Undici repubblicani accusati di cospirazione e frode per aver tentato di imbrogliare le elezioni in favori di Trump
Top

Undici repubblicani accusati di cospirazione e frode per aver tentato di imbrogliare le elezioni in favori di Trump

Undici repubblicani che hanno presentato un documento al Congresso in cui dichiaravano falsamente che Donald Trump aveva battuto Joe Biden in Arizona nelle elezioni presidenziali del 2020 sono stati accusati di cospirazione e frode

Undici repubblicani accusati di cospirazione e frode per aver tentato di imbrogliare le elezioni in favori di Trump
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Aprile 2024 - 02.33


ATF

Undici repubblicani che hanno presentato un documento al Congresso in cui dichiaravano falsamente che Donald Trump aveva battuto Joe Biden in Arizona nelle elezioni presidenziali del 2020 sono stati accusati di cospirazione, frode e falsificazione. L’Arizona è il quarto Stato a sporgere denuncia contro «falsi elettori».

Le undici persone che erano state nominate elettori repubblicani dell’Arizona si sono incontrate a Phoenix il 14 dicembre 2020 per firmare un certificato in cui si affermava che erano elettori «debitamente eletti e qualificati» e affermavano che Trump aveva vinto nello Stato. Il documento fu successivamente inviato al Congresso e agli Archivi nazionali, dove fu ignorato.

Altri sette sono stati incriminati, ma i loro nomi sono stati oscurati dai documenti rilasciati dal procuratore generale democratico Kris Mayes. Biden ha vinto in Arizona con più di 10.000 voti. Delle otto cause legali che hanno messo in discussione senza successo la sua vittoria nello Stato, una è stata intentata dagli 11 repubblicani che avrebbero poi firmato il certificato che dichiarava Trump vincitore. Alcuni giorni dopo l’archiviazione della causa, hanno partecipato alla firma del certificato.

Leggi anche:  Trump attacca Biden: "Alla Casa Bianca riporterò io il buon senso"

Le accuse dell’Arizona arrivano dopo una serie di incriminazioni contro falsi elettori in Nevada, Michigan e Georgia.

Native

Articoli correlati