Gerusalemme, scontri tra ultra-ortodossi e polizia israeliana
Top

Gerusalemme, scontri tra ultra-ortodossi e polizia israeliana

Centinaia di uomini e ragazzi ultraortodossi si sono scontrati con la polizia israeliana durante una manifestazione a Gerusalemme contro il progetto di porre fine alla radicale esenzione dal servizio militare della comunità.

Gerusalemme, scontri tra ultra-ortodossi e polizia israeliana
Scontri tra ebrei ortodossi e polizia a Gerusalemme
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Aprile 2024 - 11.56


ATF

Centinaia di uomini e ragazzi ultraortodossi si sono scontrati con la polizia israeliana durante una manifestazione a Gerusalemme contro il progetto di porre fine alla radicale esenzione dal servizio militare della comunità.

Migliaia di uomini erano arrivati, molti con figli piccoli al seguito, per dire preghiere e ascoltare discorsi sotto uno striscione con la scritta “non toccare le yeshivot (scuole religiose)”, in fondo alla strada da un ufficio di leva.

Un rabbino coinvolto nell’organizzazione dell’evento, Abraham Manks della linea dura Peleg Yerushalmi o fazione di Gerusalemme, lo ha descritto come “un raduno, non una protesta”, una dimostrazione di unità Haredi. Ha attirato la folla più numerosa vista in un raduno ultra-ortodosso da prima della pandemia di Covid, ha detto l’analista Israel Cohen.

Ma nonostante la maggioranza fosse pacifica, a poche centinaia di metri dal palco principale file di ragazzi infuriati si sono spinti contro le linee di polizia, schernendo gli agenti, lanciando bevande e bastoni e cercando di attaccarli con cartelli di protesta.

Leggi anche:  A Tel Aviv e in altri centri di Israele grandi manifestazioni per la liberazione degli ostaggi

Alcuni dei più piccoli sembravano avere meno di dieci anni e consideravano gli scontri con la polizia quasi come un gioco, ridendo mentre cercavano di superare gli agenti.

Portavano cartelli e adesivi con la scritta “O Haredi o nell’esercito”. La comunità afferma che i giovani che vanno a prestare servizio, insieme a uomini e donne laici, perderanno la visione religiosa che è il cuore della vita nelle comunità conservatrici, dove i sessi sono severamente segregati e gli smartphone sono vietati.

Native

Articoli correlati