Fiano sull'inchiesta su Fratelli d'Italia: "C'è un'insopportabile puzza di fascismo"
Top

Fiano sull'inchiesta su Fratelli d'Italia: "C'è un'insopportabile puzza di fascismo"

Il deputato democratico figlio di un deportato ad Auschwitz: "Bisogna chiudere ogni spazio di agibilità politica in questo Paese a chi ancora ha nostalgia di Hitler e Mussolini"

Fiano
Fiano
Preroll

globalist Modifica articolo

1 Ottobre 2021 - 17.17


ATF

L’inchiesta di fanpage ha fatto luce sui rapporti tra Fratelli d’Italia e certi ambienti di estrema destra: quelli in cui alcuni imprenditori sono dento il giro nero, il “black” e sulla presenza di un gruppo trasversale, esoterico, ed omogeneo di massoni ed ammiratori di Hitler.
Emanuele Fiano (Pd), sentendosi chiamato in causa dal momento in cui è figlio di un deportato ad Auschwitz, ha preso la sua posizione in merito:
“Non ci sono parole sufficienti per il servizio di Fanpage trasmesso ieri sera da Piazzapulita. C’e’ un’insopportabile puzza di fascismo che si sente da lontano in quei discorsi, in quelle battute oscene sugli ebrei, sugli immigrati, sulle donne, in quelle amicizie naziste, in quei saluti romani, in quell’orgoglio fascista per niente celato. Tutto questo avviene a margine di un pezzo di campagna elettorale di una candidata in Consiglio comunale a Milano di Fratelli d’Italia. Noi non ci occupiamo del lavoro della magistratura che immagino vorra’ visionare il materiale per valutare le proprie azioni, circa evidenti proposte di finanziamento elettorale in nero. Noi ci occupiamo della battaglia democratica per chiudere ogni spazio di agibilità politica in questo Paese a chi ancora ha nostalgia di Hitler e Mussolini. Evidentemente non stanno solo nello scantinato di qualche sede di Casapound, Forza Nuova e Lealta’ e Azione”.

Leggi anche:  Manganellate agli studenti pro Palestina, il Pd: "Situazione oltre i livelli di guardia, repressione gravissima"
Native

Articoli correlati