Pd, Nardella: "Bene che Elly Schlein e Bonaccini vogliano lavorare insieme"
Top

Pd, Nardella: "Bene che Elly Schlein e Bonaccini vogliano lavorare insieme"

Il sindaco di Firenze Dario Nardella giudica positivamente l'incontro tra Elly Schlein e Stefano Bonaccini che pensano ad una gestione unitaria del Pd

Pd, Nardella: "Bene che Elly Schlein e Bonaccini vogliano lavorare insieme"
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Marzo 2023 - 12.18


ATF

Il Pd del post congresso viaggia verso una gestione condivisa, favorita anche dal fatto che Elly Schlein e Stefano Bonaccini hanno lavorato insieme in Emilia Romagna.

“Giudico molto positivo l’incontro tra Schlein e Bonaccini di ieri e la disponibilità di entrambi a lavorare insieme perché così fa una grande organizzazione politica. Con Schlein il Pd può prendere voti nuovi a sinistra o riprendere voti persi a sinistra, così come può prendere voti persi nella parte più moderata. Dobbiamo allargarci e non restringerci. C’è poi il tema di non far disperdere i riformisti, il Pd è nato 15 anni per tener insieme radicali e riformisti: dobbiamo tenere insieme i riformisti dentro il Pd e sono convinto che Schlein abbia questa sensibilità e consapevolezza».

Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, intervenendo a `Sabato anch’io´ su Rai Radio 1.

Sulla possibilità di diventare presidente del Pd Nardella ha ribadito di «non chiedere niente. Io devo soltanto dare al mio partito, perché il mio partito mi ha dato tanto. Oggi se sono sindaco è grazie al Pd. Devo restituire ciò che mi viene richiesto. Ciò che dico, con le stesse parole e lo stesso spirito di Stefano Bonaccini, è che se c’è bisogno di me do una mano in tutte le forme, anche le più semplici».

Leggi anche:  Giuseppe Conte attacca Schlein e... Gentiloni: "Preferisco il Pd limpido e nobile di David Sassoli"

In riferimento alla manifestazione di Firenze, a difesa di scuola e Costituzione e promossa dai sindacati «faccio un appello a tutti a partecipare, in modo pacifico. Io ci sarò con la fascia tricolore, come molti altri colleghi sindaci. A Firenze non ci sarà solo la sinistra identitaria, la cui presenza è comunque positiva: ci sarà una stratificazione di soggetti, famiglie, scuole, sindacati di ogni sigla e istituzioni». 

Native

Articoli correlati