Top

Il 'nero' Sergio Sylvestre si emoziona durante l'inno di Mameli e partono gli insulti razzisti

Il cantante leccese d’adozione si è brevemente interrotto e ha poi ripreso, chiudendo con il pugno chiudo. Tanto è bastato per scatenare il putiferio.

Sergio Sylvestre 
Sergio Sylvestre 

globalist Modifica articolo

17 Giugno 2020 - 20.08


Preroll

Emozione che è stata scambiata per un vuoto di memoria e disinteresse. In realtà ai soliti razzisti da tastiera non è andata giù che a cantare l’inno di Mameli fosse un nero.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Così, secondo tradizione, prima dell’incontro si è cantato l’inno, questa volta in uno stadio vuoto.

Middle placement Mobile

A cantare il leccese d’adozione Sergio Sylvestre è stato chiamato a cantare l’Inno di Mameli. Ma durante l’esibizione il giovane ha smesso brevemente di cantare con voce emozionata, solo per poi riprendere dopo pochi secondi.

Dynamic 1

Un momento sentito che subito è stato commentato dai solidi idioti come una mancanza di rispetto verso l’inno e una preparazione superficiale.
E a far salire ancora di più la temperatura fascio-sovranista il fatto che a fine esibizione il cantante abbia alzato il pugno. E anche qui odio a gogo.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile