Bassetti si racconta: "Sono moderato e liberale, ho votato Berlusconi, Renzi e Toti"

L'infettivologo: "Mi sento un uomo di centro. E oggi tanti elettori di centrodestra si sentono orfani, aver preso le posizioni prese da alcuni politici sui vaccini li ha allontanati dal loro elettorato".

Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova

Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova

globalist 22 settembre 2021

Si poteva immaginare ma ora c'è la conferma: "Non ho mai nascosto le mie simpatie politiche come cittadino. Sono sempre stato un moderato, un liberale. Io ho votato per Silvio Berlusconi, per Renzi, per Toti. Sto da quella parte, mi sento un uomo di centro. E oggi tanti elettori di centrodestra si sentono orfani, aver preso le posizioni prese da alcuni politici sui vaccini li ha allontanati dal loro elettorato".

Lo ha detto a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il professor Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie infettive de Policlinico San Martino di Genova. Chi l'ha delusa di più? "Sui vaccini qualche politico ha preso delle cantonate. Il green pass è lo strumento per non chiudere più mantenendo una soglia di sicurezza. Non so come si faccia a non capirlo". Si riferisce a Matteo Salvini o a Giorgia Meloni?
"Lo avete detto voi, io non parlo di nessuno in particolare. Credo però Salvini però negli ultimi giorni abbia avuto un atteggiamento più positivi verso i vaccini e questo lo apprezzo molto".