Covid-19 sta tornando in Europa, Sileri: "Pronti a chiudere le frontiere e nuovi controlli"

Il vice-ministro alla Salute: "Se continuiamo a monitorare e a contenere i focolai, seguendo le indicazioni sull'uso della mascherina, possiamo ridurre la ripresa dei contagi. Ma..."

Pierpaolo Sileri

Pierpaolo Sileri

globalist 5 agosto 2020

Troppi si erano rilassati e tanti hanno fatto finta di non vedere che nel resto del mondo la pandemia continuava a mietere vittime.


Così nel nome del business c’è stata una corsa ad abbattere tutte le norme e un’ondata negazionista. Ma è bene mettere un freno prima che sia troppo tardi.


"Se continuiamo a monitorare e a contenere i focolai, seguendo le indicazioni sull'uso della mascherina, possiamo ridurre la ripresa dei contagi. Sarà importante osservare quanto accadrà nelle prossime settimane del Nord Europa, dove le temperature caleranno prima che da noi e il virus potrebbe generare maggiori contagi".


A sottolinearlo è Pierpaolo Sileri, vice-ministro alla Salute, che alla 'Stampa' dice: "Una seconda ondata nei termini di marzo la vedo improbabile. Allora non eravamo preparati. Oggi usiamo le mascherine, i medici gestiscono la malattia meglio, i posti in terapia intensiva sono raddoppiati".


Ma la ripresa dei contagi in Europa può portare a nuove restrizioni alle frontiere? "Qualora servisse sì. Per questo in più di un'occasione ho parlato di una strategia comunitaria, europea: per adottare misure più lungimiranti, come l'uso del tampone ripetuto a distanza di pochi giorni dall'arrivo dai paesi sotto osservazione per numero di contagi, come dalle aree extra Schengen. La sfida ora è controllare tutti coloro che vengono dall'estero".


L'app Immuni l'hanno scaricata in pochi. E ancora uno strumento su cui puntate? "Certo che lo è, Immuni è arrivata in un momento in cui l'epidemia, almeno in Italia, si stava riducendo, anche se siamo stati i primi, in Europa, a fornire una applicazione di tracciamento del contagio. C'è stato un rilassamento che ha indotto a non scaricare l'app, ma adesso il download si rivela fondamentale e soprattutto peri più giovani, a cui voglio rivolgermi: siate intelligenti come avete già dimostrato di essere durante il lockdown, scaricate Immuni perché potrete contribuire ad un migliore tracciamento sanitario, a vostro beneficio vostro, di amici e famiglie".


Nonostante la ribellione di Salvini verrà prorogato l'obbligo di mascherina? "La mascherina, dove non è possibile mantenere il distanziamento e sicuramente al chiuso nei locali pubblici, sarà ancora con noi: protegge noi e gli altri. Serve dare il buon esempio, non invogliare ad una deroga".