Nardella sulle interferenze di Calenda: "Noi ci occupiamo del Pd e te di Azione"
Top

Nardella sulle interferenze di Calenda: "Noi ci occupiamo del Pd e te di Azione"

Dario Nardella, presidente del comitato Bonaccini segretario, replica alle dichiarazioni odierne di Carlo Calenda sul Pd.

Nardella sulle interferenze di Calenda: "Noi ci occupiamo del Pd e te di Azione"
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Dicembre 2022 - 17.17


ATF

Calenda se ne è andato dal Pd fondando Azione. Ma ogni giorno dice quello che dovrebbe o non dovrebbe fare il Pd, di fatto soffiando sulla scissione.

«Carlo, in amicizia ma con chiarezza: facciamo che del Pd ci occupiamo noi e tu ti occupi di Azione. Se ciascuno fa il suo e ci rispettiamo, evitiamo polemiche inutili e magari facciamo anche meglio l’opposizione. L’avversario per noi è la destra».

Così Dario Nardella, presidente del comitato Bonaccini segretario, replica alle dichiarazioni odierne di Carlo Calenda sul Pd.

Il Qatargate

«La questione del Qatargate va affrontata di petto, senza cercare giustificazioni, a prescindere dal coinvolgimento diretto di esponenti del Pd», perché «è un fatto gravissimo, soprattutto per chi si è sempre battuto per affermare i diritti umani».

Lo ha detto Dario Nardella, sindaco di Firenze, in collegamento con Sabato anch’io su Rai Radio1. «Non bisogna mai abbassare la soglia nei confronti dei temi etici, della legalità, del conflitto di interessi», ha affermato.

Leggi anche:  Carceri sovraffolate, i deputati del Pd in visita a Regina Coeli: "Condizioni degradanti, servono interventi urgenti"

Nardella ha sottolineato che «con Bonaccini noi saremo inflessibili nei confronti di chiunque sia stato o sarà coinvolto in una vicenda del genere. C’è un aspetto giuridico, e il garantismo è un principio costituzionale, il Pd si è costituito parte civile. Però poi c’è un punto politico, e quando ci diamo dei principi politici, dei valori fondativi, il tema etico e morale è fondamentale. Soprattutto per la nostra cultura politica e per la nostra storia, la sensibilità verso l’interesse comune, verso il bene comune, è molto più alta rispetto ad altre culture politiche».

Native

Articoli correlati