Nardella ai sindaci italiani: "Andiamo a Kiev e Gerusalemme, occupiamo lo spazio della guerra per parlare di pace"
Top

Nardella ai sindaci italiani: "Andiamo a Kiev e Gerusalemme, occupiamo lo spazio della guerra per parlare di pace"

Nardella: «Andiamo insieme a Kiev, andiamo insieme a Gerusalemme a fare un incontro, andiamo a occupare noi lo spazio della guerra e dell'odio».

Nardella ai sindaci italiani: "Andiamo a Kiev e Gerusalemme, occupiamo lo spazio della guerra per parlare di pace"
Dario Nardella
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Febbraio 2024 - 11.19


ATF

A Roma, nella Sala della Protomoteca in Campidoglio si è tenuto un incontro tra gli Enti locali per discutere di Pace e cooperazione internazionale. Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha lanciato una proposta ai suoi colleghi: «Andiamo insieme a Kiev, andiamo insieme a Gerusalemme a fare un incontro, andiamo a occupare noi lo spazio della guerra e dell’odio. Andiamo ad ascoltare, che è la cosa più umana che possiamo fare con chi è in guerra, ma poi agiamo».

«Sono stato in Israele con l’idea di stare due giorni per incontrare il sindaco di Tel Aviv e il sindaco di Betlemme, e non è stato facile. In un clima così teso e pesante non c’è voglia di pace. Il sindaco di Tel Aviv quasi in lacrime, un sindaco progressista che ha promosso gemellaggi con le città palestinesi, mi ha detto: `la mia generazione ha fallito´. Certo, non potevo dire `pensa ai 29mila morti in Palestina, ai bambini´. E allora ho buttato lì la parola `pace´. Mi ha risposto: `non è il tempo per fare la pace´».

Leggi anche:  Bari, Nardella chiede a Conte di fare un passo indietro: "Ci ripensi, non possiamo regalare la città alla destra"

«Ma La Pira diceva che `la pace per farla bisogna prepararla´. Per quello, citandolo, ho replicato: `Capisco che per ora non sia il momento, ma almeno comincino a prepararla, ad ascoltarci, perché io sono venuto per questo´. E qui mi ha risposto: `quando sarà il momento noi ci saremo´. Quando arriverà il momento, noi ci dovremo essere, l’Italia ci deve essere».

«A Betlemme ho sentito lo stesso ragionamento rovesciato: fino a quando Israele fa quello che fa, mi ha detto, non possiamo volere la pace. E’ un processo difficile, dobbiamo essere artigiani di pace e noi sindaci siamo artigiani. Le citta nascono come luoghi di pluralismo, di complessità. Le citta possono fare più degli Stati – ha concluso Nardella – perché non sono oppresse dalla ragione di Stato, perché sono espressione diretta dei cittadini, perché non hanno una politica ma tante politiche. La Pira non era pazzo, era un visionario».

Native

Articoli correlati