Top

Lombardia, Majorino: "La destra è quella di Salvini e Savoini, noi siamo quelli di Sassoli

L'europarlamentare del Pd Pierfrancesco Majorino contro Fontana e Moratti nel suo intervento al lancio della sua candidatura alla presidenza della Regione Lombardia

Lombardia, Majorino: "La destra è quella di Salvini e Savoini, noi siamo quelli di Sassoli
Pierfrancesco Majorino

globalist Modifica articolo

3 Dicembre 2022 - 16.53


Preroll

Destra orfana di Letizia Moratti e per la destra divisa c’è spazio per un campo largo progressista? «Voi, lo dico al governo regionale uscente, siete sempre e comunque quelli di Matteo Salvini che con Savoini tenta di fare affari con Mosca. Noi siamo quelli della lotta di David Sassoli e del governo Conte 2 per ottenere le risorse che vanno impiegate proprio per sostenere le nostre comunità. Perché le nostre comunità hanno bisogno di sostegno e opportunità per buone traiettorie di sviluppo. Sviluppo intelligente e sostenibile».

OutStream Desktop
Top right Mobile

 Così l’europarlamentare del Pd Pierfrancesco Majorino, nel suo intervento al lancio della sua candidatura alla presidenza della Regione Lombardia, al Teatro Elfo Puccini di Milano.

Middle placement Mobile

Le critiche a Letizia Moratti

Dynamic 1

«Domando a Fontana ma pure a Letizia Moratti che è corresponsabile politica di una situazione che non ha mai criticato da sindaco e che ha assecondato con la sua pessima e recente riforma da assessore: ma è giusto che un operaio, una cassiera, un impiegato, una lavoratrice autonoma, una pensionata che non ha i soldi di un presidente di regione o di un esponente della ricca aristocrazia, debba fare mille sacrifici per essere visitata in tempi adeguati? E domando proprio a chi ha creato questa situazione vergognosa: Ma voi, come pensate di essere credibili essendo stati parte della causa di questa palese ingiustizia sociale?». Così l’europarlamentare del Pd Pierfrancesco Majorino, nel suo intervento al lancio della sua candidatura alla presidenza della Regione Lombardia, al Teatro Elfo Puccini di Milano.

«Ecco perch* c’è bisogno di noi. E c’è bisogno di una poderosa riforma fatta con la comunità scientifica, una riforma coraggiosa e non calata dall’alto», ha detto Majorino. E ancora: «anche di evitare di buttare via l’occasione dell’istituzione delle case di comunità che non devono essere un’operazione di facciata», come con Moratti e Fontana che inaugurano «prati e targhe».

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile