Top

Ucraina, il prezzo del grano alle stelle: + 5%. L'India potrebbe rivedere il blocco dell'export

La decisione dell'India di bloccare l'export ha fatto schizzare i prezzi del grano duro e del grano tenero.

Ucraina, il prezzo del grano alle stelle: + 5%. L'India potrebbe rivedere il blocco dell'export

globalist

16 Maggio 2022 - 12.03


Preroll

La decisione dell’India di bloccare completamente l’export di grano, insieme alla situazione ucraina, ha prodotto un importante balzo in avanti dei prezzi. 1.341 dollari per unità contrattuale, in aumento del 4,6%, dopo aver toccato un massimo di giornata a 1.352 dollari. In netto rialzo anche il grano tenero a 1.242 dollari, in crescita del 5,48%.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“La decisione di bloccare l’export del grano non è definitiva e può essere rivista”: lo ha dichiarato BVR Subrahmanyam, sottosegretario al Commercio del governo indiano, in un incontro virtuale con i media, sullo stop annunciato a sorpresa dal governo di Delhi. 

Middle placement Mobile

Il sottosegretario ha aggiunto che la decisione è “solo una correzione, non un cambio di linea rispetto ai precedenti orientamenti del governo indiano, e che non intende creare problemi ai mercati”. In risposta alle critiche dei ministri all’Agricoltura dei Paesi G7, il sottosegretario ha affermato che l’India non ha il potere di determinare i prezzi del mercato globale, e ha garantito che il blocco non impedirà di “onorare gli impegni già presi; in giugno e luglio autorizzeremo l’export delle commesse di grano per le quali sono già state firmate lettere di credito, e risponderemo ai Paesi che ci chiederanno forniture per la sicurezza alimentare”, ha assicurato.

Dynamic 1

Secondo Subrahmanyam, allo stato attuale “non possiamo parlare di una vera crisi della produzione: per via della siccità e delle infauste condizioni climatiche registriamo un declino di circa il 3% del raccolto. Ma la stagione non è finita, avremo dati precisi alla fine di luglio”, ha aggiunto. “Incrociamo le dita”. L’India è il secondo più grande produttore di grano al mondo, ma, sino a tempi recenti, non ha avuto un ruolo di spicco nel mercato globale, poiché la gran parte della sua produzione è destinata al mercato interno. Prima dello stop, il paese aveva annunciato per il 2022 esportazioni record pari a 10 milioni di tonnellate di grano.

“Martedì e mercoledì sarò a New York con Blinken ed i principali Paesi della comunità internazionale che si stanno coordinando sul tema della crisi alimentare, perché a livello di Nazioni Unite faremo una serie di iniziative per cercare di abbassare i prezzi del grano e del pane, che stanno colpendo anche le famiglie italiane, ma anche nel Mediterraneo e nel Nord Africa”. Lo ha detto domenica il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a ‘Mezz’ora in più’. Ricordando che l’8 giugno l’Italia ospiterà un dialogo mediterraneo alla Fao “per nuove politiche Onu per aiutare ad abbassare il prezzo delle materie prime alimentari”.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage