Pd, Nardella: "Il congresso è partito con un clima positivo, le scissioni del passato hanno fatto male"
Top

Pd, Nardella: "Il congresso è partito con un clima positivo, le scissioni del passato hanno fatto male"

Dario Nardella, sindaco metropolitano di Firenze, e coordinatore del comitato per la candidatura di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, a segretario del Pd vede bene il rapporto Bonaccini Schlein che è di stima

Pd, Nardella: "Il congresso è partito con un clima positivo, le scissioni del passato hanno fatto male"
Dario Nardella
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Dicembre 2022 - 12.17


ATF

Nel recente passato tante contrapposizioni molto dure, basti pensare che dei candidati alla segreteria del Pd che si sfidarono, ossia Renzi, Cuperlo e Civati, solo Cuperlo è sempre rimasto nel Pd, anche se praticamente messo in naftalina durante il renzismo imperante. Ora il clima sembra sia cambiato e il fair play tra Bonaccini e Elly Schlein (e Paola De Micheli) ne è la testimonianza. «Abbiamo già avuto troppe scissioni che ci hanno fatto soltanto male, e quindi lo spirito con cui è partito il congresso è uno spirito secondo me giusto, positivo».

 Lo ha affermato Dario Nardella, sindaco metropolitano di Firenze, e coordinatore del comitato per la candidatura di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, a segretario del Pd.

«Credo che uno degli obiettivi principali» del congresso Pd, ha aggiunto Nardella, parlando a margine della firma di un protocollo di intesa con Rai e Università di Firenze, sia «fare di questo congresso un grande momento di confronto sui contenuti, e non la resa dei conti dalla quale chi esce vincente prende tutto e chi perde trova gli argomenti o gli alibi per andarsene».

Leggi anche:  Giuseppe Conte attacca Schlein e... Gentiloni: "Preferisco il Pd limpido e nobile di David Sassoli"

Il sindaco di Firenze si è detto «contento che in questo congresso per la prima volta abbiamo candidati che non hanno nulla a che vedere con il gruppo dirigente del passato, già questo è un segno di grande discontinuità. Bonaccini e Schlein sono due figure di alto profilo. Io ho spiegato più volte il perché del mio sostegno a Stefano Bonaccini, ma è altrettanto importante che nel congresso ci sia un rapporto di rispetto reciproco, e le dichiarazioni dei due candidati vanno proprio in questa direzione».

I sindaci a sostegno di Bonaccini

 «Il fronte degli amministratori locali a favore di Bonaccini si sta ampliando: arriveremo nel giro di pochi giorni a 1.000 firme di sindaci e amministratori locali a sostegno della candidatura di Stefano Bonaccini, che è un segno molto importante perché mai come ora gli amministratori locali di tutte le città, di qualunque dimensione, hanno avuto questa grande opportunità di stare in campo nel congresso».

Lo ha dichiarato il sindaco di Firenze e coordinatore del comitato per la candidatura di Stefano Bonaccini alla segreteria del Pd, Dario Nardella, a margine di una conferenza stampa nel capoluogo toscano. Secondo Nardella «uno dei limiti del Pd è stato non dare abbastanza voce ai territori», ma «se ripartiamo dai territori, possiamo davvero dare una svolta al futuro di questa casa, di questa comunità».

Leggi anche:  Tarquinio: "L'Europa sia pace, no debito per le spese militari"

Native

Articoli correlati