Lo studioso: "Trump a Washington come a Monaco: un tentato putsch modello hitleriano"

Parla Alexander Reid Ross docente alla Portland State University, autore di "Against the Fascist Creep": "Trump ha incoraggiato gli attivisti anti-lockdown a mettere in scena assalti armati di edifici"

Estremisti di destra trumpiani dei Proud Boys

Estremisti di destra trumpiani dei Proud Boys

Umberto De Giovannangeli 5 gennaio 2021

“Trump si muove come un golpista. Il suo vero obiettivo è scatenare una guerra civile”. Parole forti quelle utilizzate, nell’intervista in esclusiva concessa a Globalist, da una delle donne simbolo del pacifismo americano, Jody Williams, fondatrice della Campagna Internazionale per il Bando delle Mine Antiuomo (International Campaign to Ban Landmines), insignita del Premio Nobel per la pace nel 1997.


Un allarme rosso che trova conferma nelle considerazioni  allarmate di Alexander Reid Ross docente alla Portland State University, autore di "Against the Fascist Creep" (AK Press, 2017).


Tentativo di putsch


“Generalmente – annota il professor Ross in un’analisi pubblicata da Haaretz e ripresa per l’Italia da Globalist - associamo la parola ‘putsch’ all'Europa interbellica. Pensiamo alla Beerhall Putsch di Hitler o forse al Kapp Putsch dell'epoca di Weimar. Non avremmo mai immaginato, nemmeno un anno fa, che questo stesso termine sarebbe stato utilizzato per descrivere un potenziale comportamento presidenziale negli Stati Uniti, così spesso strombazzato come un faro di democrazia per il mondo. Eppure, come dimostrano le registrazioni trapelate di Donald Trump che alternativamente chiede l'elemosina e minaccia il governatore della Georgia, un repubblicano, continuano i tentativi di Trump di rovesciare le elezioni del 3 novembre 2020, sembra che non ci sia nulla di nuovo per gli esitanti tentativi del politico di rovesciare le che ha perso.


Ora il mondo attende con ansia l'avvicinarsi del 6 gennaio, e con esso masse di sostenitori di Trump chiamate in Campidoglio dal presidente per opporsi alla certificazione dei risultati elettorali da parte del Congresso.  


La variegata base di Trump, composta da conservatori costituzionalmente sfiduciati, teorici della cospirazione, negazionisti del Covid e militanti anti-mask, suggerisce più bluff e spacconate che una possibile presa di potere, un po' come la versione da strada della sua blaterante telefonata in Georgia. Ma questo non significa che non sia pericoloso, non da ultimo quando sono aumentati i lealisti armati e di estrema destra di Trump, e quando al presidente uscente stesso piace fare un cenno alla violenza. L'anno scorso Trump ha incoraggiato gli attivisti anti-lockdown a mettere in scena assalti armati di edifici della capitale dello Stato. Ha detto ai Proud Boys dell'estrema destra di "stare pronti" nel caso in cui i loro muscoli fossero stati richiesti dopo le elezioni. 


Diversi episodi succedutisi negli ultimi tempi – avverte il professor Ross -  dimostrano che le pratiche di escalation sono già in atto A Salem, Oregon, pochi giorni prima di Natale, i manifestanti anti-lockdown si sono radunati  per protestare contro una sessione speciale della Legislatura di Stato dell'Oregon, sferrando calci alle finestre del Campidoglio, attaccando la stampa e aggredendo la polizia. 


Una protesta successiva, il 1° gennaio, ha visto i membri della violenta e sciovinista banda dell'orgoglio bianco, i Proud Boys, urlare "Fuck the Blue!" alla polizia dopo gli scontri fisici.


In effetti, c'è un crescente sentimento anti-polizia e anti-governativo tra  i fanatici  armati di estrema destra, che suggerisce che il loro intento di ‘azione diretta’ tenderà a farsi sempre più concreto.  Il familiare fascino fascista della violenza è ben rappresentato sui social media e sulle piattaforme di comunicazione alternative come Telegram e 8kun, dove gli attivisti di estrema destra hanno celebrato le bombe di Nashville il giorno di Natale C'è stato anche un picco di entusiastici commenti su ordigni esplosivi improvvisati, dopo che due di questi sono stati lanciati da un camion in movimento a Pittsburgh domenica sera. I post fanno riferimento ai famigerati ‘Anni di piombo” in Italia, , un periodo volatile di conflitto a bassa intensità tra fascisti e sinistra che ha lasciato molti morti per le bombe e gli omicidi. Altri fanno riferimento alle letali campagne di autobombe e ordigni piazzati anche in ritrovi pubblici, come pub e altro, da parte di gruppi terroristici in Irlanda del Nord.


Mercoledì, i manifestanti di estrema destra hanno in programma di convergere a Washington. In quattro diversi raduni chiederanno  al Congresso di rovesciare il risultato delle elezioni. Radunarsi in più luoghi è una tattica comune per dividere la risposta della polizia e consentire un coordinamento più agile e autonomo nelle strade. Queste includeranno una ‘protesta selvaggia’ sul prato del Campidoglio, una marcia dal centro commerciale al Campidoglio e altri due eventi apparentemente collegati. 


Secondo il Washington Post, ‘le minacce di violenza, gli stratagemmi per far entrare armi nel Distretto e le richieste di creare un ‘accampamento armato’ sul Mall sono proliferate nelle chat online’.  Anche se il marketing pubblico del giorno non propone apertamente assalti armati alla polizia o alla capitale, i gruppi estremisti che promuovono gli eventi hanno chiaramente richiesto una sanguinosa guerra civile in difesa di una continuazione, illegittima, della presidenza di Trump, e grandi folle possono facilmente fornire loro una copertura.


Ci sono prove che sono in corso tentativi di far entrare clandestinamente armi da fuoco illegali nella capitale. Quando la polizia di Washington ha arrestato lunedì il presidente di Proud Boys, Enrique Tarrio Monday, con l'accusa di aver confessato di aver bruciato i cartelli Blm presi dalle chiese nere durante le violente proteste del mese scorso, la polizia gli ha trovato addosso riviste che illustravano le varie tecniche di guerriglia urbana e come si può fabbricare in casa un ordigno letale.


L'arresto di Tarrio può sembrare un freno ad alcuni dei piani più radicali di mercoledì, se non fosse che i Proud Boys sono una banda decentralizzata i cui capi territoriali esercitano più potere del presidente. 


I rapporti indicano che i Proud Boys non indosseranno i loro soliti colori distintivi nero e giallo, ma si riuniranno ‘in incognito’ vestendo completamente in nero per apparire come l'opposizione antifascista, e potrebbero compiere atti di violenza in giro per la città.


Sul fronte dei gruppi antifascisti, si è sviluppato negli ultimi giorni un vivace dibattito su cosa fare per non lasciare Washington nelle mani dei seguaci violenti di Trump. 


C’è chi incoraggia una risposta di piazza, ma altri ritengono che avere anche solo un ruolo involontario nell'innescare la violenza politica potrebbe dare a Trump e ai suoi seguaci armati l'opportunità di muoversi contro le elezioni. 


Altri attivisti continuano a ipotizzare azioni decentralizzate, in particolare in difesa delle chiese e di altre istituzioni della grande comunità nera di Washington. 


Nonostante i proclami di violenza dei suoi fans e la lunga guerra civile innescata da Trump dopo il voto del 3 novembre, con dichiarazioni infuocate, denunce di brogli mai rilevati, accuse incredibili al presidente eletto, il 6 gennaio segnerà probabilmente sia il nadir che la fine del tempo di Trump al potere.  


Questo, però,  non significa che la giornata passerà pacificamente: troppi nel campo degli illusi ‘Stop the Steal’ hanno investito tanto per poi doversi ritirare in silenzio, e l'estrema destra si è mobilitata per un appuntamento con quello che vede come il suo destino.


Ma, a meno di un sistematico fallimento delle forze dell'ordine e della volontà politica, l’ultima provocazione di Trump sarà la ‘degna’ conclusione della sua fallimentare presidenza, durata un solo mandato”.


Le considerazioni del professor Ross danno conto del clima che si vive in America in attesa del fatidico 6 gennaio. Paura, rabbia, una lacerante divisione. Washington in stato d’assedio. Tutto per un uomo  che non sa perdere con dignità. Da statista.  E che ha chiamato a raccolta, per la resistenza finale, orde di suprematisti bianchi, neonazisti dichiarati, che hanno fatto dell’odio razzista e antisemita il loro credo. Come Hitler a Monaco.