Top

Malpezzi: "Continueremo a batterci per i diritti civili, Italia Viva voltagabbana"

La capogruppo del Pd: "Si è rotta la fiducia con il partito di Renzi? È stato brutto leggere i loro comunicati precedenti e successivi al voto sulla 'tagliola'"

Simona Malpezzi
Simona Malpezzi

globalist

29 Ottobre 2021 - 07.52


Preroll

Dopo la caduta al Senato del ddl Zan, Simona Malpezzi, la capogruppo del Pd, al Senato ha fatto un bilancio in seguito della sconfitta.
“I renziani hanno indebolito il ddl Zan prima ancora del voto sulla ‘tagliola’ nell’aula del Senato”.
Ha poi proseguito: “Si riparte – ha detto intervistata da Repubblica – . Non abbandoniamo la battaglia sui diritti”, ha assicurato.
Poi ha rivendicato il percorso: “La strada intrapresa è stata l’unica possibile: la fermezza dell’inizio ci ha consentito di calendarizzare il testo Zan prima in commissione, dove era sepolto, poi di liberarlo dal numero di audizioni e quindi di portarlo finalmente in aula dove non sarebbe mai arrivato. Non c’era da parte del centrodestra alcuna volontà di approvare una legge contro l’omotransfobia, tanto che si sono opposti a questi passaggi”. “Il Pd – ha ricordato – ha quindi aperto al confronto, ma è parso evidente che le destre non avrebbero mediato. Le immagini di esultanza sguaiata e scomposta, dopo il voto di mercoledì, hanno dimostrato che non avevano alcuna intenzione di dare al Paese una legge contro i crimini d’odio. Poi sul tema dei franchi tiratori ha detto: “In un voto segreto nessuno può permettersi di fare insinuazioni. Ma ho grande fiducia nel gruppo parlamentare che ho l’onore di guidare. Siamo stati tutti compatti. Quindi no, nessun franco tiratore nel Pd perché tutti i passaggi sono stati concordati con il segretario e con il gruppo”.
“Il segretario Letta dice che si è rotta la fiducia con il partito di Renzi? È stato molto brutto ascoltare gli interventi in aula dei senatori di Italia Viva. È stato brutto leggere i loro comunicati precedenti e successivi al voto sulla ‘tagliola’”. “Mi spiace che al Senato i renziani abbiano cambiato idea. È da lì che il ddl Zan ha cominciato a indebolirsi, molto prima del voto dell’aula”. “Finito il centrosinistra di Pd-M5S, Iv e Leu, la maggioranza del Conte 2? La maggioranza del Conte 2 è finita con quel governo. Da mesi siamo impegnati nella costruzione di un campo largo di centrosinistra”, ha concluso Malpezzi.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile