Crimini di guerra in Ucraina: la Corte penale internazionale apre un'indagine
Top

Crimini di guerra in Ucraina: la Corte penale internazionale apre un'indagine

L'indagine riguarderà sia i presunti crimini del 2014, sia quelli dopo l'invasione

Crimini di guerra in Ucraina: la Corte penale internazionale apre un'indagine
Karim Khan
Preroll

globalist Modifica articolo

2 Marzo 2022 - 10.07


ATF

Karim Khan, il procuratore capo della Corte penale internazionale, ha aperto un’indagine su possibili crimini di guerra e crimini contro l’umanità in Ucraina. L’inchiesta è funzionale a valutare i presunti crimini commessi prima dell’invasione russa, ma che “data l’espansione del conflitto negli ultimi giorni, è mia intenzione prendere in considerazione ogni crimine commesso da qualsiasi parte in conflitto, in qualsiasi parte del territorio”.

La Corte ha già condotto un’indagine preliminare sui crimini legati alla repressione violenta delle proteste filo-europee a Kiev nel 2013-2014 e sulle accuse di crimini in Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014, e nell’Ucraina orientale. “Sono soddisfatto che ci sia una base ragionevole per ritenere che presunti crimini di guerra e crimini contro l’umanità siano stati commessi in Ucraina dal 2014”, ha affermato il procuratore Khan.
 

Intanto si sta muovendo anche la Corte internazionale di Giustizia, principale organo giudiziario delle Nazioni Unite. Il 7 e l’8 marzo si terranno udienze pubbliche sul “caso relativo alle accuse di genocidio ai sensi della Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio (Ucraina contro Federazione russa)”. Nella sua richiesta di avviare un procedimento contro la Russia, l’Ucraina ha dichiarato che la Russia ha “falsamente affermato che si sono verificati atti di genocidio” nelle regioni separatiste di Luhansk e Donetsk, aggiungendo che la Mosca ha successivamente dichiarato e attuato una “operazione militare speciale” contro Kiev. Le udienze si terranno presso il Palazzo della Pace all’Aia, sede della Corte, e, si legge nella nota, saranno dedicate alla richiesta dell’Ucraina di indicare misure provvisorie.

Leggi anche:  Il procuratore Cpi Karim Khan rivela di essere stato minacciato per le sue indagini su Netanyahu
Native

Articoli correlati