Coalizione senza Netanyahu: "Progressi significativi" nelle trattative

Si lavora ad un patto tra il centrista Yesh Atid, del premier incaricato Yair Lapid, il partito nazionalista Yamina di Naftali Bennett, 'Nuova Speranza' di Gideon Saar, ex del Likud, 'Blu e Bianco' di Benny Gantz.

Bennett e Lapid

Bennett e Lapid

globalist 31 maggio 2021

Israele sogna di liberarsi di Netanyahu dopo oltre 12 anni di governo: siamo a un passo dal governo di coalizione dopo le trattative serrate di questi giorni.

"Significativi progressi" sono stati registrati nei colloqui in corso in Israele tra esponenti dei partiti al lavoro per formare una coalizione di governo, il centrista Yesh Atid, del premier incaricato Yair Lapid, il partito nazionalista Yamina di Naftali Bennett, 'Nuova Speranza' di Gideon Saar, ex del Likud, 'Blu e Bianco' di Benny Gantz. I partiti prevedono di far proseguire i colloqui nella giornata.

Nel frattempo, secondo quanto riporta la stampa israeliana, sarebbero emersi dissidi sui futuri incarichi ministeriali, con diversi partiti alla ricerca di posti di responsabilità nell''esecutivo del cambiamento', che dovrebbe essere composto da almeno sette formazioni politiche.

In base al principio di rotazione concordato da Yamina e Yesh Atid Bennett sarebbe primo ministro fino al settembre 2023, quindi passerebbe il testimone a Yair Lapid.

Della coalizione entrerebbe a far parte un misto di partiti di destra, centro e sinistra che non entrerebbe in un nuovo esecutivo a guida Netanyahu. Lapid, secondo fonti diverse, punterebbe ad annunciare la nascita del governo di coalizione domani o forse già stasera: il tempo che gli è concesso scade mercoledì, quando dovrà riferire al capo dello stato sull'esito delle sue consultazioni e trattative.

Finora Lapid ha raggiunto accordi di massima con Yisrael Beytenu di Avigdor Lieberman, Meretz di Nitzan Horowitz, e i Laburisti guidati da Merav Michaeli: nel pomeriggio, in apertura della riunione del suo gruppo parlamentare dovrebbe rilasciare dichiarazioni sull'andamento dei colloqui.