Emiliano: "Votate Pd o almeno non la destra per evitare la vittoria degli eredi di Mussolini"
Top

Emiliano: "Votate Pd o almeno non la destra per evitare la vittoria degli eredi di Mussolini"

Lo sostiene in un'intervista al Fatto Quotidiano, il governatore della Puglia, Michele Emiliano, parlando delle elezioni.

Michele Emiliano
Michele Emiliano
Preroll

globalist Modifica articolo

13 Settembre 2022 - 11.32


ATF

Considera un grave errore «presentarsi alle elezioni separati dai 5 Stelle», «si poteva fare un’alleanza tecnica, con programmi diversi», una scelta che «potrebbe far arrivare a Palazzo Chigi il partito che non ha nessuna vergogna a dichiararsi erede di Mussolini».

Lo sostiene in un’intervista al Fatto Quotidiano, il governatore della Puglia, Michele Emiliano, parlando delle elezioni. «In questa campagna elettorale nessuno dice una cosa chiaramente: rischiamo di mandare al governo un partito e una leader per cui Benito Mussolini era un buon politico, soltanto ha commesso alcuni errori da correggere». Emiliano rivendica le dichiarazioni fatte in merito alla battaglia elettorale in Puglia: «Far sputare sangue a chi vuol portare indietro l’orologio della storia: lo rivendico e confermo – precisa -. Ma non stiamo dicendo che commetteremo violenze, come vogliono dare a intendere. È una espressione che significa fatica: pensano di vincere? Dovranno sputare sangue, faticare per arrivare a quel risultato».

E indicando cosa fare alle urne consiglia: «Votare per il Pd o, almeno nella mia Puglia, per chiunque altro, ma non per il centrodestra». Sul voto utile: «È legittimo che il segretario del Pd lo chieda – sottolinea -. Io amministro la Puglia con una maggioranza che comprende i 5stelle, non posso quindi fare mia quella richiesta: chiediamo, invece, all’elettorato di compiere un miracolo scegliendo collegio per collegio quello che ritengono con più possibilità cercando di far confluire il più possibile i voti, non importa se al Pd o ai 5 Stelle».

Leggi anche:  Lavoro, il Pd si appella al governo: "Intervenga subito e seriamente, mettiamo da parte le appartenenze politiche"
Native

Articoli correlati