L'esperto Usa smentisce i no-mask: "La mascherina offre una protezione più certa del vaccino"

Le parole del direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, Robert Redfield, intervenuto al Senato degli Stati Uniti

Il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, Robert Redfield

Il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, Robert Redfield

globalist 16 settembre 2020
Indossare la mascherina offre una garanzia più certa di protezione dal virus del vaccino. Lo ha detto il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, Robert Redfield, enfatizzando l'efficacia di questo metodo di protezione e sottolineando che non si prevede che l'eventuale vaccino, quando sarà effettivamente disponibile, potrà proteggere il 100% delle persone, ma circa il 70%.
"Abbiamo prove scientifiche sul fatto che funzionano - ha detto parlando delle mascherine durante il suo intervento oggi al Senato - potrei spingermi persino a dire che la mascherina mi offre una garanzia maggiore contro il Covid del vaccino, perché l'immunogenecità è al 70% e io potrei non avere una risposta immune". In questo caso, ha aggiunto Redfield, "il vaccino non mi proteggerebbe, mentre la mascherina sì".
"Queste mascherine sono il più importante, potente mezzo di sanità pubblica che abbiamo - ha concluso - e io continuerò ad esortare gli americani ad adottarle: se lo facciamo per sei, otto, dieci, dodici settimane metteremo la pandemia sotto controllo".