alla sicurezza e alla stabilità della Cisgiordania e di Gaza, di Israele e della più ampia regione del Medio Oriente”. La dichiarazione è stata una rara ammissione da parte del governo statunitense – per non parlare del Presidente stesso – che le azioni israeliane stanno provocando tensioni esterne al conflitto israelo-palestinese.

L’ordine è allo stesso tempo ampio e mirato, e Biden si è sostanzialmente dato la possibilità di sanzionare chiunque la sua amministrazione ritenga una minaccia per la pace, la stabilità e la sicurezza della Cisgiordania. “Questo ordine esecutivo consentirà agli Stati Uniti di emettere sanzioni finanziarie contro coloro che dirigono o partecipano a determinate azioni, tra cui atti o minacce di violenza contro i civili, intimidazioni ai civili per indurli a lasciare le loro case, distruzione o sequestro di proprietà o attività terroristiche in Cisgiordania”, ha dichiarato il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan dopo l’annuncio dell’ordine.

Allison McManus, direttore generale del team di sicurezza nazionale e politica internazionale del Center for American Progress, afferma che l’ordine “segna una nuova audacia nel chiedere conto ai coloni e ai politici israeliani”. Concede ai funzionari un ampio margine di manovra per sanzionare chiunque faciliti la violenza o l’espansione degli insediamenti, il che significa che non è destinato solo ai coloni ma anche ai politici israeliani che promuovono l’espansione degli insediamenti”.

“Le sanzioni arrivano a pochi giorni dalla partecipazione dei ministri del gabinetto israeliano a una conferenza che promuoveva il reinsediamento nella Striscia di Gazaa  e in un contesto di crescente violenza in Cisgiordania dal 7 ottobre. Esse inviano un messaggio forte al governo israeliano: continuare a tollerare i piani di espansione degli insediamenti illegali danneggerà le relazioni con gli Stati Uniti”, aggiunge.

Intimidazione, non solo violenza

Gli obiettivi dell’ordine includono, ma non solo, chiunque abbia perpetrato o diretto atti di violenza contro civili palestinesi, abbia usato tattiche di intimidazione per sfollare i palestinesi o abbia distrutto o sequestrato proprietà palestinesi.

“Mentre l’amministrazione lo sta usando come un bisturi, il regime di sanzioni ha la capacità di sanzionare i leader di enti governativi e non governativi e i privati cittadini che l’amministrazione ritiene minaccino la pace, la stabilità e la sicurezza della Cisgiordania”, afferma Joel Braunold, direttore generale del S. Daniel Abraham Center for Middle East Peace.

Leggi anche:  Israele scatenata a Gaza: altra notte di bombardamenti e uccisioni

L’ordine getta un’ampia rete, autorizzando il governo ad agire contro entità che non si impegnano esplicitamente nella violenza, ma che violano l’ampia definizione di azioni estremiste. In particolare, cita specificamente gli individui che commettono ‘atti di terrorismo’ contro i civili palestinesi, mettendo di fatto la violenza dei coloni sullo stesso piano della violenza perpetrata dai palestinesi contro i civili israeliani.

“Non c’è alcuna giustificazione per la violenza estremista contro i civili, indipendentemente dalla loro origine nazionale, etnia o religione”, ha dichiarato il Segretario di Stato americano Antony Blinken. “Israele deve fare di più per fermare la violenza contro i civili in Cisgiordania e chiamare a rispondere i responsabili”.

Le sanzioni sono relativamente semplici per coloro che sono stati inseriti nell’elenco dell’Office of Foreign Assets Control (Ufficio per il Controllo dei Beni Stranieri) dei cittadini specialmente designati e delle persone bloccate. Bloccano le persone designate dall’accesso al sistema finanziario statunitense, congelano i beni o le proprietà che possiedono e vietano loro di entrare negli Stati Uniti.

Braunold osserva, tuttavia, che l’ordine “va oltre la violenza e parla di intimidire i civili per indurli a lasciare le loro case, distruggendo o sequestrando proprietà”. Avrà un effetto agghiacciante sulle donazioni dei fondi consigliati dai donatori alle entità della Cisgiordania per garantire la conformità”.

La sezione 6 dell’ordine riguarda le donazioni a entità associate alle sanzioni, rendendo la questione direttamente rilevante per gli individui, i gruppi e le fondazioni americane finanziariamente legate all’impresa di insediamento. Gli enti di beneficenza statunitensi esenti da imposte hanno da tempo finanziato e sostenuto direttamente le organizzazioni israeliane coinvolte nell’espansione degli insediamenti, comprese quelle che potrebbero essere coinvolte nella violazione dell’ordine.

Il rabbino Jill Jacobs, amministratore delegato dell’organizzazione T’ruah: T’ruah: The Rabbinic Call for Human Rights, afferma: “Per anni, T’ruah ha chiesto all’Irs di indagare sulle fondazioni statunitensi che sostengono le organizzazioni dei coloni israeliani impegnate nel terrore e nell’incitamento, oltre a chiedere alle fondazioni comunitarie ebraiche di cessare il sostegno a questi gruppi”. Ha definito l’ordine “un passo cruciale per garantire che i finanziamenti statunitensi non sostengano la violenza dei coloni o minino l’impegno degli Stati Uniti per una soluzione a due Stati”.

Le implicazioni si estendono anche alle banche israeliane – che hanno filiali negli Stati Uniti e utilizzano il sistema bancario internazionale Swift – e alle banche statunitensi che rischiano di violare le istruzioni di conformità del governo. Il Financial Crimes Enforcement Network del Dipartimento del Tesoro ha distribuito le cosiddette bandiere rosse selezionate “per aiutare le istituzioni finanziarie a identificare e segnalare attività sospette che finanziano” la violenza dei coloni.

Le istruzioni facevano riferimento a “pagamenti a qualsiasi organizzazione o gruppo, comprese le organizzazioni no-profit che sono o sono state precedentemente collegate a gruppi estremisti violenti in Cisgiordania o elenca un funzionario, fondatore o direttore che è attualmente o è stato precedentemente collegato a gruppi estremisti violenti israeliani in Cisgiordania”.

Inoltre, segnala “le informazioni incluse in una transazione tra clienti, come i riferimenti nel campo memo, che indicano il sostegno a gruppi o campagne estremiste violente israeliane”.

L’organo di controllo prosegue mettendo in guardia da “transazioni senza un apparente scopo economico, commerciale o legale, associate a un rapido movimento di fondi e collegate a [organizzazioni non profit] attive nel sostegno a coloni israeliani estremisti violenti in Cisgiordania, in particolare se l’organizzazione non profit ha sostenuto o sollecitato donazioni sui social media a sostegno di gruppi o campagne estremiste violente israeliane”.

Leggi anche:  Gli esperti Onu avvertono i produttori di armi dei rischi legali nel rifornire Israele accusata di crimini di guerra

Infine, si parla di “acquisti di equipaggiamento militare tattico da rivendere all’estero e destinato a utenti finali israeliani non governativi in Cisgiordania, in particolare se gli utenti finali sono attualmente o sono stati precedentemente collegati a gruppi estremisti violenti israeliani in Cisgiordania”. Significativamente, l’ordine esecutivo apre la strada a potenziali sanzioni contro i leader israeliani o le entità governative coinvolte nelle categorie sopra menzionate.

I ministri di estrema destra Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich si sono già guadagnati le ire dell’amministrazione Biden per la loro ripetuta retorica incendiaria sui palestinesi in Cisgiordania e l’espulsione di massa a Gaza. Non sono stati inclusi nella prima serie di sanzioni di Biden, la cui prima salva ha preso di mira quattro individui non americani che rientrano in tre categorie distinte dell’ordine esecutivo. Sebbene un alto funzionario statunitense abbia negato con forza che al momento siano state prese in considerazione sanzioni per i ministri del Gabinetto, l’ordine pone le basi per imporle qualora l’amministrazione decidesse di farlo.

“Al momento non è previsto di colpire con sanzioni funzionari del governo israeliano. Si tratta di una prima serie di designazioni. Non ho intenzione di anticipare se ce ne saranno altre o meno, ma si tratta di un nuovo strumento che valuteremo di utilizzare in modo appropriato”, ha dichiarato il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti John Kirby, i cui commenti non hanno escluso la possibilità di sanzioni future contro funzionari israeliani.

Chi è scettico sia sull’ordine in sé che sulle motivazioni che lo hanno ispirato, invece, ritiene che alla fine si tratti di un servizio a parole e di una prova che la politica interna sta influenzando eccessivamente la politica degli Stati Uniti.

“L’amministrazione Biden sta facendo gli straordinari per segnalare agli elettori democratici che sta ascoltando le loro critiche dopo aver dato a Israele un sostegno significativo nei primi mesi di guerra. Il fattore cruciale è la tempistica, poiché l’America è appena entrata in una stagione politica”, afferma Jonathan Schanzer, vicepresidente senior per la ricerca presso il think tank Foundation for Defense of Democracies.

Come altri esempi dei presunti sforzi di messaggistica dell’amministrazione Biden, Schanzer collega l’ordine alle richieste di piani postbellici per Gaza, alla rivitalizzazione dell’Autorità Palestinese, alla rinnovata attenzione per la soluzione dei due Stati e alle voci di sospensione delle spedizioni di armi a Israele.

“Così come le mezze misure prese in risposta all’aggressione iraniana, del resto, perché nuovi conflitti in Medio Oriente non sono voluti da una percentuale significativa di elettori democratici”, aggiunge. “La politica estera e di sicurezza nazionale israeliana è ora fortemente influenzata dalla politica interna. La politica estera e di difesa americana è limitata per lo stesso motivo. Non è probabile che questa sia una dinamica positiva né a breve né a lungo termine”.

I funzionari statunitensi sono chiaramente convinti che le minacce finanziarie e le potenziali sanzioni agiranno come deterrente sufficiente prima di dover emettere ulteriori sanzioni. La questione è se la prospettiva di sanzioni incombenti aiuterà effettivamente a frenare la violenza dei coloni e se gli Stati Uniti brandiranno la loro nuova arma con tutta la loro forza, qualora lo ritenessero necessario”.

Native

Articoli correlati