Così Israele ha ucciso e ferito giornalisti che si trovavano in Libano: la Reuters accusa
Top

Così Israele ha ucciso e ferito giornalisti che si trovavano in Libano: la Reuters accusa

I proiettili dei carri armati israeliani sparati in rapida successione hanno ucciso un giornalista della Reuters e ferito altri sei perone mentre stavano filmando in Libano il 13 ottobre

Così Israele ha ucciso e ferito giornalisti che si trovavano in Libano: la Reuters accusa
Proteste per l'uccisione di Issam Abdallah giornalista libanese colpito da un carro armato israeliano
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Dicembre 2023 - 16.44


ATF

Ora ci sono le prove: i proiettili dei carri armati israeliani sparati in rapida successione hanno ucciso un giornalista della Reuters e ferito altri sei perone mentre stavano filmando in Libano il 13 ottobre: così hanno scoperto i responsabili dell’agenzia di stampa dopo una indagine indipendente.

Gruppi per i diritti umani hanno chiesto un’indagine sui crimini di guerra sugli attacchi, dopo aver condotto altre indagini indipendenti e aver raggiunto la stessa conclusione.

Issam Abdallah, un videogiornalista di 37 anni, è stato ucciso sul colpo da una prima bomba, hanno accertato i rapporti pubblicati giovedì. È rimasta gravemente ferita anche la fotografa dell’AFP Christina Assi, 28 anni, a cui è stata amputata una gamba ed è ancora ricoverata in ospedale.


Il giornalista televisivo della Reuters Issam Abdallah è stato ucciso sul colpo da un proiettile lanciato da un carro armato israeliano, hanno scoperto le indagini.

Una seconda arma che ha sparato meno di un minuto dopo ha ferito altri membri del gruppo, che viaggiavano e lavoravano insieme, e ha distrutto un veicolo utilizzato dai giornalisti di Al Jazeera.

Leggi anche:  Israele e la resistenza antifascista

Le prove presentate nei rapporti includevano analisi di esperti di frammenti di munizioni, immagini satellitari, resoconti dei sopravvissuti e registrazioni video girate dal gruppo e da altri giornalisti prima e durante l’attacco.

“Le prove che abbiamo ora, e che abbiamo pubblicato oggi, mostrano che un carro armato israeliano ha ucciso il nostro collega Issam Abdallah”, ha detto il caporedattore della Reuters Alessandra Galloni. “Condanniamo l’uccisione di Issam. Chiediamo a Israele di spiegare come ciò sia potuto accadere e di ritenere responsabili i responsabili della sua morte e del ferimento di Christina Assi dell’AFP, dei nostri colleghi Thaier Al-Sudani e Maher Nazeh e degli altri tre giornalisti”.

Native

Articoli correlati