Top

Nardella: "Il Pd può arrivare al 30% puntando su forze civiche e territori"

Il sindaco di Firenze Dario Nardella: "Il Pd può raccogliere ora la grande forza venuta fuori in queste ore a sostegno di Draghi. I sindaci, le imprese, l'associazionismo"

Nardella: "Il Pd può arrivare al 30% puntando su forze civiche e territori"
Dario Nardella

globalist Modifica articolo

21 Luglio 2022 - 17.30


Preroll

Dario Nardella una ricetta o forse una speranza ce l’ha: “Abbiamo perso in un Parlamento slegato dalla realtà ma siamo vincitori nel Paese”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

E’ quanto sostiene, il sindaco di Firenze Dario Nardella, il quale non è spaventato dal voto perché «il Pd può raccogliere ora la grande forza venuta fuori in queste ore a sostegno di Draghi. I sindaci, le imprese, l’associazionismo. Andiamo ad ascoltare le imprese del Nord tradite da Salvini e Berlusconi, che già perde pezzi autorevoli come Gelmini. Andiamo a conquistarci i lavoratori e i giovani del Sud che votavano 5 Stelle ma volevano che Draghi rimanesse – sottolinea – Siamo l’unico partito che ha sostenuto in modo compatto questo governo. E lo strappo violento e opportunistico con Draghi peserà sul centrodestra e sui grillini molto più di quanto non si creda”.

Middle placement Mobile

«Partiamo dalla nostra identità – aggiunge – Il Pd deve puntare al 30% e aggregando forze civiche può prendere tutti i voti degli italiani delusi e traditi da Lega, FdI e 5 Stelle. Possiamo farlo se programmi e candidature partono dal basso».

Dynamic 1

Primarie per scegliere i candidati in Parlamento? «Non so se ci sarà tempo, certo non si possono scegliere i candidati in cinque chiusi in una stanza di Roma. Dobbiamo partire dai territori». Ma con quali alleanze? «Prima i temi. Le alleanze vengono dopo. Possiamo essere il partito del lavoro e del mondo produttivo. Facciamo proposte forti sul lavoro. Meno tasse e più semplificazione. Un’agenda industriale per il rilancio del Paese. Un piano eccezionale sulle misure attive per il lavoro puntando su formazione, assunzioni e aumento dei salari. Centralità alla sanità pubblica e alla scuola. E una grande mobilitazione dei giovani sulle questioni ambientali. Portiamo l’Italia alla neutralità climatica con 10 anni di anticipo rispetto all’obiettivo europeo 2050. Difendiamo il nostro europeismo e atlantismo».

«Il rapporto coi 5 Stelle – prosegue Nardella – dopo quello che è successo mi sembra compromesso. Ma dal campo largo adesso abbiamo un campo aperto dove c’è spazio per il Pd. Che può arrivare al 30% e costruire alleanze con tutti i partiti del centrosinistra che si sono ritrovati lealmente nell’esperienza di questo governo. Ma la chiave di questa campagna saranno i territori. E dobbiamo scrollarci di dosso l’immagine che talvolta diamo di partito dell’establishment. Noi siamo il partito della società civile e delle città, ora è il momento di aprirci se vogliamo vincere. Coinvolgiamo le forze civiche del Paese. Con Letta e Draghi che può rimanere un punto di riferimento per tutti noi. La maggioranza degli italiani è delusa da Lega, Forza Italia e 5 Stelle. E noi dobbiamo parlare anche a loro. Perché ci sono tanti moderati che non vogliono sottostare al sovranismo autoritario e anti europeo di Meloni».

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile