Libano, il futuro Vietnam israeliano
Top

Libano, il futuro Vietnam israeliano

La trappola di Gaza, i rischi del Libano. La seconda parte del nostro “viaggio” nell’Israele divisa tra politica e guerra,  è centrata sul fronte Nord, quello potenzialmente più esplosivo

Libano, il futuro Vietnam israeliano
Israele bombarda un villaggio nel sud del LIbano
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

16 Giugno 2024 - 18.42


ATF

La trappola di Gaza, i rischi del Libano. La seconda parte del nostro “viaggio” nell’Israele divisa tra politica e guerra,  è centrata sul fronte Nord, quello potenzialmente più esplosivo perché, ancor più che nella guerra di Gaza, chiama direttamente in causa l’Iran, il grande sostenitore di Hezbollah. 

Rischio Libano

Rimarca in proposito Amos Harel: “Rafah non è l’unico fronte che preoccupa fortemente Israele. Le forti tensioni al confine libanese sono continuate dopo l’uccisione del comandante dell’Unità Nasser di Hezbollah, Taleb Abdullah, avvenuta martedì scorso.

Negli ultimi giorni, Hezbollah ha lanciato centinaia di razzi e decine di droni d’attacco contro la Galilea, il Golan e il Mar di Galilea. Il governo e l’Idf stanno operando sotto un’intensa pressione da parte dei media e dei residenti del nord per fermare gli attacchi di Hezbollah, che hanno causato l’evacuazione di 60.000 israeliani dalle loro case e devastato le comunità di confine.

Sulla base delle dichiarazioni del Ministro della Difesa Yoav Gallant e degli alti ufficiali dell’Idf, sembra che essi siano favorevoli a intensificare gli attacchi. La questione è se queste misure saranno necessariamente un deterrente per Hassan Nasrallah e porranno fine all’escalation o se avranno il risultato opposto, fino a sfociare in una guerra totale.

Ad oggi, non ci sono prove che la politica di uccisioni estese possa frenare Hezbollah. Al contrario, i leader dell’organizzazione sciita dichiarano che non si ritireranno e intendono continuare gli attacchi finché continuerà l’operazione israeliana a Gaza.

È possibile che alla fine Israele non abbia altra scelta che una guerra nel nord. Ma coloro che la predicano dovrebbero tenere conto dei danni ingenti che si prevedono per il fronte interno israeliano (compreso il centro del Paese) a causa delle decine di migliaia di razzi e missili di Hezbollah e della difficoltà dell’Idf di schierare le proprie forze su due fronti.

Alcune valutazioni, secondo cui l’Idf supererà abbastanza facilmente Hezbollah nel sud del Libano, sembrano avulse dalla realtà e si basano su una falsa lettura della forza militare israeliana.

Sullo sfondo, gli americani e i francesi continuano a cercare di ottenere un cessate il fuoco prima che scoppi una guerra totale. Venerdì Gallant, inaspettatamente, ha scelto di denigrare la Francia e di accusarla di azioni antisraeliane.

Ma la difficoltà principale è che tocca le relazioni con gli Stati Uniti: L’amministrazione di Washington non nasconde le sue riserve su un attacco al Libano iniziato da Israele, che dipende molto dagli americani per quanto riguarda le forniture di munizioni all’Idf”.

L’implosione del Paese dei cedri

Ne scrive, sempre su Haaretz, Zvi Bar’el. Un’analisi a tutto campo che allarma.

Scrive bar’el:“La guerra deve finire con una vittoria militare totale su Hezbollah”, ha detto il mese scorso il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, condividendo il suo pensiero strategico. “Dobbiamo dargli un ultimatum pubblico – smettere di sparare completamente e ritirare tutte le forze oltre il fiume Litani – e se non si adegua completamente, l’Idf deve lanciare un’offensiva in profondità nel Libano per proteggere le comunità settentrionali, compresa un’operazione di terra e una presa di controllo militare israeliana del Libano meridionale”.

Non si tratta di un’opinione minoritaria. La sensazione che ora sia necessario un colpo decisivo per distruggere Hezbollah “una volta per tutte” e, se necessario, anche le infrastrutture libanesi, per consentire ai residenti della Galilea di tornare alle loro case, sta emergendo sempre più come unica e inevitabile strategia.

Basta ascoltare i relatori che hanno affollato gli studi televisivi dopo l’assassinio di Taleb Abdullah, “il più alto comandante di Hezbollah” ucciso fino ad oggi, per capire come e dove nasce una simile strategia. Alcuni proponevano un’azione rapida e feroce che sarebbe durata circa tre settimane, invece del rodaggio che ha caratterizzato l’escalation del conflitto fino ad oggi. Altri hanno capito che un solo colpo non sarebbe bastato e, come Smotrich, hanno detto che Israele sarebbe stato costretto a mantenere una “zona di sicurezza” nel sud del Libano per un bel po’ di tempo. E il Magg. Gen. (ris.) Giora Eiland, padre della dottrina della fame e della distruzione totale nella Striscia di Gaza, ha contribuito con la nuova idea che ha sostenuto in passato riguardo ad Hamas. Certo, ha respinto l’idea che Israele possa sconfiggere Hezbollah, affermando che anche se subisse un duro colpo, si riprenderebbe presto.

Leggi anche:  Smotrich chiede a Netanyahu di annettere la Cisgiordania se l'Aia dichiarerà illegali le colonie israeliane

Tuttavia, ha aggiunto, il segretario generale di Hezbollah Hassan Nasrallah “teme molto una guerra che porterebbe la distruzione sul Libano, perché ha costruito il suo status di patriota libanese e di leader del partito che si preoccupa non solo della comunità sciita, ma di tutti i libanesi. Se e quando le infrastrutture energetiche, di trasporto e di comunicazione del Libano saranno distrutte e il centro di Beirut assomiglierà al centro di Gaza City, allora Nasrallah capirà che è preferibile porre fine alla guerra. Da un punto di vista militare, questi sono obiettivi facili da raggiungere e non richiedono una complessa manovra di terra”.

Sarebbe interessante sapere di quali infrastrutture sta parlando. Le infrastrutture di trasporto del Libano sono già distrutte. L’energia elettrica è fornita da migliaia di generatori privati, dato che la compagnia elettrica nazionale è di fatto in bancarotta. Beirut ha già subito una massiccia esplosione del suo porto, e la distruzione massiccia delle case porterebbe semplicemente centinaia di migliaia di libanesi a emigrare o a fuggire sulle montagne.

In breve, il Libano è già ufficialmente sull’orlo della bancarotta. Non sembra che ci siano più danni economici da fare, tanto meno danni che possano far riconsiderare a Hezbollah le sue decisioni.

Ma è affascinante osservare come vecchie strategie ammuffite vengano ringiovanite. Anche la dottrina di Eiland non è originale. Cose simili sono state dette da Dan Halutz, capo di stato maggiore delle Forze di Difesa Israeliane durante la Seconda Guerra del Libano del 2006. Ma allora si scontrò con il muro del Primo ministro Ehud Olmert, che si oppose con veemenza a dichiarare guerra a tutto il Libano piuttosto che solo a Hezbollah.

In un articolo intitolato “In Retrospect: The Second Lebanon War”, pubblicato nel marzo 2014 sul sito dell’Institute for National Security Studies, Olmert ha scritto quanto segue:

“Uno degli elementi più importanti che devono essere compresi – e lo dico non solo in retrospettiva sulla Seconda guerra del Libano, ma anche per invitare a pensare a ciò che alcuni vogliono vedere accadere in futuro – è che Israele è un Paese forte con un potere enorme. Abbiamo strumenti che pochi Stati hanno. Abbiamo capacità che pochi Paesi al mondo hanno. Tuttavia, non possiamo agire se non stabiliamo anche un’ampia base di legittimità internazionale. Chiunque pensi che possiamo agire senza legittimità internazionale ha una percezione errata della realtà e della comprensione dello status, della posizione e delle relazioni di Israele…”.

“Cosa sarebbe successo se avessimo attaccato le infrastrutture libanesi in un momento in cui il mondo occidentale, in primo luogo gli Stati Uniti e l’Europa, credevano che ci fosse la possibilità di cooperare con il governo Siniora-Hariri in modo da cambiare la situazione, dimostrando una vera preoccupazione per il paese e per il suo futuro? È molto probabile che la guerra sarebbe finita entro quarantotto ore e che Hezbollah avrebbe continuato a lanciare missili, a molestare il confine settentrionale e a sconvolgere lo stile di vita dell’intera popolazione del nord di Israele”.

Ciò che Olmert scrisse allora è ancora più vero oggi. La guerra a Gaza ha già dimostrato che un grave crollo della legittimità internazionale di Israele impone mosse militari e cambiamenti di strategia. E questo anche quando c’è un ampio accordo internazionale, anche tra gli Stati arabi, sul fatto che Hamas è un’organizzazione terroristica le cui capacità militari a Gaza dovrebbero essere distrutte.

Leggi anche:  Netanyahu, Gallant, Smotrich, Be-Gvir, io vi avverto....": parla Ehud Olmert

l Libano e Hezbollah si trovano in una situazione completamente diversa. Oggi, persino Israele non chiede più il disarmo di Hezbollah, ma solo il suo allontanamento dal confine israeliano. Inoltre, a differenza di Gaza, il Libano è un Paese sovrano. Certo, non controlla tutto il suo territorio ed è gestito da un governo provvisorio, ma gode di legittimità internazionale e il suo esercito riceve aiuti americani nonostante prenda ordini da un governo di cui Hezbollah è membro.

Il governo libanese non ha bisogno di essere convinto con pressioni militari ad accettare un cessate il fuoco. La sua politica dichiarata è quella di non farsi trascinare in una guerra totale, di raggiungere un accordo con Israele e di delimitare un confine definitivo tra i due Paesi e di attuare la Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ha posto fine alla Seconda Guerra del Libano.

A Israele e al Libano sono state presentate due proposte diplomatiche, una francese e una americana. Entrambe prevedono un’attuazione graduale che potrebbe produrre un accordo di cessate il fuoco a lungo termine e neutralizzare almeno alcuni dei pretesti per il conflitto tra Israele e Hezbollah.

Tra le altre cose, prevedono il ritiro delle forze di Hezbollah a 10 o 15 chilometri dal confine israeliano e un maggiore dispiegamento di forze di pace Unifil e di truppe dell’esercito libanese lungo il confine. Hezbollah non solo conosce queste proposte, ma le ha addirittura approvate in linea di principio.

L’ostacolo principale, che al momento sembra insormontabile, è il legame che Hezbollah ha creato tra il cessate il fuoco in Libano e la fine della guerra a Gaza. In altre parole, finché Israele non cesserà il fuoco a Gaza, Hezbollah non cesserà il proprio. Hezbollah ha anche detto che finché la guerra a Gaza continuerà, non sarà disposto nemmeno a prendere in considerazione le proposte. Ma questo non ha impedito al suo rappresentante in parlamento – Mohammed Raad, il cui figlio Abbas è stato ucciso in un bombardamento israeliano a novembre – di tenere colloqui diretti con Jean-Yves le Drian, inviato speciale del presidente francese Emmanuel Macron, su un piano per la nomina di un nuovo presidente libanese e, lungo il percorso, anche sulla proposta di cessate il fuoco della Francia.

Oltre a tutte le discussioni e le proposte di cessate il fuoco, una lunga lista di Paesi, guidati da America e Francia insieme a Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, è impegnata da mesi nel tentativo di far uscire il Libano dalla sua crisi politica e di assicurare la nomina di un nuovo presidente dopo due anni in cui il Paese ne è rimasto privo.

Questo è un punto critico, perché solo il presidente può nominare un nuovo primo ministro per sostituire il premier ad interim – qualcuno che possa portare avanti le riforme economiche vitali, senza le quali il Libano non può ottenere i miliardi di dollari di cui ha bisogno per riabilitare la sua economia.

A differenza della guerra con Hamas, un’offensiva totale contro il Libano sarebbe vista dai Paesi arabi, compresi quelli che hanno firmato accordi di pace con Israele, come un attacco a uno Stato fratello, con tutte le minacciose conseguenze diplomatiche che ciò comporta. E per l’Occidente costituirebbe un attacco a un Paese che viene ancora definito filoccidentale, o almeno da salvare.

Ci si potrebbe chiedere su quali basi i sostenitori della guerra con il Libano credano che una forza militare devastante possa costringere il governo a imporre un cessate il fuoco a Hezbollah o, in alternativa, a far sì che Hezbollah deponga le armi e invii una lettera di scuse ai libanesi. Per cominciare, il governo libanese non ha alcuna capacità di prendere decisioni cruciali a causa delle lotte di potere interne tra le sue principali forze politiche. Queste sono in gran parte divise tra il blocco dei sostenitori di Hezbollah – tra cui il partito sciita Amal guidato da Nabih Berri, il potente speaker del Parlamento che sta conducendo i colloqui con gli americani e i francesi per conto di Hezbollah – e i partiti cristiani. Questi ultimi includono il partito Forze Libanesi guidato da Samir Geagea, il partito Falange (noto anche come Kataeb) guidato da Samy Gemayal e il Movimento Patriottico Libero guidato da Gebran Bassil, che era un alleato di Hezbollah ma è diventato un rivale a causa della loro disputa su chi debba essere il prossimo presidente.

Leggi anche:  Gaza, nuova strage di civili palestinesi durante i raid di Israele: 16 morti e decine di feriti

Il principale partito druso, il Partito Socialista Progressista – guidato fino al giugno 2023 dal carismatico Walid Jumblatt, un feroce oppositore di Nasrallah – sta ora cercando di promuovere un nuovo piano per la nomina di un presidente a cui Hezbollah darebbe il suo consenso. Ma per ora, le modalità e il ritmo dei colloqui per la nomina del presidente potrebbero indurre un osservatore a pensare che in Libano non ci sia una guerra, che decine di migliaia di libanesi non siano stati sfollati dalle loro case, che migliaia di dunams di frutteti e campi non siano stati abbandonati e che le esplosioni non si sentano a nord del fiume Litani.

Un attacco israeliano su larga scala a Beirut, la distruzione di edifici pubblici e i terribili danni alle infrastrutture civili provocherebbero una rivoluzione politica che porterebbe Hezbollah ad alzare le mani e ad accettare il cessate il fuoco per paura di perdere il suo bene più importante, il controllo politico sul Paese? Oppure farebbe il contrario, facendo sì che anche i suoi rivali si stringano attorno a lui e lo facciano tornare a essere l’unico protettore del Libano, le cui forze sono le uniche in grado di difendere il Paese e di fronteggiare il nemico?

Certo, Hezbollah è la forza politica dominante del Libano. Ha alimentato e rafforzato questa posizione soprattutto attraverso le sue forze armate, che gli danno la possibilità di “reclutare” Israele per agire contro il Libano. Ma Hezbollah e i suoi partner non hanno una maggioranza parlamentare e le attuali lotte per il potere politico dimostrano ancora una volta che Nasrallah non può gestire il Libano e realizzare le sue ambizioni politiche senza una coalizione di sostegno. Tuttavia, anche i suoi rivali hanno una debolezza intrinseca: non possono prendere decisioni in barba alla posizione di Hezbollah.

A differenza della situazione del 2006, quando il Libano aveva un governo forte sostenuto dalla comunità internazionale, oggi il Libano è gestito da un governo di facciata. Nel 2006, il Primo ministro Fouad Siniora poteva presentare al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, con l’appoggio americano, una proposta in sette punti per porre fine alla guerra, imporla alla Francia, costringere Hezbollah ad abbracciarla in barba alla posizione dell’Iran e infine farla adottare come Risoluzione 1701. Oggi il Primo Ministro Najib Mikati non ha il potere di fare altro che redigere dichiarazioni alla stampa.

Mikati, il suo governo e il Parlamento libanese sono tutti ben consapevoli dell’enorme distruzione che il Libano subirà se Israele deciderà di attaccarlo. Ma non hanno alcuna salvezza da offrire. Israele, invece, ha già accettato un cessate il fuoco a Gaza, che porterebbe a un cessate il fuoco in Libano e allontanerebbe la minaccia. Una guerra totale contro il Libano porterebbe a un risultato migliore?”.

(seconda parte, fine)

Native

Articoli correlati