Palestina, la pulizia etnica al Palazzo di Vetro

Yudith Oppenheimer, direttrice di Or Amim, Ong israeliana è intervenuta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite  sul tema delle demolizioni di case ed espulsioni di palestinesi da Gerusalemme est

Gerusalemme

Gerusalemme

Umberto De Giovannangeli 3 agosto 2021

Quello che Globalist pubblica, grazie al prezioso lavoro di JCall,(*) è un documento eccezionale. Yudith Oppenheimer, direttrice di Or Amim, Ong israeliana dedita alle questioni di Gerusalemme, è intervenuta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite  sul tema delle demolizioni di case ed espulsioni di palestinesi da Gerusalemme est

Quella che segue, è la sintesi di un dibattito avvenuto a porte chiuse

Emergenza umanitaria

Gli oratori esortano Israele a consentire l'ingresso senza ostacoli degli aiuti umanitari, mentre i danni fisici causati dai violenti scontri di maggio sono stimati in 290-380 milioni di dollari .Mentre la comunità globale dovrebbe dare priorità al suo sostegno alla ricostruzione di Gaza sulla scia delle violenze scoppiate a maggio, un alto funzionario delle Nazioni Unite ha anche esortato il Consiglio di sicurezza a non "perdere di vista l'obiettivo più ampio" - vale a dire, porre fine all'occupazione israeliana e realizzare una soluzione a due Stati - mentre ha informato l'organo durante il suo dibattito aperto trimestrale sul Medio Oriente oggi. Lynn Hastings, che serve come vice coordinatore speciale per il processo di pace in Medio Oriente, coordinatore residente e coordinatore umanitario, ha descritto l'assistenza urgente fornita dalle Nazioni Unite e dai suoi partner dopo 11 giorni di scontri a Gaza due mesi fa. Ha detto che, al di là della tragedia umana sia per i palestinesi che per gli israeliani, una recente valutazione rapida dei danni e dei bisogni da parte delle Nazioni Unite, dell'Unione Europea e della Banca Mondiale ha stimato i danni fisici a Gaza tra i 290 e i 380 milioni di dollari, e ulteriori perdite economiche fino a 200 milioni di dollari. Il settore sociale è stato colpito più duramente, indebolendo significativamente la rete di sicurezza dei più vulnerabili. Ringraziando i donatori per aver fornito quasi la metà dei 95 milioni di dollari richiesti nel Flash Appeal delle Nazioni Unite fino ad oggi, ha detto che le consegne di carburante sono riprese attraverso il valico di Kerem Shalom e alcune restrizioni sull'importazione e l'esportazione di merci sono state rimosse. Invitando Israele a permettere l'ingresso senza ostacoli di tutti gli aiuti umanitari, ha anche invitato Hamas e altri gruppi armati a smettere di lanciare ordigni incendiari, razzi e mortai e a porre fine al loro accumulo di militanti. Mentre gli interventi umanitari critici sono necessari nel breve termine, "qualsiasi futuro sostenibile a Gaza richiede soluzioni politiche", ha detto, aggiungendo che Israele deve porre fine alle sue demolizioni e al sequestro delle proprietà palestinesi nella Cisgiordania occupata, in linea con i suoi obblighi di diritto internazionale. Anche Yudith Oppenheimer, direttore esecutivo dell'organizzazione della società civile Ir Amim, che lavora per una città di Gerusalemme equa, condivisa e sostenibile, ha informato il Consiglio. Rimarcando che i diritti e le libertà di cui gode come cittadina israeliana non sono concessi ai 350.000 residenti palestinesi della città - che oggi costituiscono quasi il 40% della sua popolazione - ha detto che le autorità israeliane hanno a lungo impiegato un sistema di politiche discriminatorie per indebolire la presa palestinese sulla città, dalla confisca della terra e la costruzione di insediamenti alla negazione della cittadinanza e dei diritti politici. Fornendo un'istantanea della situazione attuale, ha detto che il principale fattore scatenante dei recenti scontri è la continua pressione per minare i diritti dei palestinesi a Gerusalemme, esemplificata dalla continua erosione dello status quo sul Monte del Tempio/Haram al-Sharif, la chiusura arbitraria della piazza della Porta di Damasco durante il Ramadan e gli sfratti pendenti delle famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah. Tali demolizioni e sgomberi sono aumentati in modo senza precedenti, servendo come meccanismi acuti di sfollamento. Ha anche citato diversi casi di sfratto pendenti davanti alla Corte Suprema d'Israele, sottolineando che è essenziale ritenere il governo responsabile e sollecitarlo a prevenire tali sfollamenti su larga scala in futuro. L'osservatore permanente per lo Stato della Palestina ha sottolineato che l'espropriazione, lo sfollamento e la negazione dei diritti sono elementi della vita quotidiana dei palestinesi - non un capitolo della loro storia o storie di lamentele passate. "Temiamo che il futuro che viene disegnato sul terreno miri a rendere questa la nostra realtà perpetua", ha detto, sottolineando che per far avanzare veramente la causa della pace è necessario porre fine all'occupazione israeliana. Sottolineando la crescente tendenza all'apartheid "su entrambi i lati della linea verde", ha ringraziato tutti coloro che in tutto il mondo si sono sempre più mobilitati a sostegno del popolo palestinese e ha chiesto di mantenere l'attuale urgenza e lo slancio. "Questo Consiglio deve essere il catalizzatore di un'azione internazionale determinata che ci allontani dal cammino che stiamo percorrendo e ci porti verso la sicurezza", ha aggiunto. Il rappresentante di Israele, nel frattempo, ha ricordato la firma degli accordi del 2020 che normalizzano le relazioni diplomatiche tra il suo paese e diversi altri nella regione. I tempi stanno cambiando, ha detto, anche senza il coinvolgimento del Consiglio. Nonostante questi passi positivi, Hamas e l'Iran rimangono determinati ad alimentare le tensioni e a demonizzare Israele, e migliaia di razzi continuano ad essere lanciati. Portare tali questioni al Consiglio indebolisce solo la situazione, mentre i briefing delle organizzazioni non governative di estrema sinistra - come quello fornito oggi - sono assurdi e pericolosi e potrebbero essere intesi come l'accettazione della retorica di Hamas. Ha avvertito che il costo dell'adozione di tali narrazioni estremiste sarebbe enorme per l'intera regione, sottolineando che Israele ha molto da offrire ai suoi vicini e che l'Iran sta ancora lavorando per diventare uno Stato dotato di armi nucleari. Quando i membri del Consiglio hanno preso la parola per condividere le loro osservazioni e proporre modi per andare avanti, molti oratori hanno esortato le parti a esercitare la massima moderazione durante l'attuale periodo, molto fragile, e hanno chiesto loro di astenersi da qualsiasi azione provocatoria che potrebbe aumentare ulteriormente le tensioni. Alcuni hanno indicato la ricostruzione di Gaza come una priorità urgente, sottolineando il ruolo cruciale che deve svolgere l'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei profughi palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA), mentre un oratore ha sollevato preoccupazioni sulla gestione e la trasparenza dell'Agenzia. Nel frattempo, diversi delegati hanno chiesto di raddoppiare la diplomazia a sostegno dei colloqui diretti tra le parti, anche convocando i membri del Quartetto per il Medio Oriente - Nazioni Unite, Stati Uniti, Unione Europea e Federazione Russa - al massimo livello. Il rappresentante della Cina ha notato che, nonostante il cessate il fuoco, le demolizioni, gli sgomberi e gli spostamenti di civili continuano a svolgersi nei territori palestinesi occupati. Sottolineando che Israele deve rispettare tutte le risoluzioni del Consiglio, interrompere l'espansione degli insediamenti e rispettare lo status quo storico dei siti sacri a Gerusalemme, si è unito ad altri oratori nel chiedere un maggiore sostegno internazionale per Gaza - così come gli sforzi per rimuovere il blocco di lunga data imposto contro di essa. La Cina ha fornito 1 milione di dollari al programma di aiuti alimentari dell'UNRWA e donerà 1 milione di dosi di vaccino Covid-19, ha detto, esortando gli altri ad aumentare il loro sostegno. Il rappresentante della Federazione Russa ha detto che rafforzare il cessate il fuoco e fornire assistenza umanitaria urgente a chi ne ha bisogno a Gaza dovrebbe essere tra le principali priorità della comunità internazionale. In mezzo alle recenti distruzioni e alla pandemia di Covid-19 in corso, un aiuto completo deve essere fornito al popolo palestinese attraverso le agenzie delle Nazioni Unite - specialmente l'UNRWA - senza precondizioni o politicizzazione. Avvertendo che la comunità internazionale "non dovrebbe riposare tranquillamente" in mezzo all'attuale cessate il fuoco, ha chiesto l'organizzazione di un incontro a livello ministeriale del Quartetto per il Medio Oriente, così come consultazioni allargate con la partecipazione degli Stati regionali, avvertendo di non perdere di vista la necessità di premere per i negoziati diretti. Il rappresentante della Tunisia è stato tra i vari oratori che hanno esortato il Consiglio - e la più ampia comunità internazionale - a costringere Israele a cessare le sue violazioni, le attività di insediamento espansionistico e tutte le altre azioni che potrebbero mettere a rischio il raggiungimento di una pace giusta e duratura. Chiedendo per quanto tempo sarà permesso di continuare l'occupazione, ha ricordato che il Consiglio ha chiarito la sua posizione in materia 54 anni fa e deve finalmente garantire il rispetto delle risoluzioni internazionali. Ha anche avvertito che qualsiasi tentativo di imporre il fatto compiuto in termini di soluzione duratura minaccerebbe la pace e la sicurezza internazionale. La rappresentante degli Stati Uniti, a sua volta, ha sottolineato l'impegno del suo paese per una soluzione a due Stati e il suo rifiuto degli sforzi per escludere Israele. Mentre la recente ondata di violenza si ritira, "dobbiamo tener fede ai nostri impegni di fornire assistenza umanitaria e sostenere gli sforzi di recupero a Gaza". Ha ricordato che gli Stati Uniti hanno recentemente firmato un accordo con l'UNRWA per fornire ulteriori 136 milioni di dollari in aiuti umanitari, ma che lo hanno fatto solo dopo aver richiesto nuovi parametri sulla trasparenza dell'agenzia. L'UNRWA ha bisogno di miglioramenti sia gestionali che operativi, ha detto, sottolineando che non c'è spazio per l'antisemitismo in nessuna agenzia delle Nazioni Unite. Hanno partecipato anche i rappresentanti di India, Messico, Norvegia, Vietnam, Niger, Kenya, Estonia, Saint Vincent e Grenadine, Irlanda, Regno Unito e Francia. Inoltre, diverse delegazioni che non sono membri del Consiglio di Sicurezza hanno presentato dichiarazioni scritte.

Fin qui il dibattito nel massimo organismo decisionale del Palazzo di Vetro. 

Apartheid

Il 10 marzo, quattordici organizzazioni palestinesi e arabe hanno lanciato un “appello congiunto urgente alle Procedure Speciali delle Nazioni Unite sugli sgomberi forzati a Gerusalemme est” per fermare gli sgomberi israeliani nella zona. Le decisioni successive dei tribunali israeliani hanno spianato la strada all’esercito e alla polizia israeliani per sfrattare 15 famiglie palestinesi – 37 case per circa 195 persone – nell’area di Karm Al-Ja’ouni a Sheikh Jarrah e nel quartiere di Batn Al-Hawa nella città di Silwan. Questi imminenti sfratti non sono i primi, né saranno gli ultimi. Israele ha occupato Gerusalemme est palestinese nel giugno 1967 e formalmente, anche se illegalmente, l’ha annessa nel 1980. Da allora, il governo israeliano ha respinto con veemenza le critiche internazionali all’occupazione israeliana, definendo, invece, Gerusalemme come la “capitale eterna e indivisa di Israele”

Human Rights Watch, e B’tselem, associazione israeliana per i diritti umani, hanno pubblicato due corposi rapporti: il primo Una soglia varcata. Autorità israeliane e crimini di apartheid e persecuzione e il secondo Questo è apartheid. Un regime di supremazia ebraica tra il Giordano e il mar Mediterraneo.

Sono testi costruiti attraverso testimonianze dirette, analisi delle disposizioni amministrative e di legge israeliane, documenti di archivio. Illustrano la costruzione “scientifica” di un sistema di sfruttamento, disuguaglianza, inferiorizzazione giuridica e materiale della popolazione palestinese, nei territori occupati, in Israele e in Gaza, di supremazia di un gruppo, ebraico, su un altro, quello palestinese. Apartheid, istituzionalizzato dalla Legge del 2018 sullo Stato Nazione, che ne codifica i termini, a partire dall’esclusivo diritto ebraico all’autodeterminazione. Una legge sincera la definisce Gideon Levy su Haaretz (19/7/2018) “La legge sullo stato-nazione […] mette fine al generico nazionalismo di Israele e presenta il sionismo per quello che è […] mette fine anche alla farsa di uno stato israeliano ‘ebraico e democratico’, una combinazione che non è mai esistita e non sarebbe mai potuta esistere per l’intrinseca contraddizione tra questi due valori, impossibili da conciliare se non con l’inganno”.

*JCall raggruppa cittadini ebrei di paesi europei e amici di Israele al tempo stesso profondamente legati all’esistenza e alla sicurezza dello stato di Israele e preoccupati per il suo futuro. Pur non sottovalutando le minacce esterne che gravano su Israele, JCall ritiene che l’occupazione e l’espansione ininterrotta degli insediamenti in Cisgiordania e nei quartieri arabi di Gerusalemme Est siano un pericolo per l’identità dello stato. Tale politica concorre inoltre ad indebolire e isolare Israele dall’opinione pubblica e dai governi del mondo. È nostra opinione convinta che solo la fine dell’occupazione e la creazione di uno stato palestinese sovrano accanto a Israele potranno assicurare ad Israele stesso di restare uno stato democratico a maggioranza ebraica e di occupare il posto che le è dovuto fra le nazioni del mondo. 

JCall è un movimento autonomo di ebrei europei che vogliono fare sentire la loro voce senza essere legati a partiti o movimenti israeliani. I promotori e firmatari di JCall non contestano la legittimità e rappresentatività delle organizzazioni ebraiche ufficiali. Intendono però dissociarsi da un loro sostegno troppo spesso acritico alle politiche dei governi di Israele. Rivendicano inoltre il diritto di esprimere il loro dissenso allorchè tali politiche sono pericolose per gli interessi stessi dello stato. Al tempo stesso condannano con forza le campagne di delegittimazione di Israele in quanto stato in atto in più paesi europei.

JCall intende suscitare un dibattito aperto in senso alle comunità ebraiche d’Europa e dare corpo a un movimento d’opinione affinchè sia la ragione a prevalere sulle pulsioni. Sovente gli ebrei europei, in reazione a campagne d’opinione che mettono in questione l’essenza stessa dello stato di Israele, non le distinguono da normali e legittime critiche all’operato dei suoi governi cosi’ come avviene per altri paesi. Con il nostro impegno noi intendiamo dimostrare che è possibile combattere al tempo stesso le condanne manichee e odiose rivolte a Israele e la politica dei suoi governi quando la riteniamo sbagliata.

JCall si rivolge alle diplomazie dei paesi europei perché agiscano sul governo di Israele e sull’Autorità nazionale palestinese di concerto con gli Stati Uniti per giungere a una composizione ragionevole del conflitto. Consapevole che la trattativa e le decisioni rilevanti appartengono ai soli dirigenti dei due popoli , JCall vuole promuovere una soluzione accettabile alle due parti in lotta, unica garanzia di un accordo durevole.