Pochi tecnici e molti politici: il 'toto-sottosegretari' verso la stretta finale: gli appetiti della Lega

Salvini punta a mettere lo zampino al Viminale e alla Salute mentre quasi tutti i sottosegretari uscenti saranno riconfermati

Mario Draghi

Mario Draghi

globalist 21 febbraio 2021

Ora l’ultimo grande sforzo per completare la squadra di governo: le liste sono quasi pronte ma il punto di equilibrio tra i partiti non è stato ancora trovato. Ma in 24-48 ore la quadra sarà necessaria.

La lista dei tecnici, visto il pressing dei partiti per entrare nell’esecutivo, rispetto al disegno iniziale si è notevolmente ridotta. A un tecnico potrebbe essere affidata la delega all’Editoria mentre quella ai Servizi potrebbe tenerla il premier. Anche al Mef potrebbe essere inserito un profilo terzo, per reggere “l’urto” dei sottosegretari politici: Laura Castelli (5S), Antonio Misiani (Pd), Gilberto Pichetto Fratin (Fi), Massimo Bitonci (Lega).
 Per i restanti dicasteri c’è un dato innanzitutto: nessuno dei ministri del Conte II farà il sottosegretario. Con una possibile eccezione, Enzo Amendola. In ballo, in teoria, c’è la delega agli Affari Europei o la Farnesina. Con Luigi Di Maio, inoltre, potrebbe andare l’azzurro Valentino Valentini, il leghista Paolo Formentini. Manlio Di Stefano e Marina Sereni puntano alla riconferma. L’outsider potrebbe essere Benedetto Della Vedova di +Europa.
 Alla Giustizia puntano M5S e Fi, innanzitutto con, rispettivamente, Francesca Businarolo e Francesco Paolo Sisto. Ma anche Pd e Iv reclamano spazio. Il Viminale è il faro della Lega, che potrebbe portare all’Interno il salviniano Nicola Molteni o Stefano Candiani. Carlo Sibilia (M5S) e Matteo Mauri (Pd) potrebbero completare la squadra.
“La Lega vuole esserci”, ribadiscono in serata fonti del partito spiegando di non aver fatto nomi a Draghi ma elencando, uno ad uno, i ministeri dove vogliono un ruolo: oltre all’Interno, il ministero della Transizione Ecologica, le Infrastrutture, l’Agricoltura e l’Istruzione. Il dicastero guidato da Cingolani potrebbe essere approdo del pentastellato Stefano Buffagni mentre al Mise Alessia Morani punta alla riconferma e nel Movimento Mirella Liuzzi e Carla Ruocco risultano tra le più quotate. 
Sempre tra i pentastellati, come new entry possibili, avanzano Guilda Sportiello (al Sud), Barbara Floridia e Alessandra Maiorino mentre in Forza Italia “reclamano” spazio Anna Grazia Calabria, Andrea Mandelli (alla Sanità,) e Stefania Prestigiacomo. 
Tra le riconferme viaggiano in pole Giancarlo Cancelleri (al Mit) e Pier Paolo Sileri nel M5S con Sandra Zampa del Pd, come anche Angelo Tofalo alla Difesa.


La Lega punta ad avere un suo eponente al ministero della Salute per puntellare al meglio la sua linea semi-negazionista e tutelare la sanità privata.
 Nel Pd pesa la questione delle “quote rosa”, oggetto della direzione convocata per giovedì. Ma a dispetto di quanto reclamato dalla minoranza Dem difficilmente la partita dei sottosegretari si chiuderà solo dopo la riunione del Nazareno.